Lavoro 23 Aprile 2019 16:25

Medici stranieri in corsia, Leoni (CIMO Veneto): «Difficile che accettino queste condizioni economiche. Preferiscono altri Paesi»

Il segretario regionale del sindacato propone di utilizzare i 4 miliardi avanzati dall’attuazione di reddito di cittadinanza e Quota 100 per aumentare il numero delle borse delle scuole di specializzazione e rinnovare il contratto dei medici

Medici stranieri in corsia, Leoni (CIMO Veneto): «Difficile che accettino queste condizioni economiche. Preferiscono altri Paesi»

Le aziende sanitarie continuano a cercare soluzioni fai-da-te alla carenza di specialisti. Adesso è il turno dell’Usl 2 di Treviso, che spera di firmare un accordo con l’Università romena di Timisoara per assumere dieci medici locali. Una notizia che ha fatto scalpore e che è stata commentata dal presidente della Regione Luca Zaia come «il segno dei tempi» per far fronte ad un gap di medici specializzati che in Veneto è particolarmente grave: sono 1300 quelli che mancano all’appello, e per questo la Regione ha anche proposto di richiamare in servizio i pensionati.

LEGGI ANCHE: CARENZA SPECIALISTI, SI CERCANO MEDICI STRANIERI. FEDERSPECIALIZZANDI: «È IL DELIRIO. INVESTIRE SU QUALITA’ CONTRATTI»

Ma Giovanni Leoni, segretario di CIMO Veneto, lancia un allarme forse ancor più preoccupante: «È difficile trovare medici stranieri che vogliano venire a lavorare in Italia – dichiara a Sanità Informazione – perché le condizioni economiche che vengono loro offerte sono inferiori a quelle che trovano nel resto d’Europa. Ed è ovvio che chi è costretto a lasciare la propria casa cerchi le migliori condizioni possibili. Non siamo un Paese attrattivo e, anzi, il 25% degli stranieri che lavorano in Italia decide di tornare a casa o di trasferirsi altrove».

A breve sarà complicato anche attingere al di là di Alpi e Mediterraneo, quindi, e se non si porrà mano al problema, la carenza di specialisti non potrà che aggravarsi. Il problema da risolvere è allora a monte: bisogna fare in modo che ci siano medici italiani da assumere e impiegare negli ospedali e sul territorio. E Leoni propone la sua soluzione.

«Abbiamo letto sulle prime pagine di tutti i giornali che dall’applicazione di reddito di cittadinanza e Quota 100 potrebbe avanzare qualche miliardo di euro già stanziato, si dice addirittura 4 miliardi. Un vero e proprio tesoretto, ma nessuno ha pensato di poter utilizzare parte di questi soldi per risolvere i due principali problemi che riguardano i medici: l’aumento delle borse per le scuole di specializzazione ed il rinnovo del contratto nazionale. Mi dispiace che non lo abbia proposto nessuno – conclude Leoni – perché potrebbe essere una buona occasione per investire in sanità e salute».

 

Articoli correlati
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»
«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]
Veneto “primo della classe” per il contrasto alla violenza sulle donne e i servizi della salute mentale
La regione guidata dal Governatore Luca Zaia investe 3 milioni per sostegno economico alle donne vittime di violenza, educazione nelle scuole e corsi di recupero per uomini violenti. Mentre inaugura un nuovo modello organizzativo e gestionale territoriale e ospedaliero per la cura della salute mentale con un’area di transizione per i ragazzi tra i 12 e i 24 anni
Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi
La Regione guidata da Luca Zaia nel dopo Covid fa scuola: con la sentenza 36 del 2022 la Consulta respinge il ricorso di Anaao e Assomed e apre ad una possibile revisione della norma a livello nazionale, mentre sceglie di investire quaranta milioni di euro per recuperare il tempo perduto durante la pandemia
Il caso Molise e i concorsi deserti. Florenzano (ASReM): «Aumentare l’attrattività delle aree interne con incentivi salariali e benefit»
Il direttore Generale dell’ASReM: «Mancano medici specialisti, ma non c’è carenza di infermieri e Oss». Il Consiglio regionale ha approvato una mozione per invio di medici militari nei Ps
Aprilia, voragine Medicina Generale: nel Comune nessun medico di famiglia disponibile
Regione e Fimmg Lazio al lavoro per trovare soluzioni. L’OMCeO pontino: «Scontiamo errori atavici di programmazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...