Lavoro 7 Febbraio 2020

Ordine psicologi Lombardia: Laura Parolin sceglie la continuità. Nuove soluzioni professionali e collaborazione con l’Università

«La nostra proposta sarà quella di costituire un gruppo con i referenti delle commissioni di terzo settore delle università lombarde che rappresentano a pieno titolo un’eccellenza sul piano nazionale – spiega Laura Parolin – per individuare le nuove linee di ricerca su cui fare investimenti»

di Federica Bosco

Occupazione e nuove frontiere professionali: Laura Parolin, Presidente dell’ordine degli psicologi della Lombardia, in carica dallo scorso 9 gennaio 2020, ha  le idee chiare sugli obiettivi da raggiungere, scegliendo un lavoro in continuità con la precedente consiliatura.

«Vorrei che questo ordine e questa consiliatura riuscissero ad offrire un servizio che non sia solo burocratico e normativo, – sottolinea a Sanità Informazione – ma un ordine che si prenda carico e sia una base sicura per tutti i nostri iscritti».

LEGGI ANCHE: ELEZIONE ORDINE PSICOLOGI LOMBARDIA: VINCE LA CONTINUITÀ. BETTIGA: «IN EREDITÀ LASCIO UN NUOVO PROGETTO: LO PSICOLOGO DI QUARTIERE»

Un’attenzione verso i colleghi che la Parolin ribadisce, non a caso, da quella che è stata battezzata la casa della psicologia, che dal 2016 rappresenta un luogo di incontro, di confronto e un incubatore di idee per la professione.

«Partirei dal tema dell’occupabilità, che è sicuramente un tema di fragilità della nostra comunità – rimarca la Parolin –  e quindi come istituzione abbiamo il dovere di supportare i colleghi in questa direzione. Per fare ciò, abbiamo immaginato di mettere al centro due tipi di progetti: il primo ha proprio a che fare con la possibilità di identificare anche in modo quantitativo ed empirico il vantaggio del nostro lavoro all’interno delle istituzioni, ovvero un progetto che vada ad individuare il beneficio economico di un intervento precoce della presa in carico dei pazienti in termini di risparmio per le istituzioni che fa lavorare gli psicologi. Un altro aspetto che favorisce l’occupabilità della professione riguarda nuovi ambiti professionali. Per fare questo, l’idea è quella di raccogliere delle indicazioni su quali sono questi ambiti, cercando una logica che permetta una partecipazione della definizione dei nuovi ambiti. L’obiettivo è quello di mettere una parte del bilancio in quota di compartecipazione della collettività che ci aiuti ad individuare gli ambiti della nuova professione su cui l’ordine potrà poi investire in  gruppi di lavoro per investire e potenziare le nuove aree. Una riflessione che abbiamo fatto è che queste nuove aree tematiche su cui fare nuovi investimenti debba necessariamente avere un’interazione con chi individua le eccellenze come fonte primaria che provengono proprio dai dati di ricerca. In questa direzione – prosegue – la proposta sarà quella di costituire un gruppo con i referenti delle commissioni di terzo settore delle università lombarde che rappresentano a pieno titolo un’eccellenza sul piano nazionale, per individuare le nuove linee di ricerca, metterle a confronto con i desideri della comunità, individuando così i temi su cui fare nuovi investimenti» conclude.

Articoli correlati
L’ex direttore sanitario dell’Asl di Bergamo spiega perché il virus è dilagato in Lombardia: «Commessi due errori»
Giuseppe Imbalzano: «Necessarie piccole équipe di medici e reparti isolati per malati Covid-19. Da abrogare l'articolo che consente ai sanitari positivi ma asintomatici di lavorare e fare i tamponi negli ospedali. Così l'infezione sarà gestibile in quaranta giorni»
di Federica Bosco
Coronavirus, il grande cuore di Milano: donati oltre 150 milioni di euro alla Sanità lombarda
Da Intesa San Paolo a Berlusconi, fino alla ditta Ferragni Fedez: artisti, imprenditori e sportivi, la generosità per vincere la battaglia contro il coronavirus
di Federica Bosco
Lombardia, Regione e Ats diffidate dalla Fimmg: «Entro tre giorni kit di protezione per tutti gli operatori sul territorio»
Il segretario regionale Paola Pedrini: «Inascoltati da tempo, i contagi vanno fermati sul nascere nel rapporto con i pazienti. A Bergamo malati più di 100 medici su 600»
di Federica Bosco
«Turni di 12 ore e operatori in quarantena, ma ce la faremo». La vita degli infermieri sul ‘fronte lombardo’
Stefania Pace, responsabile del coordinamento degli Ordini degli infermieri lombardi: «Mancano almeno 2mila infermieri negli ospedali della regione: con la carenza che c’è stiamo facendo miracoli». Nella zona rossa la situazione è difficile «ma nonostante questo stiamo garantendo una qualità assistenziale di alto livello»
Come affrontare la paura del Coronavirus? Ecco il vademecum per gli psicologi. L’esperto: «Servono responsabilità e rigore»
Dagli incontri su Skype per i pazienti nelle aree isolate alle indicazioni da dare a chi è particolarmente spaventato, le domande a cui gli psicologi in queste ore cercano risposte. Toscano (Responsabile sportelli di quartiere e progetti di comunità a Milano): «Il nostro compito è di tranquillizzare i pazienti, anche se non sempre è facile»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...