Formazione 10 Novembre 2020

«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso

Marina, Roberta e Rachele stanno per laurearsi, ma non dimenticano l’emozione provata quando sono diventate studentesse di Medicina. E ora consigliano di fare ricorso a tutti coloro che sono stati vittime di irregolarità il giorno del test

«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso

«Me lo ricordo come se fosse ieri. Erano le 4 di pomeriggio, squilla il telefono, mi dicono che ho vinto il ricorso e che sono entrata a Medicina. Non riesco a crederci. Me lo faccio ripetere altre due volte. Il mio sogno era stato sbarrato da qualche crocetta sbagliata. Ma io ho trovato la chiave per riaprire quella porta. Ho avuto la forza e la tenacia di riprendere in mano il mio destino. Sa, mi emoziono ancora quando ci ripenso. E ormai sono a un passo dalla laurea. Ma quel giorno è stato il più bello della mia vita».

Effettivamente la voce di Marina Fantone si incrina, al telefono, mentre racconta di come è riuscita a entrare alla Facoltà di Medicina nonostante non avesse superato il test d’ingresso. Anche il giorno del quiz è difficile da dimenticare: «Le domande erano di livello universitario, e non sempre le risposte erano coerenti. Molti candidati parlavano, tanti si passavano le risposte. Non c’era serietà. Ma ci tenevo così tanto a entrare a Medicina che non mi è sembrato giusto farmi scavalcare da persone che non si sono comportate correttamente. Ho fatto ricorso con Consulcesi, e l’ho vinto».

Un racconto, quello di Marina, simile a quello di tanti altri ragazzi che sono riusciti a coronare il loro sogno intraprendendo le vie legali. Come Roberta Ferretti: «Quando le scatole con i test sono arrivate in aula, il giorno dell’esame di ingresso, erano già aperte. Alcuni candidati quindi conoscevano già le domande. Ho fatto ricorso, mi sono iscritta con riserva, ho seguito sin da subito tutte le lezioni e fatto gli esami previsti per il primo anno. Quindi è arrivata la decisione definitiva del Consiglio di Stato e sono diventata una studentessa di Medicina a tutti gli effetti».

«Anche io faccio Medicina perché ho vinto il ricorso», si aggiunge al coro Rachele. «Alcuni dei compiti erano online prima dell’inizio della prova, c’erano candidati che si vantavano di avere già le risposte. Chi assiste a irregolarità di questo genere deve provare a fare ricorso. La mia è stata un’esperienza estremamente positiva».

Consigli condivisi dalle altre due ragazze: «Bisogna credere fino in fondo nei propri sogni e non mollare mai. È assurdo che un test possa impedire di inseguire la vita che desideriamo», l’opinione di Marina.

«Consiglio di fare ricorso a chi è stato vittima di ingiustizie. Non si ha niente da perdere, tanto si perderebbe comunque un anno. Già siamo in balia di tante situazioni, non è che giusto che gli studenti siano vittime anche di ingiustizie legate alle dinamiche dei test», la conclusione di Roberta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza medici: in Legge di Bilancio ripescaggio per esclusi al test che hanno fatto ricorso
Presentato l’emendamento a firma dell’onorevole Vito De Filippo: con il provvedimento potranno entrare alla Facoltà di Medicina i candidati che hanno presentato ricorso al Tar. Consulcesi: «C’è tempo solo fino all’11 dicembre per l’azione legale»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
Disegno di legge sul numero chiuso a Medicina: «Ammesso con riserva chi ha fatto ricorso»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «In Italia mancano 56mila medici. Arriva in Parlamento il Ddl che consentirà l’accesso con riserva a chi ha presentato ricorso al Tar. Gli aspiranti camici bianchi hanno tempo fino all’11 dicembre per presentare ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli