Lavoro 13 Ottobre 2021 16:12

Osteopati, Sciomachen (ROI): «Dopo il profilo professionale, attendiamo istituzione del percorso universitario»

La presidente del ROI: «Stabilita la modalità di equipollenza dei titoli ogni tassello sarà al suo posto ed anche gli osteopati potranno ambire ad un ruolo nel Sistema sanitario nazionale, contribuendo soprattutto alla gestione dei malati cronici»

di Isabella Faggiano

«La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nostro profilo professionale è stata il primo atto che riconosce l’osteopata tra le professioni sanitarie, così come sancito dalla legge 3 del 2018 sul riordino delle professioni sanitarie. Ora, il successivo e fondamentale tassello sarà l’individuazione del percorso formativo». A tracciare la seconda tappa decisiva per gli osteopati italiani, nel percorso intrapreso per il pieno riconoscimento tra le professioni sanitarie, è Paola Sciomachen, presidente del ROI, il Registro degli Osteopati d’Italia.

Formazione universitaria ed equipollenza dei titoli

Questo cammino è esplicitamente indicato nel profilo professionale che, all’articolo 1, definisce l’osteopata come «professionista sanitario in possesso di laurea triennale universitaria abilitante, o titolo equipollente, con successiva iscrizione all’albo professionale», aggiunge Sciomachen.

Anche le modalità per il riconoscimento dell’equipollenza dei titoli sono da definire. Così come specificato nell’articolo 4 sarà necessario un successivo accordo in Stato-regioni per individuare sia i criteri di valutazione dell’esperienza professionale, che quelli per il riconoscimento dell’equipollenza dei titoli di coloro che già esercitano la professione di osteopata.

La prevenzione osteopatica

«Riconoscere all’osteopata la possibilità di effettuare un intervento sanitario diretto nell’ambito della prevenzione è uno tra gli elementi più nuovi per la nostra professione», sottolinea la presidente del ROI.

Mansione esplicitata sempre all’articolo 1: «L’osteopata svolge in via autonoma, o in collaborazione con altre figure sanitarie, interventi di prevenzione e mantenimento della salute attraverso il trattamento osteopatico di disfunzioni somatiche non riconducibili a patologie, nell’ambito dell’apparato muscolo scheletrico», dice la professionista.

Ciò vuol dire che l’osteopata non si occupa solo della persona sana ma anche di soggetti affetti da patologie, con particolare attenzione ai malati cronici. «L’osteopata può contribuire sia al rallentamento del decorso degli effetti secondari di una patologia, sia a contenere o controllarne gli esiti, comprese le manifestazioni dolorose», aggiunge Paola Sciomachen.

Le modalità dei trattamenti

All’articolo 2 del profilo professionale sono definite le modalità operative dell’osteopata «che – come si legge – pianifica il trattamento osteopatico e predispone modalità di trattamento selezionando approcci e tecniche osteopatiche esclusivamente manuali, non invasive ed esterne, adeguate al paziente ed al contesto clinico». Nello stesso articolo è specificata anche la necessità di valutare gli esiti del trattamento osteopatico, l’appropriatezza, pianificando il follow-up.

Gli osteopati nel SSN

Sarà grazie all’applicazione del profilo professionale, alla definizione del percorso universitario e alle modalità  per l’equipollenza dei titoli che anche gli osteopati potranno ambire ad uno specifico ruolo nel SSN, così come auspicato da altri professionisti sanitari attraverso il raggiungimento, nei prossimi cinque anni, degli obiettivi previsti dal PNRR.

«Alcuni osteopati, grazie a diversi progetti di ricerca, operano già in ambito pubblico, soprattutto nei reparti di pediatria. Ma siamo certi che quando ogni tassello sarà completato e la legge 3 del 2018 giunta alla sua piena applicazione (nello specifico per la figura professionale dell’osteopata) sarà enorme il contributo che gli osteopati potranno offrire al Sistema sanitario nazionale, soprattutto – conclude Sciomachen – per la gestione dei malati cronici».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A 50 giorni dall’istituzione della professione il ROI lancia campagna “L’osteopatia è per tutti”
 Storie e personaggi per raccontare una disciplina al servizio dei bisogni di salute dei pazienti di tutte le età
Osteopatia, con il Progetto Cronos dal 17 al 23 aprile prime valutazioni di lombalgia gratuite in tutta Italia
È possibile prenotare il proprio appuntamento sul sito cronos.roi.it. I pazienti potranno individuare l’osteopata aderente all’iniziativa più vicino a loro attraverso la mappa interattiva disponibile qui. L'iniziativa coinvolge oltre 400 osteopati del ROI-Registro degli Osteopati d’Italia aderenti al progetto CronOs, Cronicità e Osteopatia
Osteopatia, gli italiani chiedono regolamentazione della professione e corso di studi ad hoc
Al Congresso ROI 2022 a Napoli il punto su percorsi accademici e tirocini formativi, equipollenze ed inserimento nei LEA
Osteopatia, dal 18 al 24 aprile il progetto CronOs 2022 con prime visite gratuite per pazienti long Covid
Obiettivo del progetto promosso dal Registro Osteopati d'Italia è quello di informare i cittadini sul supporto che l’osteopatia può offrire ai pazienti che presentano disturbi cronici
Osteopati, pubblicato il profilo professionale. Sciomachen (ROI): «Appello a Speranza e Messa: concludere presto iter»
«Abbiamo un’identità e un ruolo definito. Lavoriamo da subito ai corsi di laurea» sottolinea la presidente del registro Osteopati Italiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...