Salute 17 Agosto 2020

Covid-19, medici di famiglia effettueranno test sierologici sul personale scolastico

Si parte il 24 agosto. La contrarietà di Pina Onotri (SMI): «Scelta sbagliata»

Immagine articolo

Saranno i medici di Medicina Generale a dover effettuare i test sierologici volontari sul personale scolastico. Si inizierà il 24 agosto e si proseguirà fino al 7 settembre, una settimana prima dell’apertura delle scuole prevista per il 14. I criteri e le indicazioni operative per l’effettuazione dei test sono elencati in una circolare del ministero della Salute.

La circolare del ministero sui test sierologici per il personale scolastico

«Le Asl – si legge nel testo – assicureranno ai MMG la fornitura di adeguati dispositivi di protezione individuale». Gli assistiti che vorranno sottoporsi al test dovranno prenotarsi «consentendo in tal modo il rispetto dell’organizzazione dello studio al fine di limitare il rischio di contagio del medico, del proprio personale e di altri assistiti».

Quindi, i medici di Medicina Generale «trasmetteranno i dati relativi all’esito dei test sierologici effettuati sui propri assistiti ai Dipartimenti di prevenzione dell’Asl di afferenza» che, a loro volta, dovranno trasmettere alla regione o alla provincia autonoma di appartenenza i dati aggregati per genere e fascia di età relativi all’esito dei test. Dati che verranno quindi trasmessi all’Istituto Superiore di Sanità e al ministero della Salute.

I MMG quindi caricheranno sul Sistema Tessera Sanitaria «l’informazione relativa all’effettuazione del test sierologico».

In caso di positività, «il competente Dipartimento di prevenzione provvederà all’effettuazione del test molecolare, possibilmente entro le 24 ore, e comunque non oltre le 48 ore, dall’esito del test sierologico, e agli ulteriori adempimenti di competenza». I test molecolari con esito positivo verranno trasmessi dalle Asl alle regioni che, a loro volta, li inoltreranno all’ISS.

I dispositivi per lo screening sierologico saranno distribuiti dal Commissario Straordinario alle regioni e alle province autonome che li assegneranno alle Asl. Queste ultime, infine, li consegneranno ai MMG.

SMI: «SCELTE SBAGLIATE»

«Sono scelte sbagliate che ci vedono contrari», è il commento di Pina Onotri, segretario generale del Sindacato Medici Italiani (SMI). «E i drive in? Le Usca? Gli uffici di Igiene e Profilassi? Spariti nel nulla? La nostra opposizione a tale accordo – spiega Onotri – racchiude molteplici ragioni: da un punto di vista organizzativo significherebbe fare gli stessi errori che hanno portato tanti morti nelle RSA quando si è deciso di mettere a contatto malati Covid con soggetti fragili, e cioè non tenere distinti il percorso sporco da quello pulito».

 

Articoli correlati
Chiusura scuole in Campania, i pediatri: «Più pericolosi gli incontri per strada o in casa»
Giuliano (Simpe Campania): «Sbagliato colpire l’istruzione, l’impatto delle scuole nei contagi è minimo». Mele (Simpe nazionale): «Atto dovuto, ma evitare che la chiusura della scuola generi ulteriori occasioni di assembramento»
Test salivari per Covid-19, Andreoni (Tor Vergata): «Rapidi, semplici e meno invasivi, sono ideali per le scuole»
«Ad oggi non esistono test efficaci al 100% - ha spiegato a Sanità Informazione -. I test salivari hanno sensibilità ridotta rispetto al tampone, ma se funzionano al 90-95% possiamo ritenerci soddisfatti. Validi soprattutto in campagne di screening in aeroporto e nelle scuole»
Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455
Il Mur ha pubblicato il decreto tanto atteso: rispetto allo scorso anno oltre 5mila borse in più. Epifani (Smi): «Aumentate le borse ma anche i candidati al test d'ammissione per le scuole di specializzazione. Non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo»
«Ricomincia la scuola, ricominciamo tutti»
Laura Parolin Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...