Lavoro 2 Febbraio 2021 12:44

La ricetta Anaao per fermare la fuga dagli ospedali: «Ora contratto di lavoro e retribuzioni adeguate»

Il Segretario Palermo: «Una sofferenza che viene da lontano, amplificata dalla pandemia, e che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro»

La ricetta Anaao per fermare la fuga dagli ospedali: «Ora contratto di lavoro e retribuzioni adeguate»

Aprire la stagione contrattuale 2019/2021 dei medici e dirigenti sanitari da concludere prima della scadenza; programmare interventi articolati e progressivi per recuperare il gap di circa 40mila euro nelle retribuzioni con gli altri Paesi dell’Europa occidentale; attribuire una dirigenza “speciale” ai medici e dirigenti sanitari del Ssn; completare la legge sulla responsabilità professionale verso un sistema ”no fault” prevedendo la tutela giuridica per gli eventuali eventi avversi verificatesi durante il periodo dell’emergenza; maggiore proporzione tra esigenze di cura e risorse umane e strutturali disponibili.

È questa la ricetta che l’Anaao Assomed propone in concomitanza con il «triste compleanno» della pandemia da Covid-19 in Italia. Un appello alla politica e alle istituzioni per fermare l’emorragia di camici bianchi che «ha raggiunto un punto di non ritorno».

«Nella nostra recente survey “Il lavoro in ospedale ai tempi del Covid” – commenta Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao Assomed – è emersa una sofferenza che viene da lontano, amplificata dalla pandemia, che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro, tanto che il 46% dei medici pensa di abbandonare l’ospedale pubblico nei prossimi 2 anni. E oltre il 75% ritiene che il proprio lavoro non sia stato valorizzato a dovere, sia prima che durante la crisi pandemica. Già ora in molte aziende sanitarie le uscite dal Ssn non avvengono solo per raggiunti limiti pensionistici: in particolare del Nord Italia, si può arrivare fino ad un 30-40% di uscite per licenziamento. Le ragioni che spingono ad abbandonare gli ospedali sono riassumibili in un comprensibile spirito di sopravvivenza: l’eccesso dei carichi di lavoro – spiega Palermo –, legato a una carenza numerica persistente al di là della giostra dei numeri sulle recenti assunzioni, peraltro tutte in forme precarie; la rischiosità del lavoro sia sotto il profilo biologico che medico-legale; la sua cattiva organizzazione; lo scarso coinvolgimento nelle decisioni che li riguardano».

I numeri

Con il 2021 si è raggiunto l’acme della curva pensionistica dei medici dipendenti del Ssn, circa 7mila quiescenze ogni anno.

Il blocco del turnover, se confrontiamo i dati del Conto annuale dello Stato del 2009 (punto più alto per le dotazioni organiche nel Ssn) con quelli del 2018, ha determinato nel decennio una riduzione di circa 6mila medici e 2mila dirigenti sanitari (come biologi, farmacisti, chimici).

La riorganizzazione dei servizi in area critica, in applicazione del DL “Rilancio”, richiederebbe l’assunzione in forma stabile di almeno 5mila specialisti tra anestesisti rianimatori e medici di emergenza-urgenza, internisti, infettivologi, pneumologi.

Un passo avanti con la Legge di Bilancio

«Un apprezzabile passo in avanti – spiega Palermo – è stato fatto con l’approvazione nell’ultima Legge di Bilancio di un incremento del 27% dell’indennità di esclusività. Una misura economica richiesta da anni dall’Anaao Assomed, fortemente sostenuta dal Ministro Speranza come tangibile segno di vicinanza nei confronti di operatori che durante tutta la fase pandemica hanno lottato contro il SARS-CoV-2 e la sua malattia Covid-19».

«Restituire motivazioni ai medici ospedalieri e ai dirigenti sanitari – conclude Palermo – deve passare attraverso adeguati riconoscimenti retributivi, sblocchi del turnover del personale, maggiore considerazione dei carichi di lavoro ma ancora di più dovrà fondarsi sul recupero e la valorizzazione della dignità e del ruolo di chi cura all’interno del Ssn».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lavorare fino a 70 anni per far fronte alla carenza di medici: gli incentivi Enpam
Dalla reintroduzione dei coefficienti di maggiorazione all'aggiornamento dei coefficienti di adeguamento all’aspettativa di vita, ecco le misure ipotizzate dall'Enpam
La legge di Bilancio 2022 arriva alla Camera per il via libero definitivo
Ultimo passaggio parlamentare per la manovra 2022 che deve avere il via libera entro il 31 dicembre. I lavori parlamentari riprenderanno poi dopo il 6 gennaio
di Francesco Torre
Dal fondo per la fibromialgia agli psicologi nelle scuole, le novità approvate in legge di Bilancio
Chiuso l’esame degli emendamenti in commissione Bilancio in Senato: più soldi per autismo e non autosufficienza, nasce il Fondo per la cura dei disturbi del comportamento alimentare. Sulle liste di attesa, norme estese anche alle regioni in piano di rientro. Cancellati i vincoli per i Comuni che vogliono assumere assistenti sociali
di Francesco Torre
Legge di Bilancio, la carica dei 600 emendamenti segnalati: dalle indennità per gli infermieri all’abolizione del numero chiuso
In tutto 600 milioni di euro a disposizione dei parlamentari per modificare la legge di Bilancio 2022. Numerose le proposte che chiedono di istituire fondi ad hoc per specifiche patologie: dalla fibromialgia alla sclerosi multipla. Un emendamento bipartisan lancia il Fondo per il sostegno psicologico. Pd chiede fondi per piano delle cronicità, M5S chiede di non legare indennità infermieri a contrattazione collettiva
di Francesco Torre
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre