Salute 21 Settembre 2021 17:57

Dolore cronico, presentato il manifesto di Fondazione Onda: si punta su formazione e informazione

Numeri in crescita per effetto del long Covid: 21% dei malati non sa a chi rivolgersi e il 33% prima di arrivare ad un centro specializzato segue terapie improvvisate. Il documento presentato in Regione Lazio aiuta a riconoscere i sintomi e stabilire una cura per abbassare i costi del servizio sanitario nazionale con la medicina del dolore

di Federica Bosco
Dolore cronico, presentato il manifesto di Fondazione Onda: si punta su formazione e informazione

Riconoscere e curare il dolore cronico, reso ancor più debilitante dopo la pandemia, è l’obiettivo che si pone il manifesto presentato questa mattina in occasione del tavolo tecnico di Regione Lazio organizzato da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, e realizzato con il contributo incondizionato di Sandoz. Pur essendo stato riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come uno dei problemi di salute pubblica più diffusi, in realtà pochi ancora sanno come curare il dolore cronico che denunciano anche con due anni di ritardo dalla comparsa dei primi sintomi, mentre sono addirittura il 40% le persone che ne soffrono, ma non sono a conoscenza delle cure disponibili. Numeri alla mano, ad essere interessati dal dolore cronico sono tutte le fasce di età con prevalenza del gentil sesso (una su cinque ne soffre), mentre dall’insorgenza della malattia al momento della diagnosi e soprattutto della cura trascorrono in media sette anni, un lasso di tempo che va a gravare su quelle che sono già conseguenze invalidanti da un punto di vista fisico, psichico e socio relazionale.

Un italiano su tre affetto da dolore cronico non sa a chi rivolgersi per le cure

Nonostante siano passati più di dieci anni dall’approvazione della Legge 38 che riconosce il dolore cronico come una patologia da trattare in centri di cura, in realtà l’assistenza per quanti sono affetti da questa patologia risulta essere inadeguata. Il 21% dei malati non sa a chi rivolgersi e il 33% prima di arrivare ad un centro specializzato segue terapie improvvisate e consulta dai tre ai sette specialisti senza ottenere alcun risultato.

Ogni paziente costa 4mila euro annui al Servizio sanitario nazionale

Alle cure spesso ritardate e poco mirate sui singoli pazienti, si aggiungono i costi sociali ed economici pro capite che superano i 4mila euro l’anno così ripartiti: 1.400 euro a carico del Servizio sanitario nazionale e 3mila sul paziente conteggiati sulla perdita di produttività e di ore lavorative.

Formazione e informazione per facilitare diagnosi e cura

Considerando che il 90% dei casi sarebbe trattabile e curabile, se fosse riconosciuto per tempo, è evidente e indispensabile fare formazione e informazione sul dolore cronico per facilitare un accesso tempestivo ai percorsi di diagnosi e cura. A sottolineare questo aspetto, durante il tavolo tecnico, è stata la stessa Presidente di Fondazione Onda, Francesca Merzagora, che ha commentato: «La pandemia da Covid ha aggravato ancor più la situazione, ritardando diagnosi e non permettendo la continuità delle cure nei pazienti a cui la malattia era già diagnosticata, ma ha fatto emergere una nuova modalità di dolore cronico sviluppato come effetto long Covid-19».

Una risposta dalla medicina del dolore

A tutti pazienti che hanno perso troppo tempo per capire la patologia ed individuare il percorso di cura, e per tutti coloro che hanno sviluppato una forma di dolore cronico post Covid, una risposta concreta arriva dal “Manifesto sul dolore. Le proposte per una migliore gestione dei pazienti con dolore cronico”,  documento promosso dall’Associazione Italiana per lo studio del Dolore, Cittadinanzattiva, Federdolore, società Italiana dei Clinici del Dolore, Fondazione ISAL, Fondazione Onda, SIAARTI (società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva) e SIMG (Società Italiana di Medicina Generale e delle cure primarie) per promuovere azioni efficaci e raccogliere informazione sui pazienti, creare una rete di clinici, definendo a livello nazionale percorsi di cura e programmi di formazione continua e aggiornata del personale medico al fine di promuovere la cultura del dolore cronico, attraverso una corretta informazione sulla malattia e sulle effettive possibilità di cura. «E’ una condizione che va ad incidere sullo stato di salute generale, ovvero psicofisico e sociale – ha spiegato Silvia Natoli, professore associato in anestesia e rianimazione dell’Università Tor Vergata di Roma -. Per questo è essenziale che venga riconosciuta la medicina del dolore, ovvero una disciplina che integra percorsi di diagnosi, riabilitazione, gestione personalizzata di terapie mediche e chirurgiche più o meno invasive».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia
Gli studiosi dell’Università di Utrecht hanno analizzato le reazioni ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive, utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea. L’analisi della psicologa Paola Biondi
Rossi (OMCeOMI): «Necessari ristori per medici vittime del virus»
A distanza di oltre due anni dall’inizio della pandemia Carlo Roberto Rossi presidente dell’Ordine dei Medici di Milano chiede che venga riconosciuto un risarcimento ai famigliari dei medici deceduti a causa del Covid e a coloro che hanno una invalidità permanente per effetto del long Covid
Long Covid, boom di pazienti alla ricerca di terapie costose e dubbie
Un'inchiesta condotta dal The British Medical Journal e da ITV News ha fatto luce su un fenomeno molto preoccupante: la migrazione di migliaia di pazienti con Long Covid verso paesi che offrono trattamenti costosi e molto probabilmente inutili
Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno
Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...