Lavoro 8 Febbraio 2019

Napoli, medici del Cardarelli a Grillo e De Luca: «Intervenite, il nostro disagio è al limite. Siamo troppo penalizzati»

L’intersindacale: «Medici del Cardarelli subiscono gravi ed impari penalizzazioni professionali ed economiche. Fondi del Trattamento Accessorio attribuiti dalla Regione regolarmente scippati e non utilizzati per riconoscere i risultati e incentivare le migliori professionalità»

Immagine articolo

«Siamo lieti che nella sua visita a sorpresa al Dipartimento di Emergenza del Cardarelli di Napoli il Ministro della Salute Giulia Grillo abbia elogiato lo stato di igiene della struttura e insieme riconosciuto l’enorme mole di lavoro che da troppo tempo ormai – decenni – ricade sulle spalle dei Dirigenti Medici dell’ospedale a fronte di continue criticità organizzative nell’azienda stessa e della rete assistenziale territoriale. E ci uniamo a lei nel sottolineare come sia intollerabile “l’invasione di barelle” nell’ospedale, frutto di un costante flusso di pazienti che nessuna altra struttura del territorio è in grado di curare nell’emergenza. Ma abbiamo il timore che il Ministro non sia a conoscenza dello stato di grave ed impari penalizzazione professionale ed economica dei medici di questo ospedale».  Con queste parole le organizzazioni sindacali dei dirigenti medici (Aaroi-Emac, Anpo, Anaao, Cimo, Cgil, Cisl, Uil, Fassid, Fesmed e Sidirmed) colgono l’occasione della recente visita del Ministro Grillo per rendere note le condizioni di eccessivo sacrificio e disparità di trattamento cui sono sottoposti i medici dell’ospedale, che rischia di favorire un’ulteriore fuga di professionisti dalla sanità locale e certamente di non attrarne di nuovi.

L’intersindacale vuole infatti ricordare alle istituzioni nazionali e locali che «a fronte del miglioramento della qualità della Sanità Campana (rete IMA, rete TRAUMA, rete del piede diabetico, trattamento delle fratture di femore nelle 48 ore, riduzione dei parti cesarei), frutto in particolare dell’abnegazione di quanti lavorano nella principale struttura ospedaliera della regione, gli stessi medici del Cardarelli, e solo loro, subiscono un articolato “scippo” di quei  Fondi del Trattamento Accessorio attribuiti dalla Regione, che dovrebbero costituire il riconoscimento sui risultati e un incentivo per attrarre le migliori professionalità al servizio della salute dei pazienti dell’ospedale».

«E invece – si legge in una nota – da anni tali fondi vengono utilizzati per pagare il lavoro straordinario a fronte di gravi carenze di personale sanitario al fine di assicurare i LEA (livelli minimi di assistenza) di fronte ad un afflusso crescente di pazienti nella struttura, qui dirottati da altre strutture non adeguatamente attrezzate alle cure di emergenza; dagli stessi fondi vengono sottratti 292.000 euro l’anno per pagare la rata di  “riallineamento”, imposta dalla Regione, ma che nessun’altra Azienda, ASL, Presidio Ospedaliero della Regione Campania paga; per anni, fino al 2018, è stata decurtata, sempre dai Fondi del Trattamento Accessorio, la somma di euro 156.000,00 per il pagamento delle indennità dei Capi di Dipartimento, importo che, come previsto dal vigente CCNL, deve essere a carico del Bilancio Aziendale».

«Tale depauperamento del Fondo del Trattamento Accessorio – prosegue l’intersindacale – impedisce all’attuale Amministrazione di assegnare agli aventi diritto i dovuti incarichi professionali, così come previsto dal vigente CCNL, andando a ledere i diritti dei lavoratori nella naturale progressione di carriera, configurandosi un evidente danno professionale.

Le organizzazioni sindacali denunciano dunque al Ministro Grillo e al Presidente della Regione De Luca «l’insostenibilità di questa situazione che colpisce proprio i medici del Cardarelli i quali, più di altri, da anni fanno fronte con responsabilità alla pressante richiesta di salute che converge nella struttura napoletana da tutta la Campania, e chiedono al Presidente della Regione un intervento della massima urgenza a tutela della salute dei cittadini e dei diritti dei lavoratori».

Articoli correlati
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Carenza medici, Tuzi (M5S): «Con noi record di borse di specializzazione. Viceministro Fioravanti al lavoro per soluzione»
In una interpellanza urgente al viceministro del Miur, Lorenzo Fioramonti, il deputato Cinque Stelle, che ha ricevuto garanzia da parte del viceministro Miur Fioramonti, ha sottolineato: «Il prossimo anno ci saranno 24mila potenziali nuovi candidati e il sistema Universitario attualmente non è in grado di formare più di 11mila medici, va fatto un cambio di passo»
Visita all’ospedale Cannizzaro di Catania. Il DG: «Grazie a nostre professionalità, meno siciliani si curano al Nord»
Il direttore generale dell’AO Cannizzaro Salvatore Giuffrida: «A breve saranno pronti i nuovi locali del Pronto soccorso. Le liste d’attesa si combattono anche dialogando con i medici di famiglia»
Medici sfruttati, Danielle Ofri (New York Times) a Sanità Informazione: «Ecco tre consigli ai colleghi italiani…»
ESCLUSIVA | La dottoressa Danielle Ofri dell’ospedale Bellevue di New York è l’autrice dell’editoriale sullo sfruttamento dei medici e dei professionisti sanitari che, tradotto da Sanità Informazione, è stato condiviso da oltre 50mila persone. Le abbiamo chiesto tre consigli e perché, secondo lei, i problemi di chi lavora nella sanità statunitense sono così simili a quelli che affrontano i medici italiani...
Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»
Il Sottosegretario alla Salute commenta il problema della carenza di specialisti che sta assumendo dimensioni sempre più importanti: «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte, con Dl Calabria prima risposta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...