Lavoro 14 Marzo 2020

Coronavirus, l’autista soccorritore: «Anche tre attivazioni di casi sospetti a turno, siamo sotto stress»

La testimonianza di un operatore del 112 a Milano: «Mancano i DPI per i pazienti, ma questa battaglia la vinceremo noi»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

«Mancano le mascherine chirurgiche per i pazienti, stiamo finendo i camici integrali e gli occhiali protettivi. Per noi operatori, grazie anche agli ultimi sforzi delle istituzioni, le mascherine sono arrivate e garantite ma sicuramente il clima qui non è dei migliori». La storia è quella di Pietro, un autista-soccorritore che da settimane a Milano fa turni di notte e di giorno («fino a 12 ore di lavoro ininterrotto», racconta) sui mezzi della Croce Rossa Italiana per i servizi di emergenza-urgenza del 118 e del 112.

Ovviamente, Pietro non è il suo vero nome, ma per discorrere liberamente con Sanità Informazione ha chiesto di avere la propria identità oscurata, citando ragioni di tutela del proprio posto di lavoro. Cinque anni di esperienza sulle autoambulanze lombarde, un lavoro molto amato, una passione, forse una vocazione quella di aiutare gli altri; una vita che da giorni è messa sotto forte stress dall’emergenza Coronavirus.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LO PSICOLOGO: «PERSONALE SANITARIO SVILUPPERÀ DISTURBI POST TRAUMATICI. ATTIVARE SUBITO SUPPORTO PSICOLOGICO»

«In un periodo come questo dove i contagi da Coronavirus sono con cadenza quotidiana, i dispositivi di protezione individuale fanno la differenza», ha scritto la UIL di Bologna segnalando quella che per gli operatori del soccorso è certamente una priorità.

E in effetti, ci racconta Pietro, «tutti i giorni siamo attivati per casi sospetti, ma anche quando non sono sospetti lo diventano in pochissimo tempo se hanno una sintomatologia legata a problemi respiratori. Continuiamo a combattere con una carenza cronica di DPI, siamo sotto pressione da più lati. Questo è il nostro lavoro, ce lo siamo scelti e nessuno di noi si è mai rifiutato di prendere servizio: sappiamo cosa rischiamo, ma alla fine se non lo facciamo noi, chi lo fa?».

«I colleghi infermieri e medici degli ospedali sono tutti i giorni in prima linea con molte ore di lavoro sulle spalle – continua Pietro -. Ma dalla loro c’è il trovarsi in un ambiente già protetto. Noi in strada come facciamo? Nelle case della gente? Nelle peggiori situazioni che ci troviamo ad affrontare? Lì purtroppo ci siamo noi ed è un po’ difficile sentirsi tutelati», ci spiega dopo aver contattato la redazione di Sanità Informazione per proporre che anche la storia degli autisti-soccorritori venisse raccontata.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ANAAO: «SENZA PROTEZIONI L’OSPEDALE DIVENTA UN PERICOLO». LETTERA A CONTE E SPERANZA

Il coraggio è comunque il sentimento protagonista, ci racconta: «Se ci siamo scelti questo mestiere, sapevamo già a cosa saremmo andati incontro. Questa battaglia la vinceremo noi e di questo ne sono sicuro». La pressione, però, è elevata: «Le nostre giornate sono fatte di stress, non sai mai quale sarà la prossima chiamata, non sai cosa ti aspetta fuori dalla carraia. Vivi con l’ansia di ricevere una attivazione dalle unità di crisi che ti dicono che sei a rischio».

Sono infatti queste strutture a monitorare gli equipaggi che entrano in contatto con dei casi da sospetto Covid-19, coordinandosi poi con le strutture regionali AREU Lombardia per la gestione degli eventuali positivi. «In un turno – continua il racconto – abbiamo almeno 2-3 attivazioni per pazienti sospetti e quindi via di vestizione completa con tuta integrale. L’aria è pesante, non c’è da negarlo, tra tutti si crea un clima difficile sopratutto perché sappiamo di non essere completamente difesi».

Compito delle unità di crisi, oltre a quello di monitorare la salute fisica degli equipaggi attivati, è anche quello di sostenere l’equilibrio mentale con personale psicologico predisposto: «Ci sono delle interviste costanti a noi operatori e siamo perennemente monitorati. Tra di noi ci si fa forza e i colleghi nelle macchine ci sono di grande aiuto. Però, confesso, in questi frangenti è sempre difficile confidarsi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 525.782 (21.273 in più rispetto a ieri). 161.880 i […]
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
Covid, nuovo report settimanale: «Aumento dei contagi, essenziale mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Continuano ad aumentare i casi diagnosticati e i focolai di Covid-19 in Italia. Essenziale che la popolazione mantenga comportamenti che riducano rischi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare