Lavoro 29 Settembre 2015 17:24

Quattro mosse per battere il precariato

Le proposte del Sindacato Medici Italiani per stabilizzare i 12mila “atipici” della sanità pubblica

Quattro mosse per battere il precariato

I precari che lavorano nella sanità pubblica italiana sono, tra convenzionati e dirigenti, circa 12mila. Di questi, oltre la metà continua da anni a vedersi rinnovato un contratto a tempo determinato e non ha diritto ad essere rappresentato.


Ed è anche a causa di questa precarietà che oltre 2.400 camici bianchi italiani emigrano ogni anno, facendo perdere allo Stato circa 150mila euro per ogni professionista formato che va via. È questo lo sconfortante quadro uscito dal workshop “Sanità pubblica, mai più precari!”, organizzato dallo SMI, Sindacato dei Medici Italiani. La colpa? Senza dubbio del governo, che sotto termini altisonanti come «reingegnerizzazione del sistema e lotta agli sprechi – spiega il Segretario Generale dello SMI, Pina Onotri – di fatto nasconde tagli che hanno, come conseguenza, quella di aumentare le sperequazioni nei servizi ai cittadini e nelle condizioni di chi lavora nella sanità pubblica»; sul banco degli imputati viene messo anche l’istituto stesso del sindacato: «La colpa è anche nostra – spiega – perché dobbiamo evolvere una volta per tutte, fare mea culpa e passare il testimone a chi è più giovane di noi. L’obiettivo comune è la salvaguardia del Servizio sanitario nazionale com’è stato finora: equo, accessibile e universale per tutti».

«Siamo insomma qui – spiega ancora Pina Onotri – per dire no al precariato perché nuoce gravemente alla salute dei medici e a quella dei cittadini e danneggia i progetti di vita, sia personali che professionali, di chi lavora in ambito sanitario». E pensare che attualmente esiste, sul questo tema, un Dpcm (Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri) che dovrebbe «stabilizzare i precari escludendo una larga platea di contratti atipici», ma che «non viene applicato». Una mancanza da parte dello Stato da cui nasce un grosso «rischio di ricorsi giudiziari, che ovviamente vorremmo evitare per quanto possibile». Come si risolve una volta per tutte questa situazione? Il Segretario dello SMI è chiaro: «Sono assolutamente necessari un contratto unico per tutti i dipendenti del Servizio sanitario nazionale; una diversa allocazione delle risorse; una legge per sanare l’anomalia italiana di un Dpcm che non viene attuato e un osservatorio che monitori Regione per Regione la sua applicazione». Solo così, spiega Onotri, se ne esce. È per questo che alla politica – conclude il Segretario Onotri – chiedo di cambiare rotta o ai nostri figli lasceremo nient’altro che macerie».

Macerie descritte con dovizia di particolari da Duilio Caruso, medico di Cosenza: «In Calabria la situazione di precarietà in cui vivono gli operatori sanitari è andata avanti negli ultimi anni in maniera drammatica, anche a causa del piano di rientro dal debito. Faccio l’esempio concreto del mio ospedale: la struttura in cui io e i miei colleghi operiamo è un hub. Dovremmo essere in tredici a lavorarci. Si tratta di un numero di professionisti sufficiente per avere continuità di servizio. E invece siamo in sette, a cui si aggiunge il primario. Di questi sette, più della metà sono precari, gli altri assunti a tempo indeterminato negli anni ’90. Ciò a testimonianza di un gap generazionale molto ampio. A Cosenza – spiega il dottor Caruso – per oltre 20 anni non ci sono stati concorsi nonostante le piante organiche carenti. Una situazione non solo insostenibile fisicamente e mentalmente per i turni massacranti cui il personale è sottoposto, ma anche pratici, materiali: siamo infatti costretti – conclude il dottor Caruso – a pagare personale esterno a 500 euro a notte. Insomma, nel settore sanitario esiste, oltre agli sprechi, anche un precariato nel precariato».

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Sciopero medici, Onotri (SMI): «Calpestati i nostri diritti più elementari e quelli dei pazienti»
Il Sindacato dei Medici Italiani (SMI) e il Sindacato Italiano Medici del Territorio (SIMET) hanno indetto uno sciopero di 48 ore (1 e 2 marzo), con la chiusura degli ambulatori, culminato con una manifestazione di piazza davanti al Ministero della Salute. Esposti cartelli di pace per richiedere la fine del conflitto in Ucraina
Sciopero Smi e Simet, Anelli (Fnomceo): «Piena solidarietà vanno ascoltati»
«Piena solidarietà ai colleghi medici dell’area convenzionata che oggi manifestano il profondo disagio nell'esercizio della professione»
di Filippo Anelli (Fnomceo)
Fondo famiglie medici deceduti, Scotti (Fimmg): «Aprire tutti gli studi invece che specularci su con sciopero discutibile»
Pina Onotri (Smi) ribadisce le ragioni dello sciopero del 1 e 2 marzo proclamato insieme alla Simet. E Scotti ribatte la contrarietà della Fimmg: «Preferiamo essere sui tavoli a discutere e a risolvere i problemi come abbiamo fatto. Forse qualcuno intende favorire le Regioni rispetto al passaggio alla dipendenza? »
Mmg, SMI e SIMET proclamano sciopero: «Salvare i medici per salvare il SSN»
Il 2 marzo manifestazione al Ministero della Salute. «Carichi di lavoro insostenibili, burocrazia aberrante e non ultimo il mancato indennizzo alle famiglie dei colleghi deceduti per Covid. Uno schiaffo, da parte dello Stato» spiegano le organizzazioni sindacali SMI e SIMET
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...