Lavoro 21 Agosto 2020 09:02

Medicina Generale, lunedì il Tavolo con il Ministro. Anelli (FNOMCeO): «Grande opportunità politica»

Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «I medici sono leva per il cambiamento»

Medicina Generale, lunedì il Tavolo con il Ministro. Anelli (FNOMCeO): «Grande opportunità politica»

Si riunirà già lunedì prossimo il Tavolo permanente di confronto con la professione sulla Medicina Generale, istituito mercoledì dal Ministro della Salute Roberto Speranza a conclusione dell’incontro con i sindacati medici sui test sierologici da effettuarsi, da parte proprio dei medici di Medicina Generale, sul personale, docente e non, delle scuole. A dare la notizia è il Presidente della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, invitato a partecipare ai lavori. Il Tavolo, che vedrà lunedì la presenza del Ministro, è composto dalle rappresentanze delle sigle sindacali della Medicina Generale e avrà il compito di dar voce alle proposte della professione medica per una riforma della medicina territoriale, oltre a una funzione consultiva sull’impiego, in quest’ambito, del Recovery Fund.

«Ringraziamo il Ministro Roberto Speranza per la disponibilità e la piena fiducia dimostrate, ancora una volta, nei confronti della professione, con l’istituzione di questo Tavolo, per il quale saranno i colleghi a decidere gli obiettivi, gli argomenti da porre all’Ordine del giorno, la calendarizzazione degli incontri», afferma Anelli in una nota.

«È una bella iniziativa, caldeggiata dalla FNOMCeO e messa in campo proprio durante la riunione sulle eventuali criticità relative ai test rapidi. A dimostrazione che, dal confronto su un argomento controverso, può nascere l’occasione per aprire una prospettiva più ampia, e per arrivare a soluzioni a largo spettro. In altre parole, i test sono solo un dettaglio del quadro complessivo delle cure primarie. E, con questa iniziativa, il Governo riconosce il ruolo forte che i medici di Medicina Generale, insieme agli altri professionisti, possono e devono avere nel rilancio di tali cure e, più in generale, nella governance della salute individuale e collettiva».

«Da parte nostra – promette il Presidente FNOMCeO – dichiariamo piena collaborazione e sostegno, e invitiamo tutti i colleghi coinvolti a cogliere questa grande opportunità politica, che consente ai medici di avere voce in capitolo nella ricostruzione del Servizio sanitario nazionale».

«L’assistenza territoriale è la chiave per rendere il nostro Servizio Sanitario nazionale “antisismico” nei confronti di un’eventuale seconda ondata di Covid-19, e per prevenire e tenere sotto controllo questa eventualità – spiega Anelli -. Questo è il momento di lanciare la sfida di un’assistenza territoriale che veda i professionisti lavorare insieme, in equipe multiprofessionali, ‘al letto del malato’ – auspica Anelli –. Che li veda dotati di strutture e strumentazioni adeguate per dare ai cittadini le principali risposte alle richieste di salute: diagnostica di primo livello, somministrazione di vaccinazioni e terapie iniettive, fisioterapia, telemedicina intesa come teleconsulti con specialisti, consulti specialistici in loco, cure domiciliari».

«È una sfida che la professione medica deve non solo accettare, ma proporre in maniera proattiva, quale strategia vincente per la sanità del prossimo futuro – conclude il Presidente FNOMCeO -. La volontà del Governo di investire risorse cospicue sulle cure primarie è un ottimo segnale. E lo è ancor più la decisione di affidarsi, per programmare la gestione e la destinazione di tali risorse, ai professionisti, che la sanità e la salute governano ogni giorno, avendone tutte le competenze. Ora i colleghi possono e devono essere la vera leva del cambiamento del Servizio Sanitario Nazionale».

Articoli correlati
Case di Comunità, da Nord a Sud la rivolta dei medici di famiglia: «Piccoli e medi centri penalizzati, guai a perdere la prossimità»
Da Palestrina a Castelfidardo, da Valle Cavallina a Borgofranco D'Ivrea, viaggio nelle realtà lontane dai grandi centri urbani dove la riforma prevista dal PNRR preoccupa
di Giovanni Cedrone, Federica Bosco e Chiara Stella Scarano
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»
Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM
Fp Cgil precisa: «Documento Fnomceo non sottoscritto dai sindacati»
Il segretario nazionale della la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn Andrea Filippi specifica in relazione al documento Fnomceo sul rilancio della professione: «Recuperare il valore troppo spesso marginalizzato delle relazioni sindacali con le istituzioni»
I medici scrivono a Draghi e a Speranza: «Chiediamo ruolo da protagonisti nel rinnovamento in sanità»
I nove punti su cui FNOMCeO e sindacati chiedono un'interlocuzione con il governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM