Salute 21 Dicembre 2020 14:11

Vaccino Pfizer, ok da Ema. Può iniziare la commercializzazione nell’Unione europea

Secondo l’Ema, il vaccino Pfizer è sicuro per tutta l’Ue dai 16 anni in su. Il direttore Cooke ha parlato di «futuro più luminoso»

Vaccino Pfizer, ok da Ema. Può iniziare la commercializzazione nell’Unione europea

«Il Comitato tecnico Chmp dell’Agenzia europea del farmaco Ema si è riunito oggi e ha raccomandato un’autorizzazione condizionata alla commercializzazione nell’Ue del vaccino Pfizer/BioNTech. La raccomandazione è per prevenire Covid-19 nelle persone a partire dai 16 anni di età». Lo ha annunciato in conferenza stampa Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Ema.

Il comitato per i medicinali umani (CHMP) dell’Ema ha completato la sua rigorosa valutazione della Comirnaty, concludendo che sono ora disponibili dati sufficientemente solidi sulla qualità, la sicurezza e l’efficacia del vaccino per raccomandare un’autorizzazione formale condizionale all’immissione in commercio. Ciò fornirà un quadro controllato e solido per sostenere le campagne di vaccinazione a livello europeo e proteggere i cittadini dell’Ue.

«La nostra valutazione approfondita – ha proseguito Cooke – significa che possiamo assicurare con fiducia ai cittadini dell’Ue la sicurezza e l’efficacia di questo vaccino e che soddisfa i necessari standard di qualità. Tuttavia, il nostro lavoro non si ferma qui. Continueremo a raccogliere e analizzare dati sulla sicurezza e l’efficacia di questo vaccino per proteggere le persone che assumono il vaccino nell’Ue».

Lo studio su 44mila soggetti

Ema ha basato il suo parere su uno studio clinico molto ampio che ha coinvolto 44mila persone. Metà ha ricevuto il vaccino e l’altra metà un placebo, con i soggetti inconsapevoli di quale fosse la propria dose. L’efficacia è stata calcolata in oltre 36.000 persone a partire dai 16 anni di età (comprese le persone di età superiore ai 75 anni) che non avevano alcun segno di infezione precedente.

Lo studio ha mostrato una riduzione del 95% del numero di casi sintomatici di Covid-19 nelle persone che hanno ricevuto il vaccino (8 casi su 18.198 hanno avuto sintomi Covid-19) rispetto alle persone che hanno ricevuto un’iniezione fittizia (162 casi su 18.325 hanno avuto sintomi Covid-19). Ciò significa che il vaccino ha dimostrato un’efficacia del 95% nello studio clinico, mantenuta tra i generi, i gruppi razziali ed etnici.

Come verrà somministrato il vaccino

La comirnaty viene somministrata con due iniezioni nel braccio, ad almeno 21 giorni di distanza l’una dall’altra. Gli effetti indesiderati più comuni sono solitamente lievi o moderati e migliorano entro pochi giorni dalla vaccinazione. Includono dolore e gonfiore nel sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e articolari, brividi e febbre. La sicurezza e l’efficacia del vaccino continueranno a essere monitorate man mano che verrà utilizzato in tutti gli Stati membri.

«È la notizia che aspettavamo. La battaglia contro il virus è ancora molto complessa, come dimostrano anche le ultime notizie provenienti da Londra, ma avere a disposizione un vaccino efficace e sicuro apre una fase nuova e ci da più forza e fiducia», ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza.

BioNTech e Pfizer fanno sapere che sono pronte per le consegne

Pfizer e BioNTech sono pronte a iniziare la consegna delle dosi iniziali di vaccino anti-Covid in tutta l’Ue, non appena arriverà il via libera della Commissione europea. «Oggi è un giorno particolarmente importante ed emozionante per noi di BioNTech. Essendo nel cuore dell’Unione europea, siamo entusiasti di essere un passo più vicini alla potenziale consegna del primo vaccino in Europa per contribuire a combattere questa devastante pandemia. Siamo pronti a iniziare la consegna delle dosi iniziali di vaccino in tutta l’Ue non appena avremo il via libera», ha dichiarato Ugur Sahin, Ceo e co-fondatore di BioNTech.

«Siamo soddisfatti del forte segnale di fiducia del Comitato rispetto ai nostri dati», ha dichiarato Albert Bourla, presidente e amministratore delegato di Pfizer. «Se la Commissione europea concede l’autorizzazione, siamo pronti a iniziare a consegnare questo vaccino ai siti designati dai governi in tutta l’Ue, dove i casi di malattia continuano a crescere e diversi paesi sono in lockdown».

BioNTech e Pfizer assicurano inoltre che «la decisione della Commissione europea sull’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata è prevista a breve». «Se la concederà – proseguono – la decisione sarà immediatamente applicabile a tutti i 27 Stati membri dell’Ue». «Ad oggi – ricorda la nota – il vaccino è stato autorizzato o approvato per l’uso di emergenza in più di 15 paesi. Le revisioni regolatorie sono in corso in diversi Paesi, e si prevede la sottomissione di ulteriori richieste di autorizzazione».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Autorizzazione definitiva da FDA al vaccino Pfizer. Non più solo “uso emergenziale”: il vaccino è sicuro
Il vaccino Pfizer riceve l'autorizzazione definitiva dall'Agenzia statunitense del Farmaco (FDA). Dopo aver superato i controlli per la distribuzione emergenziale, ora arriva l'ufficialità. I follow up sui vaccinati confermano la sicurezza del prodotto
EMA, Kyriakides (Commissione europea): «Rafforzare l’Agenzia per affrontare le prossime crisi sanitarie»
La commissaria europea alla Salute ha parlato al Parlamento europeo: «Rendere permanenti le misure temporanee ed eccezionali adottate dall’EMA per la pandemia»
Vaccini, Speranza alla Camera: «Il 28 maggio l’Ema darà il via libera a Pfizer per la fascia 12-15 anni»
«La vaccinazione riservata alle fasce più giovani è altamente strategica ed essenziale soprattutto in vista della ripresa dell'anno scolastico»
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Una sola dose di Pfizer o AstraZeneca riduce le infezioni del 65%. Lo studio inglese
Una ricerca che viene dall'Uk porta buone notizie: una sola dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca, dopo 21 giorni, riduce le infezioni da Covid di due terzi. Sia tra soggetti anziani o fragili che tra giovani e sani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco