Lavoro 21 Agosto 2020 09:02

Medicina Generale, lunedì il Tavolo con il Ministro. Anelli (FNOMCeO): «Grande opportunità politica»

Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «I medici sono leva per il cambiamento»

Medicina Generale, lunedì il Tavolo con il Ministro. Anelli (FNOMCeO): «Grande opportunità politica»

Si riunirà già lunedì prossimo il Tavolo permanente di confronto con la professione sulla Medicina Generale, istituito mercoledì dal Ministro della Salute Roberto Speranza a conclusione dell’incontro con i sindacati medici sui test sierologici da effettuarsi, da parte proprio dei medici di Medicina Generale, sul personale, docente e non, delle scuole. A dare la notizia è il Presidente della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, invitato a partecipare ai lavori. Il Tavolo, che vedrà lunedì la presenza del Ministro, è composto dalle rappresentanze delle sigle sindacali della Medicina Generale e avrà il compito di dar voce alle proposte della professione medica per una riforma della medicina territoriale, oltre a una funzione consultiva sull’impiego, in quest’ambito, del Recovery Fund.

«Ringraziamo il Ministro Roberto Speranza per la disponibilità e la piena fiducia dimostrate, ancora una volta, nei confronti della professione, con l’istituzione di questo Tavolo, per il quale saranno i colleghi a decidere gli obiettivi, gli argomenti da porre all’Ordine del giorno, la calendarizzazione degli incontri», afferma Anelli in una nota.

«È una bella iniziativa, caldeggiata dalla FNOMCeO e messa in campo proprio durante la riunione sulle eventuali criticità relative ai test rapidi. A dimostrazione che, dal confronto su un argomento controverso, può nascere l’occasione per aprire una prospettiva più ampia, e per arrivare a soluzioni a largo spettro. In altre parole, i test sono solo un dettaglio del quadro complessivo delle cure primarie. E, con questa iniziativa, il Governo riconosce il ruolo forte che i medici di Medicina Generale, insieme agli altri professionisti, possono e devono avere nel rilancio di tali cure e, più in generale, nella governance della salute individuale e collettiva».

«Da parte nostra – promette il Presidente FNOMCeO – dichiariamo piena collaborazione e sostegno, e invitiamo tutti i colleghi coinvolti a cogliere questa grande opportunità politica, che consente ai medici di avere voce in capitolo nella ricostruzione del Servizio sanitario nazionale».

«L’assistenza territoriale è la chiave per rendere il nostro Servizio Sanitario nazionale “antisismico” nei confronti di un’eventuale seconda ondata di Covid-19, e per prevenire e tenere sotto controllo questa eventualità – spiega Anelli -. Questo è il momento di lanciare la sfida di un’assistenza territoriale che veda i professionisti lavorare insieme, in equipe multiprofessionali, ‘al letto del malato’ – auspica Anelli –. Che li veda dotati di strutture e strumentazioni adeguate per dare ai cittadini le principali risposte alle richieste di salute: diagnostica di primo livello, somministrazione di vaccinazioni e terapie iniettive, fisioterapia, telemedicina intesa come teleconsulti con specialisti, consulti specialistici in loco, cure domiciliari».

«È una sfida che la professione medica deve non solo accettare, ma proporre in maniera proattiva, quale strategia vincente per la sanità del prossimo futuro – conclude il Presidente FNOMCeO -. La volontà del Governo di investire risorse cospicue sulle cure primarie è un ottimo segnale. E lo è ancor più la decisione di affidarsi, per programmare la gestione e la destinazione di tali risorse, ai professionisti, che la sanità e la salute governano ogni giorno, avendone tutte le competenze. Ora i colleghi possono e devono essere la vera leva del cambiamento del Servizio Sanitario Nazionale».

Articoli correlati
Giornata del personale sanitario, il racconto dell’omaggio italiano
Segui la diretta dell'evento organizzato dalla FNOMCeO (Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) per ricordare i medici e gli odontoiatri che hanno sacrificato la propria vita per combattere il Covid-19
Giornata personale sanitario, Anelli (Fnomceo): «Nostre professioni uniscono il Paese»
Raggiunto da Sanità Informazione nella Giornata del personale sanitario, socio-sanitario e volontario contro Covid-19, a un anno dall'inizio della pandemia, il presidente Fnomceo Filippo Anelli parla di «un momento di riflessione sulla capacità di queste professioni di mantenere unito il Paese»
Vaccini Covid, Anelli (FNOMCeO): «Liberare i brevetti»
«L’emergenza è tale per cui l’accesso alla vaccinazione del maggior numero possibile di persone non risponde solo ai principi etici di universalità, equità e uguaglianza ma anche a una precisa strategia di prevenzione»
Elezioni Ordini: al via le prime per via telematica. La guida al voto
Per supportare gli Ordini nel voto, la FNOMCeO ha pubblicato due manuali (per il voto elettronico e per quello telematico), le istruzioni in merito allo svolgimento delle operazioni di voto e il Regolamento
Campagna vaccinale, primo bilancio della fase 1: bene il dato sui MMG, ma mancano ancora i liberi professionisti
Anelli (FNOMCeO): «La prima fase non può considerarsi conclusa se non verrà garantito il vaccino a tutti gli operatori sanitari». Scotti (FIMMG): «Solo il 3% dei MMG non è stato contattato per la vaccinazione. Adesione pressoché totale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...