Lavoro 7 Febbraio 2020 12:42

Ordine psicologi Lombardia: Laura Parolin sceglie la continuità. Nuove soluzioni professionali e collaborazione con l’Università

«La nostra proposta sarà quella di costituire un gruppo con i referenti delle commissioni di terzo settore delle università lombarde che rappresentano a pieno titolo un’eccellenza sul piano nazionale – spiega Laura Parolin – per individuare le nuove linee di ricerca su cui fare investimenti»

di Federica Bosco

Occupazione e nuove frontiere professionali: Laura Parolin, Presidente dell’ordine degli psicologi della Lombardia, in carica dallo scorso 9 gennaio 2020, ha  le idee chiare sugli obiettivi da raggiungere, scegliendo un lavoro in continuità con la precedente consiliatura.

«Vorrei che questo ordine e questa consiliatura riuscissero ad offrire un servizio che non sia solo burocratico e normativo, – sottolinea a Sanità Informazione – ma un ordine che si prenda carico e sia una base sicura per tutti i nostri iscritti».

LEGGI ANCHE: ELEZIONE ORDINE PSICOLOGI LOMBARDIA: VINCE LA CONTINUITÀ. BETTIGA: «IN EREDITÀ LASCIO UN NUOVO PROGETTO: LO PSICOLOGO DI QUARTIERE»

Un’attenzione verso i colleghi che la Parolin ribadisce, non a caso, da quella che è stata battezzata la casa della psicologia, che dal 2016 rappresenta un luogo di incontro, di confronto e un incubatore di idee per la professione.

«Partirei dal tema dell’occupabilità, che è sicuramente un tema di fragilità della nostra comunità – rimarca la Parolin –  e quindi come istituzione abbiamo il dovere di supportare i colleghi in questa direzione. Per fare ciò, abbiamo immaginato di mettere al centro due tipi di progetti: il primo ha proprio a che fare con la possibilità di identificare anche in modo quantitativo ed empirico il vantaggio del nostro lavoro all’interno delle istituzioni, ovvero un progetto che vada ad individuare il beneficio economico di un intervento precoce della presa in carico dei pazienti in termini di risparmio per le istituzioni che fa lavorare gli psicologi. Un altro aspetto che favorisce l’occupabilità della professione riguarda nuovi ambiti professionali. Per fare questo, l’idea è quella di raccogliere delle indicazioni su quali sono questi ambiti, cercando una logica che permetta una partecipazione della definizione dei nuovi ambiti. L’obiettivo è quello di mettere una parte del bilancio in quota di compartecipazione della collettività che ci aiuti ad individuare gli ambiti della nuova professione su cui l’ordine potrà poi investire in  gruppi di lavoro per investire e potenziare le nuove aree. Una riflessione che abbiamo fatto è che queste nuove aree tematiche su cui fare nuovi investimenti debba necessariamente avere un’interazione con chi individua le eccellenze come fonte primaria che provengono proprio dai dati di ricerca. In questa direzione – prosegue – la proposta sarà quella di costituire un gruppo con i referenti delle commissioni di terzo settore delle università lombarde che rappresentano a pieno titolo un’eccellenza sul piano nazionale, per individuare le nuove linee di ricerca, metterle a confronto con i desideri della comunità, individuando così i temi su cui fare nuovi investimenti» conclude.

Articoli correlati
Mmg dipendenti in Lombardia? «Una follia» ribatte la FIMMG
Si parla insistentemente di medici di famiglia dipendenti in Lombardia, ma potrebbe succedere davvero? Il "no" di FIMMG è piuttosto netto nelle parole della segretaria regionale, ecco perché
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
Boom di tamponi rapidi in farmacia. Racca (Federfarma Lombardia): «Servizio gratuito per i ragazzi in 700 presìdi»
Dal 23 agosto tamponi gratuiti anche per i bambini dai 6 ai 14 anni e prezzi calmierati per gli adulti. Dal 1 ottobre possibile anche il vaccino in farmacia
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
Malattie croniche e pandemia, per 1 paziente su 3 terapie a rischio. L’indagine degli Psicologi Lazio
Durante la pandemia da Covid circa un terzo dei pazienti con malattie croniche ha faticato a comunicare con il proprio medico curante. Quasi uno su dieci ha addirittura smesso di contattarlo, mettendo seriamente a rischio la propria aderenza alle terapie. A rivelarlo è un’indagine realizzata dall’Osservatorio di Psicologia in cronicità in collaborazione con la Regione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco