Università 30 Settembre 2020

Numero Chiuso, candidati e genitori pronti a fare ricorso in caso di irregolarità

Sanità Informazione ha raccolto le voci di tantissimi ragazzi che si dicono pronti al ricorso nel caso in cui la prova non dovesse risultare regolare

«Fanno benissimo a fare ricorso». «È giusto far valere i propri diritti». «Se un ragazzo studia e merita di entrare non può essere escluso da chi ha imbrogliato». «Se dovessi venire a sapere che ci sono state delle irregolarità durante la prova, farei sicuramente ricorso». Sono solo alcune delle testimonianze (da parte di candidati al test di ingresso alle facoltà di Medicina e dei genitori che li hanno accompagnati e aspettati al di fuori delle sedi universitarie) raccolte nelle principali città italiane da Sanità Informazione lo scorso 3 settembre, proprio in occasione della prova.

Ogni anno la questione irregolarità relative al numero chiuso ritorna prepotentemente alla ribalta. E ogni anno sono tantissimi i ragazzi che, di fronte all’eventualità di non riuscire a coronare il proprio sogno a causa di alcuni “furbetti”, preferiscono far valere i propri diritti attraverso lo strumento del ricorso.

In questo video alcune delle voci raccolte a Roma, Napoli e Milano.

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Emergenza Covid, mancano 56mila medici. Consulcesi: «Colpa dell’errata programmazione a partire dai test di Medicina»
Il presidente Massimo Tortorella: «Il problema della carenza cronica di operatori sanitari va affrontato a monte, cioè a partire dal sistema di selezione degli aspiranti professionisti sanitari»
La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi
Tantissimi giovani si iscrivono a più Università per avere maggiori chance di sconfiggere il numero chiuso. Cosa significa, al giorno d’oggi, provare a diventare medico? Su Sanità Informazione una storia che ne racchiude migliaia
Numero chiuso e ricorsi, come muoversi dopo la pubblicazione delle graduatorie?
Abbiamo posto all’avvocato Marco Tortorella (che da anni cura i ricorsi dei candidati che ritengono di essere stati ingiustamente esclusi dall’ingresso in facoltà) 8 domande. Ecco le sue risposte
Test d’ingresso all’Unicamillus, la voce dei ragazzi che non si arrendono
Centinaia di candidati che non sono entrati nelle università statali hanno preso parte alla prova di accesso ai corsi di laurea in Medicina e Professioni sanitarie
Numero chiuso, il giurista Tronca: «Bisogna cambiare rotta, il Paese ha bisogno di ben altro»
«Non si può impedire ad un ragazzo di perseguire i suoi sogni per un test con domande di cultura generale. Non dimentichiamoci delle equipe straniere che sono venute in Italia per darci un supporto nei momenti peggiori della pandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...