Formazione 25 Novembre 2020 09:00

Università, Fp Cgil Medici: «Sbloccare procedure per immatricolazione medici specializzandi»

Il segretario Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi: «L’ennesimo quiz sbagliato nel test di ammissione alle scuole di specializzazione e che ha generato un altro fiume di ricorsi»

Università, Fp Cgil Medici: «Sbloccare procedure per immatricolazione medici specializzandi»

«Mancano medici specialisti, le Aziende non sanno come coprire gli organici, le Regioni chiedono di far lavorare gli specializzandi, ma il Ministero dell’Università e Ricerca continua a rimandare le procedure necessarie all’immatricolazione degli aspiranti medici specializzandi», è la denuncia del segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi.

«È di ieri la notizia – afferma il dirigente sindacale – che il Mur avrebbe nuovamente modificato la graduatoria per l’ennesimo quiz sbagliato nel test di ammissione alle scuole di specializzazione e che ha generato un altro fiume di ricorsi. Un approccio da dilettanti, in cui il Mur blocca tutto per i suoi stessi errori: un fatto inaccettabile in un’emergenza pandemica. Lo abbiamo sostenuto da subito: la situazione ci obbliga ad essere tempestivi anche nelle immatricolazione degli specializzandi per l’avvio delle scuole, era ed è necessario mettere fine a questa pantomima dei continui rinvii del Mur, avviando immediatamente le immatricolazioni e, casomai, ammettendo in soprannumero successivamente chi vincerà il ricorso»

Per Filippi, «non si può paralizzare tutto come avviene da più di un mese solo perché non si vuole concedere qualche borsa in più per formare medici specialisti di cui il paese ha bisogno più del pane. A questo punto è un problema politico, ribadiamo la richiesta già fatta un mese fa: intervenga il Governo ed il Ministro della Salute per sbrogliare una situazione che sta lasciando nella confusione 23 mila candidati a fronte della grave carenza di specialisti», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici ex specializzandi, tribunali, politica ed Europa: cosa cambia dopo la sentenza della Corte Ue
La senatrice Daniela Sbrollini e l’avvocato Marco Tortorella hanno approfondito i risvolti della storica pronuncia su prescrizione, rivalutazione monetaria e adeguatezza delle borse in un webinar in esclusiva per i medici tutelati da Consulcesi
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG
Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»
di Francesco Torre
Specializzandi, il 30% lavora più di 70 ore settimanali. «Scarse tutele e condizioni ai limiti dello sfruttamento»
I risultati dell’inchiesta dell’Associazione “Chi si cura di te?” sull’orario di lavoro dei medici in formazione specialistica. Fra orari insostenibili, riposi mancati e diritti negati
Specializzandi in corsia, ufficializzate le regole su formazione e assunzione
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’accordo quadro per la formazione e l'assunzione degli specializzandi al terzo anno
Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi
La Regione guidata da Luca Zaia nel dopo Covid fa scuola: con la sentenza 36 del 2022 la Consulta respinge il ricorso di Anaao e Assomed e apre ad una possibile revisione della norma a livello nazionale, mentre sceglie di investire quaranta milioni di euro per recuperare il tempo perduto durante la pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale