Mondo 5 Gennaio 2021 15:27

Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19

Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»

di Tommaso Caldarelli
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19

Vaccino contro il coronavirus: gli Stati Uniti hanno inoculato 4,5 milioni di dosi, così come la Cina. Sono dunque in vetta al programma vaccinale globale? Tutt’altro: con 1,22 milioni di dosi somministrate in meno di un mese è lo stato di Israele a mostrare il passo a tutto il mondo. Come è noto conta la proporzione con il totale della popolazione, e Israele ha vaccinato 14mila persone per ogni milione di cittadini, ad un ritmo di 150mila vaccini al giorno. Un numero straordinario che sta riscuotendo il successo e l’apprezzamento della comunità globale. Ma come è stato possibile un tale risultato?

Vaccini anti-Covid in Israele, un sistema centralizzato

Un recente pezzo di Forbes fa il punto sulla strategia vaccinale di Tel Aviv. Parliamo di un Paese che conta su un tasso di identificazione e di disciplina molto alto fra i suoi cittadini e che dispone di un sistema di salute pubblica coordinatissimo e centralizzato. «Mentre gli Stati Uniti hanno lasciato il compito della distribuzione vaccinale ai singoli stati – spiega Forbes – Israele ha beneficiato di uno sforzo centralizzato da parte del governo che ha potuto giovare del suo sistema sanitario socializzato per sviluppare una campagna nazionale di vaccinazione. In Israele, d’altronde, tutti i cittadini maggiorenni devono registrarsi per legge in uno dei quattro sistemi assicurativi a disposizione del paese. Questo sistema, spiegano gli esperti, si è potuto ben coordinare con il governo israeliano e con le autorità locali, potendo anche contare sui medici dell’esercito».

Iniziare in anticipo

A Le Monde ha parlato Nadav Davidovitch, direttore della scuola di sanità pubblica dell’Università Ben Gurion: «È un mix di diversi fattori. Abbiamo l’infrastruttura necessaria per vaccinare rapidamente, abbiamo fatto simulazioni in passato in caso di attacco biologico. La maggioranza degli israeliani ha fiducia nel vaccino e abbiamo messo in campo una vasta campagna sui social network e i media tradizionali per informare il pubblico su ciò che accade». Ancora, il ministro della Salute israeliano Yuli Eldestein, in un’intervista con il New York Times, si è definito «un anticipatore nel negoziato con l’industria farmaceutica». Israele ha pagato di più per avere i vaccini in anticipo «e questo è il motivo per cui la campagna vaccinale israeliana è andata così veloce».

I problemi

Fra l’altro questo è un problema, il primo di una campagna vaccinale massiccia che tanto ha corso. Il vaccino contro il Covid-19, spiega il Washington Post, sta finendo: «Almeno un carico del Moderna arriverà in Israele ai primi di gennaio, invece che a marzo come pianificato. Questo però non sarà sufficiente ad evitare che molti appuntamenti vaccinali debbano essere rimandati». Finora Israele ha usato il vaccino Pfizer-Biontech che viene fabbricato in Belgio e dal ministero della Salute israeliano arrivano rassicurazioni: «Lavoriamo alacremente con le aziende vaccinali per consegnare molte più dosi». Vi sono però critiche verso la Pfizer: perché hanno fatto “passare avanti” Tel Aviv consegnando tutte queste dosi? Dall’azienda farmaceutica ovviamente ogni ipotesi di pressione viene smentita.

Le accuse

Secondo problema: la vaccinazione di massa arriva in Israele mentre nel paese imperversa, scrive Ha’Aretz, la terza ondata del virus, fra l’altro complicata dalla variante UK che è ben presente nel paese, complice anche l’inverno. Da ultimo, vi è l’allarme lanciato dai gruppi per i diritti umani: mentre gli israeliani vengono vaccinati in massa, i palestinesi sia dei territori sotto controllo dell’ANP, sia a Gaza, sia soprattutto nei cosiddetti territori occupati, verranno vaccinati non si sa quando. Secondo le ONG citate dal Guardian «Israele sta ignorando obbligazioni morali, umanitarie, legali».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...