Lavoro 26 Novembre 2020 10:07

Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»

Il direttore sanitario dell’ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»

di Federica Bosco

«Lo scorso marzo e aprile avevamo 12 anestesisti in più reclutati con un bando libero professionale e quindi siamo riusciti a coprire un maggior numero di posti in terapia intensiva. Questa volta non abbiamo questi numeri perché nessuno si è presentato al bando che abbiamo fatto e quindi facciamo fatica ad avere più posti letto di quelli che abbiamo oggi, ovvero 15 in terapia intensiva più 5 no Covid in sala operatoria e altri 5 ad Oglio Po».

A lanciare un appello per reclutare medici anestesisti anche in pensione è il direttore sanitario dell’ASST di Cremona, Rosario Canino. In questa seconda ondata di emergenza Covid, infatti, per mantenere attivi tutti i reparti, le specialità, le linee di emergenza e le sale operatorie degli ospedali di Cremona e Oglio Po, necessita di più anestesisti. Che non riesce a trovare.

«MANCANO 18 ANESTESISTI»

«Abbiamo in totale 160 pazienti di cui 20 in terapia intensiva e 15 in sub intensiva. Durante il week-end l’accesso al pronto soccorso è stato nella norma – spiega – senza avere nuovi casi di Covid, quindi è verosimile che ci possa essere questa tendenza, ovvero una riduzione dei contagi e, di conseguenza, dei ricoveri. Me lo auguro, anche se non ci credo molto e temo la terza ondata dopo le festività natalizie».

Nessun nuovo caso di Covid registrato dal pronto soccorso di Cremona non cambia però il pensiero del direttore sanitario che chiede a gran voce di avere più anestesisti. «C’è una carenza strutturale di 18 anestesisti, 11 a Cremona e 7 nell’altro presidio. Abbiamo indetto un concorso che verrà espletato il 2 dicembre e vede la partecipazione di cinque anestesisti su sei posti messi a concorso. Inoltre, quest’anno abbiamo bandito un altro bando per medici di tutte le categorie, ma nessun anestesista si è presentato, quindi abbiamo una carenza di 12 anestesisti rispetto a marzo e aprile scorso. Avremmo voluto istituire un altro punto di guardia, ma gli anestesisti sono pochi e non riuscivamo ad aumentare i posti in terapia intensiva come abbiamo fatto a marzo ed aprile quando siamo arrivati a 68 pazienti intubati. In quel caso, però, avevamo aperto tutte le sale operatorie sia a Cremona che a Oglio Po».

«PIÙ BORSE DI STUDIO PER GLI SPECIALIZZANDI»

Un cambio di passo che per Canino sarebbe possibile solo con un intervento a livello istituzionale andando ad agire sulle borse di studio per specializzandi: «Per evitare che troppi medici vadano all’estero dove hanno un trattamento economico migliore – spiega il direttore sanitario dell’ospedale di Cremona – sarebbe fondamentale aumentare le borse di studio per gli specializzandi i cui effetti si potrebbero già vedere tra cinque o sei anni. Fondamentale poi è la programmazione per capire quanti medici ci servono da qui a dieci anni. Se non si fa questo, anche il numero chiuso diventa un grosso limite per la professione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»
«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale