Lavoro 15 Dicembre 2021 10:07

Ddl fisioterapista di famiglia, Ferrara (SPIF): «Stop a sfruttamento e abusivismo, via alle cure domiciliari»

Secondo SPIF necessari 15 mila fisioterapisti di famiglia. Il Segretario Nazionale: «Puntiamo a bandi pubblici per l’inquadramento dei professionisti nel SSN con contratti di lavoro subordinato»

Abusivismo professionale, sfruttamento delle “false” partite iva e carenza di assistenza domiciliare potrebbero essere presto un lontano ricordo. Almeno nell’ambito della fisioterapia. Sono questi, infatti, i principali obiettivi contenuti nel disegno di legge per l’istituzione del fisioterapista di famiglia. «Una figura professionale che agevola l’accesso alle cure riabilitative territoriali a tutti coloro che hanno bisogno di assistenza, anche domiciliare, in collaborazione con il medico di famiglia», spiega Roberto Ferrara, Segretario Nazionale SPIF, sindacato sostenitore della proposta.

Concorsi pubblici e contratti di lavoro subordinato

La legge, oltre ad offrire risposte più idonee e tempestive ai bisogni di salute dei cittadini, assicurerà condizioni di lavoro maggiormente adeguate al profilo professionale del fisioterapista. «Attualmente, purtroppo, sono ancora tanti i colleghi che lavorano in regime libero professionale, percependo compensi del tutto sottostimanti rispetto alle competenze offerte – sottolinea il sindacalista -. Si tratta delle cosiddette “false” partite iva, che pur svolgendo di fatto un lavoro continuativo, vengono considerate come collaborazioni occasionali. A seguito dell’approvazione di questa legge, auspichiamo che le aziende sanitarie territoriali possano emanare dei bandi pubblici ad hoc, aperti a fisioterapisti in possesso di requisiti specifici (da determinare in seguito), fissando preliminarmente sia il budget da investire che il numero di pazienti da assistere in collaborazione con il medico di medicina generale. I professionisti vincitori del concorso dovranno essere inquadrati nel servizio sanitario nazionale con contratti di lavoro subordinato».

Formazione: istituire laurea magistrale in area clinica

Secondo le stime SPIF sarebbero 15 mila i fisioterapisti di famiglia necessari a rispondere alle richieste di assistenza territoriale e domiciliare. Per ricoprire questo ruolo non sarebbe necessaria una formazione ad hoc, «anche se – come sottolineato dallo stesso Ferrara – il percorso formativo in fisioterapia avrebbe bisogno di una totale rivisitazione. Il nostro sindacato – aggiunge -già da tempo ha avanzato la necessità di istituire una laurea magistrale in area clinica, avendo attualmente a disposizione solo percorsi specialistici in ambito organizzativo e gestionale». Nel disegno di legge sono definite anche precise competenze: «Il fisioterapista, oltre ad essere responsabile dell’assistenza fisioterapica, è tenuto anche a controllare l’idoneità delle condizioni ambientali per lo svolgimento di sedute domiciliari ed, eventualmente, monitorarne il ripristino», spiega il professionista sanitario.

La rivoluzione delle cure domiciliare

Dalla stesura del testo di legge alla sua presentazione l’impegno del sindacato è sempre stato massimo, ma «auspichiamo -sottolinea il Segretario Nazionale SPIF – che i colleghi fisioterapisti di tutta Italia offrano il proprio sostegno affinché questa legge, con la sua approvazione, possa portare una rivoluzione nell’ambito dell’assistenza territoriale e domiciliare, permettendo all’utente di scegliere personalmente e liberamente il suo fisioterapista di fiducia, proprio come individua il medico di famiglia. Acquisire una relazione di vicinanza e di intimità con l’assistito favorirà non solo il buon esito del trattamento, ma – conclude il sindacalista – migliorerà la qualità di vita dei pazienti, in primis di coloro che, a causa di malattie gravi e croniche, necessitano di assistenza per tutta la vita».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Autista soccorritore, al Senato un nuovo Ddl. Orletti (CO.E.S.): «Possibile intesa entro la fine della legislatura»
Il ddl della leghista Maria Cristina Cantù definisce le figure del soccorritore e dell’autista soccorritore affidandone in via prioritaria le attività alle associazioni di volontariato. Ma l’associazione di categoria CO.E.S. punta a definire prima le competenze e ad avere una formazione omogenea in tutte le regioni
di Francesco Torre
«Concorsi rapidi e proroga alla possibilità di assumere specializzandi», le proposte di Cimo-Fesmed
La Cimo-Fesmed propone una serie di misure per contrastare la carenza di personale sanitario, tra cui concorsi rapidi e la proroga della possibilità di assumere gli specializzandi fino al 2024
Si vive di più ma si muore male, nuovo report boccia cure palliative
Un report pubblicato su The Lancet ha concluso che i sistemi sanitari di tutto il mondo fanno troppo per prolungare la vita delle persone e fanno troppo poco per rendere la morte meno dolorosa. Questa carenza di attenzione verso le cure palliative sarebbe la causa di molte sofferenze
Riforma 118, Castellone (M5S): «Il ddl garantisce assistenza di qualità e tutela la dignità dei lavoratori»
Balzanelli (SIS 118): «Le priorità sono costituire centrali operative provinciali a dirigenza medico-infermieristica, istituire la figura dell’autista soccorritore, implementare i mezzi di soccorso, le risorse umane e l’utilizzo della nuove tecnologie»
Nuovo contratto e fine dell’imbuto formativo, cosa prevede il Ddl che riforma le specializzazioni mediche
La proposta, presentata dalla senatrice Boldrini, punta a istituire una scuola di specializzazione per i MMG. Uno degli obiettivi è allineare l’offerta formativa con le esigenze territoriali di salute. Il fabbisogno degli specialisti sarà determinato anche in base alle indicazioni di FNOMCeO e sindacati
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi