Lavoro 16 Dicembre 2021 11:46

Ambulanze di nuovo in fila davanti ai pronto soccorso. Balzanelli (SIS 118): «Ne servirebbero almeno 360 in più»

A mandare in tilt i reparti di emergenza-urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale. Il presidente SIS 118: «Per ogni ambulanza bloccata, c’è un paziente a bordo in attesa di cure e un altro che aspetta ancora il primo soccorso»

Quarta ondata e quarto corso e ricorso storico in meno di due anni: giorno dopo giorno crescono i contagi e aumenta il numero di morti per Covid-19. Anche davanti a molti pronto soccorso italiani si respira la stessa aria di qualche tempo fa, sembra un déjà vu: «Ambulanze in fila, l’una dietro all’altra, in attesa che all’interno dell’ospedale si liberino i posti letto necessari ad accogliere i nuovi pazienti», racconta Mario Balzanelli, presidente nazionale della Società Italiana Sistema (SIS) 118.

Ondata Covid e picco influenza, la doppia emergenza

A mandare in tilt i reparti di emergenza urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale che quest’anno raggiungerà il suo picco (previsto intorno a Capodanno) con un mese di anticipo, in concomitanza con la nuova ondata di Sars-CoV-2. «Una situazione che avremmo potuto gestire in maniera adeguata se solo fosse stata disposta l’implementazione, sia dei mezzi di soccorso che degli operatori sanitari, che la SIS 118 aveva già richiesto sin dalle prime fasi dell’emergenza – aggiunge Balzanelli -. In situazioni emergenziali come quella che stiamo vivendo, servirebbero almeno tre ambulanze in più ogni 500 mila abitanti». Calcolatrice alla mano, circa 360 mezzi di soccorso aggiuntivi a quelli già operativi su tutto il territorio nazionale.

I rischi delle lunghe attese

Per ogni paziente che aspetta all’interno dell’ambulanza ce n’è, potenzialmente, un altro che attende ancora il primo soccorso. «Vedere anche una sola ambulanza ferma davanti ad un pronto soccorso è indice di un duplice allarme – sottolinea il presidente SIS 118 -. In entrambi i casi, il ritardo potrebbe compromettere il buon esito dell’intervento, se non addirittura mettere a rischio la vita di uno o più pazienti. Le nostre prestazioni – spiega Balzanelli – sono tempo-dipendenti».

Ma non è tutto. La pandemia ha allungato anche il lasso di tempo necessario affinché un’ambulanza, che ha appena terminato il suo  intervento, possa tornare nuovamente operativa. «Una volta assicurato il paziente alle cure del personale del pronto soccorso, l’equipaggio dell’ambulanza non può rendersi immediatamente disponibile. Il mezzo e le strumentazioni devono essere sanificati e il personale di turno procedere a svestizione e vestizione. In altre parole, un intervento per un caso Covid, che sia conclamato o semplicemente sospetto, ha dei tempi lunghissimi».

Istituzioni, sanità e cittadini: serve un impegno unanime

Per evitare che la situazione possa ulteriormente peggiorare, per il presidente Balzanelli è necessario un impegno unanime di tutta la cittadinanza e non solo delle Istituzioni, che impongono restrizioni, e dei medici e professionisti sanitari, che si impegnano ad offrire il migliore livello di assistenza possibile.

«In epoca di varianti non è più tempo di mascherine chirurgiche – sottolinea Balzanelli -. È necessario indossare sempre le FFP2 e, in luoghi particolarmente affollati, che andrebbero comunque evitati a priori, sarebbe opportuno coprirsi pure gli occhi. Essere vaccinati non significa, come spesso si ritiene erroneamente, essere esenti dal rischio di infettarsi o di infettare. Significa avere una probabilità estremamente ridotta di sviluppare forme cliniche gravi della malattia, di essere intubati o di morire a causa del Sars-CoV-2. Il vaccino è una risorsa salvavita e rappresenta, almeno per ora, l’unica vera arma di cui disponiamo. Ma anche il buon senso è altrettanto fondamentale. La pandemia non è finita ed anzi ci stiamo pian piano avvicinando ad una nuova fase critica da gestire. E gli esiti – conclude Balzanelli – sono nelle mani di tutti noi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
In Veneto 100 euro l’ora per gli straordinari in Pronto soccorso. CIMO-FESMED: «Estendere accordo in tutta Italia»
Un accordo, quello raggiunto tra la Regione e le organizzazioni sindacali, che prova a rendere nuovamente attrattiva l’area di Emergenza-Urgenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi