Salute 11 Novembre 2020 11:45

Vaccino Pfizer-BionTech, sei domande chiave sul candidato più promettente contro Covid-19

Quanto dura l’immunità? Perché sul 10% del campione non funziona? Anziani e bambini hanno una risposta soddisfacente? Le questioni sul vaccino Pfizer-BionTech

Vaccino Pfizer-BionTech, sei domande chiave sul candidato più promettente contro Covid-19

Da qualche giorno il mondo ha una speranza in più. Il vaccino contro Covid-19 che l’americana Pfizer sta sviluppando ha mostrato un’efficacia del 90% nei primi dati di fase 3. È il primo prodotto che arriva a questo risultato tra gli studi globali e, se confermato, le prime dosi potrebbero essere pronte per fine anno. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato la vicinissima firma di un contratto con Pfizer/BionTech per 300 milioni di dosi da destinare all’Europa.

Nonostante ci siano ampi margini per essere ottimisti, ricorda il Guardian, ci sono ancora delle incognite da analizzare. Ecco le risposte ad alcuni dei dubbi più comuni.

IL VACCINO È SICURO?

Non si sono presentate per ora «gravi preoccupazioni di sicurezza», ma i dati non sono ancora completi. L’azienda ha rilasciato commenti su alcuni effetti collaterali già notati, come febbre e dolore nel punto dell’iniezione, specie nei soggetti più giovani. Secondo un professore dell’Università dell’East Anglie, Paul Hunter, qualcuno potrebbe essere allergico ad alcuni componenti del vaccino, in quanto è stato creato con una tecnologia basata sull’mRNA, usando quindi il codice genetico del virus, mai usata finora sugli esseri umani.

PUÒ PREVENIRE LA FORMA PIÙ GRAVE?

Hunter ha spiegato che per ora c’è certezza che il vaccino riesca a fermare l’infezione sintomatica clinica, ma è ancora incerto il suo effetto sugli asintomatici. Ma il team è fiducioso sulla possibilità di scoprirlo con l’avanzare degli ultimi dati. In ogni caso, il fatto che i sintomi vengano bloccati dal vaccino protegge certamente anche dalle forme gravi.

IL VACCINO PFIZER PREVIENE ANCHE LA TRASMISSIONE DI COVID-19?

IL VACCINO PFIZER FUNZIONA CON ANZIANI E BAMBINI?

SE FUNZIONA AL 90%, PERCHÉ NON NEL 10% RIMANENTE?

QUANTO DURA L’IMMUNITÀ?

L’efficacia al 90% è stato un dato tratto a sette giorni dalla seconda iniezione nei volontari, ma i risultati potrebbero ovviamente cambiare con la raccolta dei dati su lungo termine.

In generale, per accertare la durata della protezione, saranno necessari studi di follow-up per rilevare i livelli di entrambi i tipi di risposte immunitarie – sia anticorpi che T cell – nonché eventuali rischi di esposizione ripetuta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato
Articoli correlati
Autorizzazione definitiva da FDA al vaccino Pfizer. Non più solo “uso emergenziale”: il vaccino è sicuro
Il vaccino Pfizer riceve l'autorizzazione definitiva dall'Agenzia statunitense del Farmaco (FDA). Dopo aver superato i controlli per la distribuzione emergenziale, ora arriva l'ufficialità. I follow up sui vaccinati confermano la sicurezza del prodotto
Covid-19, Guido Rasi: «Vaccino a guariti andrebbe posticipato, ma non c’è tempo per ripianificare campagna»
Numerosi studi dimostrano che la durata della risposta immunitaria contro il Sars-Cov-2 nei guariti è di lunga durata. Perché non posticipare i vaccini ai guariti per dare precedenza a chi non ha avuto l'infezione? Il commento di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
L’immunità nei guariti Covid dura almeno 8 mesi. Lo studio di San Raffaele-Iss
Lo studio dei ricercatori del San Raffaele con l'Iss parla chiaro: fino a otto mesi di immunità per i guariti da Covid, indipendentemente da gravità della malattia, età e precedenti patologie. L'importante è produrre anticorpi nei primi 15 giorni
Una sola dose di Pfizer o AstraZeneca riduce le infezioni del 65%. Lo studio inglese
Una ricerca che viene dall'Uk porta buone notizie: una sola dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca, dopo 21 giorni, riduce le infezioni da Covid di due terzi. Sia tra soggetti anziani o fragili che tra giovani e sani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco