Formazione 10 Novembre 2020 07:20

«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso

Marina, Roberta e Rachele stanno per laurearsi, ma non dimenticano l’emozione provata quando sono diventate studentesse di Medicina. E ora consigliano di fare ricorso a tutti coloro che sono stati vittime di irregolarità il giorno del test

«Sono iscritta a Medicina perché ho vinto il ricorso». Storie di studenti che hanno sconfitto il numero chiuso

«Me lo ricordo come se fosse ieri. Erano le 4 di pomeriggio, squilla il telefono, mi dicono che ho vinto il ricorso e che sono entrata a Medicina. Non riesco a crederci. Me lo faccio ripetere altre due volte. Il mio sogno era stato sbarrato da qualche crocetta sbagliata. Ma io ho trovato la chiave per riaprire quella porta. Ho avuto la forza e la tenacia di riprendere in mano il mio destino. Sa, mi emoziono ancora quando ci ripenso. E ormai sono a un passo dalla laurea. Ma quel giorno è stato il più bello della mia vita».

Effettivamente la voce di Marina Fantone si incrina, al telefono, mentre racconta di come è riuscita a entrare alla Facoltà di Medicina nonostante non avesse superato il test d’ingresso. Anche il giorno del quiz è difficile da dimenticare: «Le domande erano di livello universitario, e non sempre le risposte erano coerenti. Molti candidati parlavano, tanti si passavano le risposte. Non c’era serietà. Ma ci tenevo così tanto a entrare a Medicina che non mi è sembrato giusto farmi scavalcare da persone che non si sono comportate correttamente. Ho fatto ricorso con Consulcesi, e l’ho vinto».

Un racconto, quello di Marina, simile a quello di tanti altri ragazzi che sono riusciti a coronare il loro sogno intraprendendo le vie legali. Come Roberta Ferretti: «Quando le scatole con i test sono arrivate in aula, il giorno dell’esame di ingresso, erano già aperte. Alcuni candidati quindi conoscevano già le domande. Ho fatto ricorso, mi sono iscritta con riserva, ho seguito sin da subito tutte le lezioni e fatto gli esami previsti per il primo anno. Quindi è arrivata la decisione definitiva del Consiglio di Stato e sono diventata una studentessa di Medicina a tutti gli effetti».

«Anche io faccio Medicina perché ho vinto il ricorso», si aggiunge al coro Rachele. «Alcuni dei compiti erano online prima dell’inizio della prova, c’erano candidati che si vantavano di avere già le risposte. Chi assiste a irregolarità di questo genere deve provare a fare ricorso. La mia è stata un’esperienza estremamente positiva».

Consigli condivisi dalle altre due ragazze: «Bisogna credere fino in fondo nei propri sogni e non mollare mai. È assurdo che un test possa impedire di inseguire la vita che desideriamo», l’opinione di Marina.

«Consiglio di fare ricorso a chi è stato vittima di ingiustizie. Non si ha niente da perdere, tanto si perderebbe comunque un anno. Già siamo in balia di tante situazioni, non è che giusto che gli studenti siano vittime anche di ingiustizie legate alle dinamiche dei test», la conclusione di Roberta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
Recovery Plan, Carbone (Fials): «Nove miliardi alla sanità una presa in giro, ne servono almeno 35-40. Abolire il numero chiuso»
Il Segretario generale del sindacato Fials tuona contro la bozza del Recovery Plan e chiede più risorse per la sanità. Poi contesta la discriminante sulle indennità tra professioni sanitarie nella Legge di Bilancio: «Non riempiamoci la bocca continuando a chiamarli eroi e poi materialmente li discriminiamo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano