Lavoro 26 Novembre 2020 10:07

Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»

Il direttore sanitario dell’ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»

di Federica Bosco

«Lo scorso marzo e aprile avevamo 12 anestesisti in più reclutati con un bando libero professionale e quindi siamo riusciti a coprire un maggior numero di posti in terapia intensiva. Questa volta non abbiamo questi numeri perché nessuno si è presentato al bando che abbiamo fatto e quindi facciamo fatica ad avere più posti letto di quelli che abbiamo oggi, ovvero 15 in terapia intensiva più 5 no Covid in sala operatoria e altri 5 ad Oglio Po».

A lanciare un appello per reclutare medici anestesisti anche in pensione è il direttore sanitario dell’ASST di Cremona, Rosario Canino. In questa seconda ondata di emergenza Covid, infatti, per mantenere attivi tutti i reparti, le specialità, le linee di emergenza e le sale operatorie degli ospedali di Cremona e Oglio Po, necessita di più anestesisti. Che non riesce a trovare.

«MANCANO 18 ANESTESISTI»

«Abbiamo in totale 160 pazienti di cui 20 in terapia intensiva e 15 in sub intensiva. Durante il week-end l’accesso al pronto soccorso è stato nella norma – spiega – senza avere nuovi casi di Covid, quindi è verosimile che ci possa essere questa tendenza, ovvero una riduzione dei contagi e, di conseguenza, dei ricoveri. Me lo auguro, anche se non ci credo molto e temo la terza ondata dopo le festività natalizie».

Nessun nuovo caso di Covid registrato dal pronto soccorso di Cremona non cambia però il pensiero del direttore sanitario che chiede a gran voce di avere più anestesisti. «C’è una carenza strutturale di 18 anestesisti, 11 a Cremona e 7 nell’altro presidio. Abbiamo indetto un concorso che verrà espletato il 2 dicembre e vede la partecipazione di cinque anestesisti su sei posti messi a concorso. Inoltre, quest’anno abbiamo bandito un altro bando per medici di tutte le categorie, ma nessun anestesista si è presentato, quindi abbiamo una carenza di 12 anestesisti rispetto a marzo e aprile scorso. Avremmo voluto istituire un altro punto di guardia, ma gli anestesisti sono pochi e non riuscivamo ad aumentare i posti in terapia intensiva come abbiamo fatto a marzo ed aprile quando siamo arrivati a 68 pazienti intubati. In quel caso, però, avevamo aperto tutte le sale operatorie sia a Cremona che a Oglio Po».

«PIÙ BORSE DI STUDIO PER GLI SPECIALIZZANDI»

Un cambio di passo che per Canino sarebbe possibile solo con un intervento a livello istituzionale andando ad agire sulle borse di studio per specializzandi: «Per evitare che troppi medici vadano all’estero dove hanno un trattamento economico migliore – spiega il direttore sanitario dell’ospedale di Cremona – sarebbe fondamentale aumentare le borse di studio per gli specializzandi i cui effetti si potrebbero già vedere tra cinque o sei anni. Fondamentale poi è la programmazione per capire quanti medici ci servono da qui a dieci anni. Se non si fa questo, anche il numero chiuso diventa un grosso limite per la professione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Covid-19 o peste? Il poema di fine 500 che sembra ambientato ai giorni nostri
Nella sua "Regola da preservarsi in sanità ne’ tempi di suspetto di peste", l'autore Marcantonio Ciappi provava a dare dei consigli in versi ai suoi concittadini: il lockdown, la quarantena, il coprifuoco e persino il "Green pass"
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano