Lavoro 29 settembre 2015

Quattro mosse per battere il precariato

Le proposte del Sindacato Medici Italiani per stabilizzare i 12mila “atipici” della sanità pubblica

Immagine articolo

I precari che lavorano nella sanità pubblica italiana sono, tra convenzionati e dirigenti, circa 12mila. Di questi, oltre la metà continua da anni a vedersi rinnovato un contratto a tempo determinato e non ha diritto ad essere rappresentato.


Ed è anche a causa di questa precarietà che oltre 2.400 camici bianchi italiani emigrano ogni anno, facendo perdere allo Stato circa 150mila euro per ogni professionista formato che va via. È questo lo sconfortante quadro uscito dal workshop “Sanità pubblica, mai più precari!”, organizzato dallo SMI, Sindacato dei Medici Italiani. La colpa? Senza dubbio del governo, che sotto termini altisonanti come «reingegnerizzazione del sistema e lotta agli sprechi – spiega il Segretario Generale dello SMI, Pina Onotri – di fatto nasconde tagli che hanno, come conseguenza, quella di aumentare le sperequazioni nei servizi ai cittadini e nelle condizioni di chi lavora nella sanità pubblica»; sul banco degli imputati viene messo anche l’istituto stesso del sindacato: «La colpa è anche nostra – spiega – perché dobbiamo evolvere una volta per tutte, fare mea culpa e passare il testimone a chi è più giovane di noi. L’obiettivo comune è la salvaguardia del Servizio sanitario nazionale com’è stato finora: equo, accessibile e universale per tutti».

«Siamo insomma qui – spiega ancora Pina Onotri – per dire no al precariato perché nuoce gravemente alla salute dei medici e a quella dei cittadini e danneggia i progetti di vita, sia personali che professionali, di chi lavora in ambito sanitario». E pensare che attualmente esiste, sul questo tema, un Dpcm (Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri) che dovrebbe «stabilizzare i precari escludendo una larga platea di contratti atipici», ma che «non viene applicato». Una mancanza da parte dello Stato da cui nasce un grosso «rischio di ricorsi giudiziari, che ovviamente vorremmo evitare per quanto possibile». Come si risolve una volta per tutte questa situazione? Il Segretario dello SMI è chiaro: «Sono assolutamente necessari un contratto unico per tutti i dipendenti del Servizio sanitario nazionale; una diversa allocazione delle risorse; una legge per sanare l’anomalia italiana di un Dpcm che non viene attuato e un osservatorio che monitori Regione per Regione la sua applicazione». Solo così, spiega Onotri, se ne esce. È per questo che alla politica – conclude il Segretario Onotri – chiedo di cambiare rotta o ai nostri figli lasceremo nient’altro che macerie».

Macerie descritte con dovizia di particolari da Duilio Caruso, medico di Cosenza: «In Calabria la situazione di precarietà in cui vivono gli operatori sanitari è andata avanti negli ultimi anni in maniera drammatica, anche a causa del piano di rientro dal debito. Faccio l’esempio concreto del mio ospedale: la struttura in cui io e i miei colleghi operiamo è un hub. Dovremmo essere in tredici a lavorarci. Si tratta di un numero di professionisti sufficiente per avere continuità di servizio. E invece siamo in sette, a cui si aggiunge il primario. Di questi sette, più della metà sono precari, gli altri assunti a tempo indeterminato negli anni ’90. Ciò a testimonianza di un gap generazionale molto ampio. A Cosenza – spiega il dottor Caruso – per oltre 20 anni non ci sono stati concorsi nonostante le piante organiche carenti. Una situazione non solo insostenibile fisicamente e mentalmente per i turni massacranti cui il personale è sottoposto, ma anche pratici, materiali: siamo infatti costretti – conclude il dottor Caruso – a pagare personale esterno a 500 euro a notte. Insomma, nel settore sanitario esiste, oltre agli sprechi, anche un precariato nel precariato».

Articoli correlati
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
Legge Bilancio, SMI: «No all’obbligo di certificazione Inail senza contrattazione nazionale»
«Il comma 526 della legge di bilancio 2019 impone ulteriori oneri burocratici ai medici dipendenti e convenzionati SSN con le certificazioni INAIL». È la dichiarazione di Gian Massimo Gioria, Responsabile Nazionale SMI per l’Assistenza Primaria. «Rifiutiamo ogni logica impositiva. La legge di bilancio individua lo stanziamento di fondi del tutto insufficienti per le certificazioni INAIL. […]
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...