Lavoro 24 Maggio 2021 16:37

CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»

«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]

CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»

«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti – contro le dissennate politiche di sottofinanziamento della sanità pubblica. Anche l’Istat ha dovuto ricordare che l’età dei medici e il carico sui medici stessi sono aumentate, che c’è sempre minor forza lavoro in alcune specialità e dunque meno risorse che, oltre a portare ad un numero crescente di assistiti per ogni medico, rendono difficile intervenire a piena tutela della salute soprattutto in condizioni di emergenza». Così il sindacato CIMO-FESMED in una nota.

«Come CIMO-FESMED – prosegue il comunicato – ci preme sottolineare questi punti non tanto per dire che “lo ripetiamo da tempo” quanto perché risulta ancora più abnorme – alla luce delle evidenze – che il “taumaturgico” PNRR abbia dedicato risorse pressoché insufficienti alla sanità e scarsamente finalizzate ad un vero rilancio del SSN. In un momento in cui la “lezione del Covid” e l’opportunità di rilancio attraverso fondi eccezionali avrebbe dovuto dirottare gli impegni verso progetti di cambiamento strutturale, sulla sanità il PNRR si è dimostrato privo di visione riformatrice, non ha affrontato il nodo di un cambiamento che doveva partire dalle fondamenta: risorse sufficienti, più medici e soprattutto nelle specializzazioni necessarie, una governance della sanità nuovamente centralizzata e che metta al centro dei processi organizzativi proprio quei medici e sanitari che ogni giorno gestiscono e davvero conoscono i processi che fanno funzionare davvero un programma sanitario».

«Limitandosi a interventi per “potenziare e rilanciare”, il PNRR dimostra di non aver compreso che si può potenziare e rilanciare ciò che di base è correttamente impostato e minimamente funzionate, mentre lo stato delle cose – Istat dixit – è clamorosamente diverso. Al massimo, il PNRR sembra considerare la sanità un “di cui” delle tecnologie, come se il capitale umano – attualmente sotto eccessivo stress e insufficiente rispetto al numero dei pazienti e delle patologie da assistere – fosse un capitolo accessorio per il presente e il futuro».

«Se non si cambierà approccio, se non si aumenteranno gli investimenti in sanità, se non si ridisegnerà una governance delle competenze sanitarie e dei fondi, potremo davvero dire che questo PNRR non ha imparato nulla dalla drammatica esperienza collettiva del Covid», conclude il sindacato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Numero chiuso, Chiapparino (CNSU): «Un modello fortemente sbagliato che va rivisto. È problema politico»
«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso – ha dichiarato il presidente Cnsu - niente è stato previsto nel recovery plan per superare e abbattere il numero chiuso»
Case della salute, PNRR e attenzione alle professioniste. La nuova sanità secondo Sumai-Assoprof
Ai microfoni di Sanità Informazione, il Segretario Generale Antonio Magi spiega qual è la strada da percorrere e cosa deve cambiare per rafforzare il sistema salute italiano: «È servita una pandemia per ragionare sui cambiamenti ma non vorrei che proprio dopo una pandemia ci dovessimo ritrovare senza un Servizio sanitario nazionale»
AITERP riconosciuta come ATS, Famulari: «Ancora troppe disparità, ora è il momento del restyling dei Dipartimenti di Salute Mentale»
La Presidente dell’Associazione Italiana Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica spiega: «Presenza dei TeRP sul territorio fondamentale, dobbiamo andare verso una salute mentale di comunità: oggi solo 875 professionisti presenti nei DSM». Il 10 ottobre la Giornata Mondiale della Salute Mentale
di Francesco Torre
Dal post Covid al PNRR. Aiop: «Nel Lazio si punta a sinergia pubblico-privato»
Dopo il Covid e con i finanziamenti inseriti nel PNRR, quale modello di sanità nascerà per i cittadini? Questo il tema dibattuto venerdì sera al Chiostro del Bramante durante la tavola rotonda “La nuova sanità dopo il PNRR” organizzato da AIOP Lazio nel corso della quale, moderati dal giornalista Gerardo D’Amico, si sono confrontati l’Assessore […]
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?