Salute 22 Dicembre 2020 18:00

Aifa dice sì al vaccino Pfizer/BioNTech anche in Italia

Il 27 dicembre il Vaccine-Day. Magrini e Palù annunciano l’efficienza sopra i 16 anni, anche in gravidanza e su tutte le popolazioni fragili. Ora studi sulla durata, che si spera superi i 9-12 mesi

Aifa dice sì al vaccino Pfizer/BioNTech anche in Italia

Anche l’Aifa conferma l’approvazione del vaccino Pfizer, dopo il parere positivo dell’Ema. In conferenza stampa, lo hanno annunciato il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco Giorgio Palù e il direttore generale Nicola Magrini. «Il 27 dicembre, in tutte le regioni italiane, inizieranno le prime vaccinazioni al personale sanitario e agli anziani delle Rsa. È ancora dura, ma ora abbiamo un’arma in più. Forza», è stato il messaggio del ministro della Salute Roberto Speranza.

L’annuncio Aifa: sì al vaccino Pfizer

«Credo che quella di oggi sia una giornata eccezionale, per quello che comporta nelle acquisizioni scientifiche avere disponibile un vaccino in soli 10 mesi dalla prima sequenza del genoma» ha introdotto, non senza emozione, Palù. «Con un margine di sicurezza elevatissimo, intorno al 95%, il vaccino è sicuro. È importante che si sappia che se dal 1700 la vita media è aumentata di 40 anni, lo si deve ai progressi scientifici. I vaccini hanno dato all’umanità uno dei mezzi più importanti per la sopravvivenza, che si misura esattamente con l’aspettativa di vita. Ed è questo che deve essere diffuso», ha aggiunto.

«Con qualche emozione – ha proseguito il dg Magrini – do questo annuncio della approvazione e autorizzazione all’immissione in commercio di Comirnaty, il vaccino Pfizer/BioNTech». «Siamo grati alla presidente Von der Leyen per aver accelerato il processo in due o tre ore. Abbiamo deciso con il ministro Speranza che l’approvazione non fosse una presa d’atto, ad Aifa restava l’immissione in commercio, la classificazione del farmaco e le modalità di prescrizione come parte tecnica. Ma anche la decisione di proporre già da oggi una serie di risposte a quesiti frequenti e un programma di ulteriori approfondimenti sulla tematica».

Previsto sopra i 16 anni e sì anche alle donne in gravidanza: i dettagli

Poi Magrini ha snocciolato i dettagli tecnici sul primo vaccino contro Covid-19 ad arrivare in Italia. «Il vaccino – ha detto – è approvato per tutta la popolazione al di sopra dei 16 anni, non ha controindicazioni assolute. Ema ha fatto un eccellente lavoro riportando alcune cautele a una ben nota attività vaccinale: non saranno richieste accortezze particolari per sottopopolazioni specifiche, né anziani né immunodepressi. Chi ha disturbi emo-coagulativi non ha controindicazioni se non per un lieve rischio di qualche livido nel punto di iniezione».

Il dg Aifa chiarisce anche un punto molto discusso nei giorni scorsi: la gravidanza è sicura con il vaccino? «Gravidanza e allattamento non sono controindicazioni, il vaccino può essere somministrato anche in questa popolazione perché i benefici potenziali superano i rischi», ha chiarito.

Al V-day operatori sanitari, poi anziani e popolazione fragile

«Il 27, il V-day europeo, è un modo per sentirsi parte di una comunità più ampia data questa nuova unica campagna vaccinale di massa che sta per iniziare». Si comincerà con un gruppo limitato di operatori sanitari e poi, a gennaio, saranno operatori e personale Rsa a proseguire. Seguiranno le popolazioni a rischio: anziani e fragili.

Il vaccino ha un’efficacia elevatissima, il 95%, ovvero la capacità di prevenzione della malattia Covid-19. Solo otto persone nel gruppo dei vaccinati dello studio Pfizer hanno contratto il virus. Solo vaccini come morbillo, parotite e rosolia arrivano al 95%. «È bene che le persone sappiano che il 100% in natura non esiste, anche perché geneticamente alcuni soggetti per motivi genetici non rispondono a quel determinato antigene con il loro sistema immunitario».

Somministrazione in due dosi, ma protetti già dal 7 giorno

Il vaccino Pfizer va somministrato in due dosi separate, la prima a 21 giorni di distanza dalla seconda. Cosa succede se qualcuno incontra il virus nell’intervallo tra le due dosi? «L’intervallo tra le due dosi è tre settimane, i primi anticorpi arrivano dopo 6-7 giorni. Il vaccino ha dimostrato che previene tutti gli eventi possibili, che qualcuno si possa ammalare in quei primi giorni è molto remoto ma se dovesse succedere avrà una infezione più lieve», ha voluto spiegare Palù.

Aifa ha comunicato che continuerà con farmacovigilanza stretta su possibili reazioni avverse, nonché con studi di follow-up sull’effettiva durata dell’immunizzazione, che si spera superiore ai 9-12 mesi.

«In questa prima fase – ha concluso Magrini – il vaccino sarà coordinato e somministrato attraverso le Regioni con individuazione delle diverse categorie a rischio. Con coinvolgimento successivo dei medici di famiglia si vedrà come fare, ma nei prossimi mesi non ci sarà meccanismo di prenotazione dei vaccini, ma di chiamata dei soggetti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Leucemia linfoblastica acuta: AIFA autorizza rimborsabilità brexu-cel
L’Agenzia Italiana del Farmaco ha concesso la rimborsabilità della terapia cellulare Brexucabtagene autoleucel (brexu-cel) per la leucemia linfoblastica acuta a precursori di cellule B recidivante o refrattaria, destinata ai pazienti adulti di età pari o superiore a 26 anni
Nuova Aifa: dalla mission al dialogo con gli stakeholder, il documento in 10 punti del think tank Ithaca
Il gruppo di lavoro di Ithaca,, il Think Tank di Sics dedicato alle politiche del farmaco, ha stilato un elenco di 10 temi come base per stimolare il dibattito sulla realizzazione della nuova Aifa: dalla distribuzione dei compiti fra le nuove figure previste dalla riforma, al coinvolgimento di diversi stakeholder nel processo autorizzativo dei farmaci,
Antibiotici, Pregliasco: “Uso inappropriato di fluorochinoloni rischioso per la salute”
In Italia si abusa di antibiotici fluorochinoloni. Fabrizio Ernesto Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Ospedale Galeazzi, Sant'Ambrogio, e professore all’Università degli Studi di Milano, spiega a Sanità Informazione i possibili pericoli
Dalla riforma dell’AIFA all’innovazione in sanità, le sfide dell’Healthcare
Si è svolto oggi a Roma il convegno promosso dalla Fondazione Mesit, «La sfida Healthcare. Innovazione e attrattività del settore per la competitività in Europa»
Demenze, novità su terapie, controlli e accesso ai farmaci
Cambiano le «regole» del trattamento delle demenze in Italia. È stata infatti aggiornata e semplificata la nota 85, risalente al 2010, per l’accesso alle terapie da parte degli oltre 800mila pazienti italiani affetti da Alzheimer e demenze correlate
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...