Lavoro 21 Maggio 2021 13:27

Lo scudo penale potrebbe non ostacolare una valanga di contenziosi alla fine dell’emergenza

La non punibilità per colpa grave degli operatori sanitari potrebbe non essere sufficiente per scongiurare le cause. Balboni (Fdi): «Resta la responsabilità civile, la norma non dice nulla di nuovo». Recchia (Fials): «Ora serve scudo procedimentale o si tornerà alla medicina difensiva»

Lo scudo penale potrebbe non ostacolare una valanga di contenziosi alla fine dell’emergenza

Lo scudo penale per gli operatori sanitari valido nel periodo pandemico è una misura accolta in modo positivo da tutto il mondo della sanità. In base all’emendamento approvato al Decreto Legge 44, i professionisti saranno punibili solo per i casi di colpa grave per i fatti di cui agli articoli 589 e 590 del Codice penale (omicidio colposo e lesioni personali colpose), commessi nell’esercizio di una professione sanitaria e che trovano causa nella situazione di emergenza. Tuttavia, la misura potrebbe non bastare per mettere al riparo gli operatori da cause e contenziosi. E, soprattutto, con la fine dello stato di emergenza si potrebbe tornare alla situazione precedente, con il ritorno a quella valanga di contenziosi che affollano i nostri tribunali e che vedono protagonisti, loro malgrado, tanti professionisti sanitari.

Fratelli d’Italia: «Serviva escludere la responsabilità, così norma rischia di non incidere»

Una prima obiezione è arrivata in Parlamento da Fratelli d’Italia e a tirarla fuori è stato il senatore ed avvocato Alberto Balboni, che ha spiegato a Sanità Informazione i rischi di una norma che a suo giudizio andava scritta meglio.

«L’articolo 3 del DL parla di non punibilità – spiega il senatore -. Per la giurisprudenza, l’esclusione della punibilità presuppone che il fatto esista e che semplicemente per ragioni esterne lo Stato in certi casi decide di non punire. La non punibilità presuppone un fatto che astrattamente è antigiuridico, ma poi in concreto lo Stato rinuncia a punirlo. La conseguenza è che su un piano civile la responsabilità rimane. Per cui, in base all’articolo 3 del Dl 44 il sanitario rimane soggetto all’azione di responsabilità civile. Noi avevamo proposto di cambiare ‘punibilità’ con ‘responsabilità’, bastava cambiare una parola. A quel punto escludere la responsabilità significava escludere in toto ogni conseguenza giuridica a carico del sanitario».

Il rischio, secondo Balboni, è che la norma resti una norma ‘manifesto’ incapace però di produrre effetti concreti. «In realtà quella norma non dice nulla di nuovo rispetto a ciò che è previsto nel nostro ordinamento giuridico – continua Balboni -. Ossia che se uno rispetta i protocolli, le regole, le linee guida non è punibile. Se non c’è reato non ci può essere la colpa. Paradossalmente la norma che è stata approvata peggiora la situazione, perché apre lo spazio a un’azione civile che invece lasciando le cose com’erano in precedenza non era possibile».

«La norma – continua Balboni – dice che è esente da punibilità per lesioni colpose o omicidio colposo il sanitario che a causa dell’emergenza non ha potuto fare tutto ciò che la buona pratica medica gli avrebbe imposto di fare. Anche qui c’è un errore giuridico concettuale grave: quella ‘causa’. Se c’è una causa che esclude la responsabilità, la norma è del tutto inutile. Parlare di causa in quell’articolo lì è molto pericoloso perché ancora una volta si apre la strada a una maggiore perseguibilità penale, perché tutte le volte in cui non c’è la causa il sanitario può essere ritenuto responsabile. Bastava togliere la parola causa, bastava dire “durante” l’emergenza».

Fials: «Ora serve scudo procedimentale»

Tutti i sindacati hanno manifestato il loro apprezzamento per lo scudo penale introdotto dal Parlamento. Tuttavia c’è chi, come la FIALS, considera lo scudo penale un primo passo per una seria tutela degli operatori a cui però ne devono seguire altri.

«Dobbiamo scongiurare il ritorno alla medicina difensiva – spiega a Sanità Informazione Gianni Recchia della Segreteria nazionale della FIALS -. Lo scudo penale è un primo passo in avanti, un provvedimento giusto e doveroso perché la limitazione della responsabilità non è più limitata ai vaccini ma a tutti i casi di colpa grave. L’obiettivo non è certamente nascondere misfatti o avere un’immunità, ma è una garanzia per gli operatori e per gli stessi cittadini».

Ora però, secondo Recchia, serve un ulteriore passo in avanti: «È necessario che dallo scudo penale si passi a uno scudo procedimentale. Quello che fa paura attualmente all’operatore è che in presenza di queste situazioni arrivi subito dal Pubblico ministero un accertamento tecnico e l’iscrizione nel registro degli indagati delle persone potenzialmente responsabili: è questo che crea grossi problemi all’interno delle strutture sanitarie perché genera tutto il grande discorso della medicina difensiva».

«Noi vorremmo che il Pubblico ministero – continua il sindacalista – nella fase antecedente allo svolgimento degli accertamenti non fosse tenuto ad iscrivere il sanitario nel registro degli indagati. Chiediamo che il Pm, nel momento in cui vi sono queste situazioni, avvisi senza ritardo tutti gli Ordini professionali interessati e nomini tramite gli Ordini un professionista come tecnico e un difensore d’ufficio, affinché si vada a fondo rispetto a quello che è avvenuto. E solo poi eventualmente mandare l’avviso nei confronti dell’operatore».

Con le riaperture e il miglioramento della situazione epidemiologica, gli ospedali torneranno a lavorare a pieno regime e saranno chiamati a recuperare le prestazioni non fornite in questi mesi di emergenza. E i casi di contenzioso rischiano di aumentare di nuovo: «Prima della pandemia molti studi legali erano attivi in questo settore – conclude Recchia -. Adesso non registriamo un aumento, ma ci sono casi limite legati ad alcune questioni emergenziali. Lo riscontriamo in modo particolare al Sud, soprattutto in Calabria e in Campania. Per questo occorre uno scudo procedimentale che vada al di là del momento contingente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Legge Gelli: riforma in vista
Dal 12 maggio è in esame in Commissione giustizia e affari sociali della Camera una proposta di modifica della Legge Gelli Bianco
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
PNRR e Legge Gelli, Hazan: «La responsabilità professionale cambierà. Occorrono riflessioni importanti»
Il Presidente della Fondazione Italia in Salute fa un bilancio di cosa è cambiato dall’approvazione della legge sulla responsabilità professionale ad oggi e spiega come dovrà cambiare il sistema alla luce delle risorse in arrivo con il PNRR
PNRR e responsabilità professionale, Gelli: «Fondamentale formazione del personale sanitario per non sprecare risorse»
Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017? Lo abbiamo chiesto alla persona che le ha dato il nome
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...