Salute 21 Settembre 2021 17:57

Dolore cronico, presentato il manifesto di Fondazione Onda: si punta su formazione e informazione

Numeri in crescita per effetto del long Covid: 21% dei malati non sa a chi rivolgersi e il 33% prima di arrivare ad un centro specializzato segue terapie improvvisate. Il documento presentato in Regione Lazio aiuta a riconoscere i sintomi e stabilire una cura per abbassare i costi del servizio sanitario nazionale con la medicina del dolore

di Federica Bosco
Dolore cronico, presentato il manifesto di Fondazione Onda: si punta su formazione e informazione

Riconoscere e curare il dolore cronico, reso ancor più debilitante dopo la pandemia, è l’obiettivo che si pone il manifesto presentato questa mattina in occasione del tavolo tecnico di Regione Lazio organizzato da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, e realizzato con il contributo incondizionato di Sandoz. Pur essendo stato riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come uno dei problemi di salute pubblica più diffusi, in realtà pochi ancora sanno come curare il dolore cronico che denunciano anche con due anni di ritardo dalla comparsa dei primi sintomi, mentre sono addirittura il 40% le persone che ne soffrono, ma non sono a conoscenza delle cure disponibili. Numeri alla mano, ad essere interessati dal dolore cronico sono tutte le fasce di età con prevalenza del gentil sesso (una su cinque ne soffre), mentre dall’insorgenza della malattia al momento della diagnosi e soprattutto della cura trascorrono in media sette anni, un lasso di tempo che va a gravare su quelle che sono già conseguenze invalidanti da un punto di vista fisico, psichico e socio relazionale.

Un italiano su tre affetto da dolore cronico non sa a chi rivolgersi per le cure

Nonostante siano passati più di dieci anni dall’approvazione della Legge 38 che riconosce il dolore cronico come una patologia da trattare in centri di cura, in realtà l’assistenza per quanti sono affetti da questa patologia risulta essere inadeguata. Il 21% dei malati non sa a chi rivolgersi e il 33% prima di arrivare ad un centro specializzato segue terapie improvvisate e consulta dai tre ai sette specialisti senza ottenere alcun risultato.

Ogni paziente costa 4mila euro annui al Servizio sanitario nazionale

Alle cure spesso ritardate e poco mirate sui singoli pazienti, si aggiungono i costi sociali ed economici pro capite che superano i 4mila euro l’anno così ripartiti: 1.400 euro a carico del Servizio sanitario nazionale e 3mila sul paziente conteggiati sulla perdita di produttività e di ore lavorative.

Formazione e informazione per facilitare diagnosi e cura

Considerando che il 90% dei casi sarebbe trattabile e curabile, se fosse riconosciuto per tempo, è evidente e indispensabile fare formazione e informazione sul dolore cronico per facilitare un accesso tempestivo ai percorsi di diagnosi e cura. A sottolineare questo aspetto, durante il tavolo tecnico, è stata la stessa Presidente di Fondazione Onda, Francesca Merzagora, che ha commentato: «La pandemia da Covid ha aggravato ancor più la situazione, ritardando diagnosi e non permettendo la continuità delle cure nei pazienti a cui la malattia era già diagnosticata, ma ha fatto emergere una nuova modalità di dolore cronico sviluppato come effetto long Covid-19».

Una risposta dalla medicina del dolore

A tutti pazienti che hanno perso troppo tempo per capire la patologia ed individuare il percorso di cura, e per tutti coloro che hanno sviluppato una forma di dolore cronico post Covid, una risposta concreta arriva dal “Manifesto sul dolore. Le proposte per una migliore gestione dei pazienti con dolore cronico”,  documento promosso dall’Associazione Italiana per lo studio del Dolore, Cittadinanzattiva, Federdolore, società Italiana dei Clinici del Dolore, Fondazione ISAL, Fondazione Onda, SIAARTI (società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva) e SIMG (Società Italiana di Medicina Generale e delle cure primarie) per promuovere azioni efficaci e raccogliere informazione sui pazienti, creare una rete di clinici, definendo a livello nazionale percorsi di cura e programmi di formazione continua e aggiornata del personale medico al fine di promuovere la cultura del dolore cronico, attraverso una corretta informazione sulla malattia e sulle effettive possibilità di cura. «E’ una condizione che va ad incidere sullo stato di salute generale, ovvero psicofisico e sociale – ha spiegato Silvia Natoli, professore associato in anestesia e rianimazione dell’Università Tor Vergata di Roma -. Per questo è essenziale che venga riconosciuta la medicina del dolore, ovvero una disciplina che integra percorsi di diagnosi, riabilitazione, gestione personalizzata di terapie mediche e chirurgiche più o meno invasive».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Health flows, la app intelligente che studia i fenomeni long Covid
Tre giovani ricercatori a Berlino, un incubatore e la capacità di ascoltare migliaia di storie di sopravvissuti. Così è nata la piattaforma che mappa gli ex pazienti Covid per aiutare la sanità pubblica e superare la solitudine della malattia
di Federica Bosco
«Vogliamo ritornare a vivere». Storie di ragazzi e di long Covid
Stanchezza, dolori, depressione, difficoltà a camminare, perdita di gusto e olfatto: sono alcuni dei sintomi più comuni del long Covid, raccontati da giovani dai 13 anni in su
di Federica Bosco
Brain fog da long Covid, quella confusione improvvisa nei pazienti
Una sensazione di confusione e "testa vuota": è la brain fog che perseguita alcuni guariti affetti da sindrome long Covid. Con il prof. Padovani, direttore della clinica neurologica di Brescia, analizziamo casi precedenti e terapie
Affanno respiratorio da long Covid, parliamone con l’esperto Mauro Carone (AIPO)
Quella fame d'aria che non passa anche dopo aver superato il virus: il long Covid per molti significa affanno respiratorio per settimane. Con lo pneumologo Mauro Carone analizziamo le categorie più colpite e le terapie a disposizione
Long Covid, Lorefice (M5S): «Ok a Odg per estendere visite specialistiche gratuite a malati curati a domicilio»
«Ho chiesto con il mio Odg di estendere per i due anni successivi al contagio i controlli periodici: il Servizio sanitario nazionale non deve lasciare indietro nessuno», sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?