Lavoro 20 Dicembre 2021 15:54

Riforma 118, Castellone (M5S): «Il ddl garantisce assistenza di qualità e tutela la dignità dei lavoratori»

Balzanelli (SIS 118): «Le priorità sono costituire centrali operative provinciali a dirigenza medico-infermieristica, istituire la figura dell’autista soccorritore, implementare i mezzi di soccorso, le risorse umane e l’utilizzo della nuove tecnologie»

Non conoscono la differenza tra il giorno e la notte, lavorano nelle date festive e pure in quelle super festive. Sono gli operatori del 118: medici, professionisti sanitari, volontari che, dal nord al sud della penisola, prestano il primo soccorso a chiunque ne abbia bisogno. Ed è a questi stessi professionisti ed a tutte le persone che quotidianamente assistono che è dedicato il disegno di legge per la riforma del Sistema 118.

I pilastri della riforma

«La nostra proposta è fondata su due capisaldi: garantire ai cittadini italiani, su tutto il territorio nazionale, un’assistenza di qualità e proteggere la dignità di ogni singolo lavoratore del settore – spiega la senatrice del M5S Mariolina Castellone, prima firmataria del disegno di legge, in occasione della conferenza di presentazione del testo “Quando il tempo è vita: la riforma legislativa del 118, le risposte di tutela della salute pubblica”, tenutosi oggi presso la sala Zuccari del Senato – . Il Sistema 118 deve poter contare su un organico dedicato e su almeno un mezzo di soccorso avanzato ogni 60 mila abitanti. Questa proposta di legge – continua la senatrice – è stata depositata nell’autunno del 2019, prima che il Sistema Sanitario Nazionale fosse messo a dura prova dalla pandemia, ma l’emergenza da Covid-19 ne ha reso ancora più urgente l’approvazione. Duranti questi due anni, infatti, è emersa a chiare lettere l’importanza dell’assistenza territoriale e della medicina di emergenza-urgenza».

Puntare su dirigenza medico-infermieristica

La proposta di riforma del 118 è pienamente condivisa da chi quotidianamente opera nel Sistema: «La revisione deve partite dal modello organizzativo che dovrebbe essere trasformato in una struttura dipartimentale, costituita da centrali operative provinciali a dirigenza medico-infermieristica – dice Mario Balzanelli, presidente della Società Italiana Sistema (SIS) 118 -. La macrostruttura 118, una realtà ad elevata complessità gestionale, dovrebbe poter essere in dialogo constante e diretto con tutti i centri operativi coinvolti nella gestione dell’emergenza sanitaria, dalla prefettura, ai vigili del fuoco, fino ai carabinieri».

Implementare mezzi, risorse umane e nuove tecnologie

Necessario anche l’adeguamento del numero di mezzi di soccorso operativi: «Secondo gli standard legislativi, dalla chiamata al 118 all’arrivo dei soccorritori in area urbana non dovrebbero trascorrere più di 8 minuti, 20 in area extraurbana. Tempi che, purtroppo – aggiunge Balzanelli -, a causa di carenze strutturali, organizzative e di organico, sono spesso disattesi. Inoltre, è fondamentale garantire la presenza di almeno un medico e di un infermiere di emergenza ogni 60 mila abitanti. Così come è necessario creare la figura dell’autista soccorritore ed implementare l’utilizzo delle nuove tecnologie, non solo per la geolocalizzazione satellitare, ma anche per effettuare, laddove necessari, interventi di telemedicina, teleassistenza, telemonitoraggio e telediagnosi.

In linea con gli obiettivi del PNRR

Nonostante negli anni si siano susseguiti interventi legislativi e linee guida, questo disegno di legge rappresenta un punto di svolta per il Sistema 118. «Si tratta di una proposta puntuale e chiara – dice Fedele Clemente, presidente onorario della SIS 118 -. I provvedimenti finora emanati in materia lasciavano spazio a troppe libertà interpretative che, negli anni, hanno portato ad una disomogeneità di assistenza sul territorio nazionale. Inoltre, questo disegno di legge è in continuità con quel percorso, già avviato da diversi anni, che sposta il baricentro dell’assistenza sanitaria dall’ospedale al territorio». Un ulteriore tassello di una riforma più ampia della Sanità italiana che, attraverso la Missione 6 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, delinea il profilo di un Sistema Sanitario sempre più vicino alle case dei cittadini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ambulanze di nuovo in fila davanti ai pronto soccorso. Balzanelli (SIS 118): «Ne servirebbero almeno 360 in più»
A mandare in tilt i reparti di emergenza-urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale. Il presidente SIS 118: «Per ogni ambulanza bloccata, c’è un paziente a bordo in attesa di cure e un altro che aspetta ancora il primo soccorso»
Nuovo contratto e fine dell’imbuto formativo, cosa prevede il Ddl che riforma le specializzazioni mediche
La proposta, presentata dalla senatrice Boldrini, punta a istituire una scuola di specializzazione per i MMG. Uno degli obiettivi è allineare l’offerta formativa con le esigenze territoriali di salute. Il fabbisogno degli specialisti sarà determinato anche in base alle indicazioni di FNOMCeO e sindacati
di Francesco Torre
Ddl fisioterapista di famiglia, Ferrara (SPIF): «Stop a sfruttamento e abusivismo, via alle cure domiciliari»
Secondo SPIF necessari 15 mila fisioterapisti di famiglia. Il Segretario Nazionale: «Puntiamo a bandi pubblici per l’inquadramento dei professionisti nel SSN con contratti di lavoro subordinato»
“Medici eroi”, ma mancano finanziamenti per aumentare personale. Le richieste di CIMO alla politica
In occasione della presentazione di "Giuro di non dimenticare" il presidente CIMO Quici incontra la senatrice Castellone. Un punto comune sopra tutti: servono finanziamenti per nuove assunzioni, che il PNRR non garantisce. La soluzione forse nella Legge di Bilancio
Psicologo scolastico, CNOP chiede il rinnovo del protocollo con il Ministero dell’Istruzione. E alla Camera arriva un nuovo ddl
Nel primo anno, coperte dall’assistenza psicologica il 70% delle scuole: il 50% delle attività dedicata ai docenti. Ora alla Camera un nuovo ddl del deputato Emilio Carelli. Lazzari (CNOP): «Servono interventi tempestivi. Mettere questa figura a sistema sarebbe importante. I ragazzi hanno risentito della psicopandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre