Salute 24 Novembre 2021 15:10

Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti

Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»

Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti

La malattia da Sars CoV2 ha tra i suoi sintomi più caratteristici la perdita o riduzione del senso dell’olfatto e del gusto (anosmia). Accade così che profumi, odori e sapori vengano smarriti completamente, condizione che, in un numero non trascurabile di pazienti, non si risolve dopo la guarigione.

In alcuni casi, l’anosmia si trasforma in parosmia, cioè in una alterazione dell’olfatto e del gusto, che porta a confondere odori e sapori, uniformandoli tra loro e/o trasformandoli da piacevoli a sgradevoli. Tutto questo impatta negativamente sulla qualità della vita degli ex pazienti Covid, con ripercussioni emotive (dal non poter sentire il profumo dell’abbraccio dei propri cari, al non poter godere dei piaceri della tavola fino al sentire costantemente cattivi odori) ma persino invalidanti, dal momento che l’olfatto ha anche una importante funzione difensiva: tanto per fare un esempio, in caso di fuga di gas non avvertirne il caratteristico odore potrebbe portare a conseguenze drammatiche. Da qui l’esigenza di trattare un sintomo forse sottovalutato, in quanto non grave dal punto di vista clinico, ma ampiamente diffuso e sofferto.

Da qualche mese è attivo un progetto terapeutico multicentrico che, partito da Fano ad opera della professoressa Arianna Di Stadio (Università di Perugia), sta coinvolgendo vari centri in Italia, tra cui il Policlinico di Palermo: si tratta di un percorso di riabilitazione olfattoria dedicato agli ex pazienti Covid. Sanità Informazione ha intervistato sul tema il professor Toti Gallina, direttore dell’UO di Otorinolaringoiatria presso il Policlinico di Palermo, in prima linea in questa sperimentazione.

Le caratteristiche della fisioterapia nasale post-Covid

«Questo percorso terapeutico – spiega il primario – consiste in due momenti paralleli: quello farmacologico, attraverso la somministrazione di un preparato, il Pealut (in bustine per via orale da assumere per almeno un mese) che combina due molecole, la luteolina e il Palmitoiletanolamide, associando un effetto antinfiammatorio ad uno antiossidante, e un momento di vera e propria riabilitazione olfattoria. Quest’ultima mira alla stimolazione fisiologica del nervo olfattivo per ripristinare la sua funzione. Come? Attraverso gli sniff test: i pazienti – spiega ancora Gallina – annusano più volte al giorno oli essenziali con odori e profumi particolarmente intensi e soprattutto a loro familiari (chiodi di garofano, agrumi, Parmigiano, noce moscata, eccetera) per stimolare anche il ricordo dell’odore. E’ una terapia naturalmente priva di effetti collaterali – aggiunge Gallina – che si effettua al domicilio in autonomia, dietro le nostre indicazioni ed il costante monitoraggio a livello ambulatoriale, sia in fase iniziale di valutazione del disturbo e spiegazione del percorso, sia in itinere per la valutazione dei risultati attraverso la compilazione di appositi questionari, oltre che, ovviamente alla fine del percorso programmato».

I primi risultati della sperimentazione

«I dati di cui disponiamo al momento, sebbene parziali, sono molto incoraggianti – afferma lo specialista. – Abbiamo portato a termine il percorso di una trentina di pazienti, di cui più della metà ha ottenuto dopo i tempi standard di trattamento il ripristino della capacità olfattiva. E’ chiaro però – sottolinea – che questa riabilitazione non ha una durata definita, e il recupero può avvenire successivamente ai tempi di trattamento protocollati. Motivo per cui – conclude il primario – esortiamo i pazienti a continuare ad “allenare” il proprio olfatto quotidianamente anche dopo la fine del trattamento e indipendentemente dai risultati raggiunti. Il riscontro positivo che stiamo avendo è merito di un grande lavoro di squadra, in questo caso i miei collaboratori Federico Sireci, Francesco Lorusso, Pierluigi Ortensio, Simone Olivo e Onofrio Guzzo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
Report Gimbe: 15,83 milioni di terze dosi entro dicembre. Trieste provincia con incidenza più alta
Sono +534 i ricoveri in area medica e +60 in terapia intensiva questa settimana. Per FVG e Provincia di Bolzano si avvicina la zona gialla
Report Gimbe, +37,7% di contagi in una settimana. Marche e Friuli superano la soglia ricoveri per area critica
L'aumento di casi continua di settimana in settimana, insieme anche con il numero di morti. Sessantasei province mostrano incidenza sopra i 50 casi per 100mila abitanti, le Regioni più colpite sono Friuli, Lazio e Veneto
Audiometristi. Sardone (AITA): «Necessario monitorare udito in pazienti Covid e long Covid»
Lo studio, il presidente AITA: «In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da long Covid»
di Isabella Faggiano
Report Gimbe: contagi in risalita del 43,2%. Cartabellotta: «Con arrivo inverno accelerare terza dose»
Numeri in risalita per nuovi positivi, ricoverati in area medica e persone in isolamento domiciliare. Aumentano anche i tamponi per le norme legate al Green pass, ma la quota positivi/antigenici si abbassa. Variante delta plus sotto osservazione ma per ora non causa una forma più severa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano