Salute 11 Novembre 2020

Vaccino Pfizer-BionTech, sei domande chiave sul candidato più promettente contro Covid-19

Quanto dura l’immunità? Perché sul 10% del campione non funziona? Anziani e bambini hanno una risposta soddisfacente? Le questioni sul vaccino Pfizer-BionTech

Vaccino Pfizer-BionTech, sei domande chiave sul candidato più promettente contro Covid-19

Da qualche giorno il mondo ha una speranza in più. Il vaccino contro Covid-19 che l’americana Pfizer sta sviluppando ha mostrato un’efficacia del 90% nei primi dati di fase 3. È il primo prodotto che arriva a questo risultato tra gli studi globali e, se confermato, le prime dosi potrebbero essere pronte per fine anno. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato la vicinissima firma di un contratto con Pfizer/BionTech per 300 milioni di dosi da destinare all’Europa.

Nonostante ci siano ampi margini per essere ottimisti, ricorda il Guardian, ci sono ancora delle incognite da analizzare. Ecco le risposte ad alcuni dei dubbi più comuni.

IL VACCINO È SICURO?

Non si sono presentate per ora «gravi preoccupazioni di sicurezza», ma i dati non sono ancora completi. L’azienda ha rilasciato commenti su alcuni effetti collaterali già notati, come febbre e dolore nel punto dell’iniezione, specie nei soggetti più giovani. Secondo un professore dell’Università dell’East Anglie, Paul Hunter, qualcuno potrebbe essere allergico ad alcuni componenti del vaccino, in quanto è stato creato con una tecnologia basata sull’mRNA, usando quindi il codice genetico del virus, mai usata finora sugli esseri umani.

PUÒ PREVENIRE LA FORMA PIÙ GRAVE?

Hunter ha spiegato che per ora c’è certezza che il vaccino riesca a fermare l’infezione sintomatica clinica, ma è ancora incerto il suo effetto sugli asintomatici. Ma il team è fiducioso sulla possibilità di scoprirlo con l’avanzare degli ultimi dati. In ogni caso, il fatto che i sintomi vengano bloccati dal vaccino protegge certamente anche dalle forme gravi.

IL VACCINO PFIZER PREVIENE ANCHE LA TRASMISSIONE DI COVID-19?

IL VACCINO PFIZER FUNZIONA CON ANZIANI E BAMBINI?

SE FUNZIONA AL 90%, PERCHÉ NON NEL 10% RIMANENTE?

QUANTO DURA L’IMMUNITÀ?

L’efficacia al 90% è stato un dato tratto a sette giorni dalla seconda iniezione nei volontari, ma i risultati potrebbero ovviamente cambiare con la raccolta dei dati su lungo termine.

In generale, per accertare la durata della protezione, saranno necessari studi di follow-up per rilevare i livelli di entrambi i tipi di risposte immunitarie – sia anticorpi che T cell – nonché eventuali rischi di esposizione ripetuta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato
Articoli correlati
Coronavirus, l’immunità dura solo pochi mesi? I guariti di nuovo positivi
Dallo studio del King’s College di Londra emerge un calo dell'immunità con il trascorrere del tempo: il livello di anticorpi prodotti dal nostro corpo scende dopo alcuni mesi
Covid-19 e fase 2, WAidid: «Rischio elevato ripartire senza aver effettuato test sierologici sui lavoratori»
Susanna esposito (WAidid): «Italia non arrivi in ritardo come per i tamponi e le mascherine. Ricerca sierologica permette di conoscere l’effettivo numero di persone venute a contatto con sars-cov-2 e identificare cluster di positivi asintomatici, altrimenti liberi di circolare e contagiare»
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
Guariti da Covid-19, Vineis (CSS): «Risposta immunitaria durerebbe almeno 6 mesi, ma sono solo opinioni dei ricercatori»
«Per stimare la circolazione del virus in Italia è utile un’indagine campionaria di popolazione con un test anticorpale, ma non sappiamo molto sulla durata o l'efficacia dell'immunizzazione. E senza un test efficace e accurato, c'è il rischio di falsi positivi che darebbero ai soggetti la falsa sensazione di essere protetti». L’intervista al Vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità Paolo Vineis
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli