Lavoro 22 Febbraio 2022 12:04

Aumentare la pensione? Ecco come farlo con i riscatti

Enpam offre l’opportunità di far valere a fini pensionistici i periodi scoperti da contribuzione

Aumentare la pensione? Ecco come farlo con i riscatti

Parola d’ordine: lungimiranza. È sempre più sentita da parte dei medici, con l’avvicinarsi dell’età pensionabile, l’esigenza di migliorare la propria posizione previdenziale e aumentare l’assegno di pensione. Si tratta di obiettivi raggiungibili attraverso diverse modalità previste dall’Enpam, flessibili e adattabile in base alle circostanze economiche e necessità del momento, i cui costi sono interamente deducibili dalle tasse. Una di queste modalità consiste nei riscatti, ovvero la possibilità di far valere ai fini della pensione i periodi che non sono coperti da contribuzione. Tutti i riscatti Enpam, ad eccezione dell’allineamento, garantiscono un aumento dell’anzianità contributiva e un incremento dell’assegno di pensione.

Come sottolinea l’ente, la domanda non è vincolante. Una volta ricevuta la proposta da parte degli uffici, l’eventuale accettazione va spedita entro 120 giorni. Trascorso il termine la proposta viene considerata decaduta. I contributi volontari da riscatto, come ricorda Enpam, sono interamente deducibili dalle tasse come quelli ordinari.

I requisiti per richiedere il riscatto

Per poter richiedere il riscatto, spiega Enpam, è necessario che l’iscritto non abbia compiuto l’età per la pensione al momento in cui presenta la domanda, che abbia maturato un’anzianità contributiva al fondo non inferiore a 10 anni, che sia in regola con il pagamento di altri riscatti in corso, che non abbia fatto domanda di pensione d’inabilità assoluta permanente, e che non abbia rinunciato da meno di 2 anni allo stesso riscatto.

I periodi riscattabili

Come sottolinea Enpam, il riscatto può essere totale o parziale, si può cioè scegliere di riscattare tutto il periodo previsto o solo una parte. Si possono riscattare in particolare: il corso legale del diploma di Laurea (tranne gli anni fuori corso) di 6 anni per i medici chirurghi, di 5 anni per gli odontoiatri laureati con il “Vecchio Ordinamento” (Decreto Ministeriale 3 novembre 1999, n. 509) e 6 anni per gli odontoiatri laureati in base al Decreto Ministeriale del 22 ottobre 2004, n. 270 (a partire dall’anno accademico 2009/2010); il corso di specializzazione frequentato entro il 31 dicembre 2006; il corso di formazione in medicina generale frequentato entro il 4 novembre 2010; il servizio militare o civile; il periodo precontributivo compreso tra l’iscrizione all’Albo professionale e il 1° gennaio 1990, per i medici chirurghi, oppure il 1° gennaio 1995, per i laureati in Odontoiatria; i periodi precontributivi in cui non risultano contributi versati dalle Asl, sebbene sia un’eventualità molto rara; i periodi di sospensione dell’attività convenzionata; infine, i periodi liquidati, cioè i periodi contributivi relativi a precedenti rapporti professionali svolti in regime di convenzione per i quali l’Enpam ha restituito i contributi.

Modalità di pagamento

Il pagamento può essere effettuato tramite bollettino Mav in un’unica soluzione o in rate semestrali. Nella prima ipotesi, sottolinea Enpam, il pagamento va fatto il mese successivo a quello in cui l’accettazione è stata registrata, mentre nel secondo caso le scadenze sono: 30 giugno (a causa della situazione di emergenza da Covid-19, la normale scadenza era stata prorogata al 30 settembre, su richiesta dell’iscritto) e 31 dicembre. Versamenti rateali, sottolinea infine Enpam, possono essere sospesi in qualsiasi momento fino a un massimo di due anni dalla scadenza dell’ultima rata pagata. È sempre comunque possibile mettersi in regola con il debito pregresso o decidere di interrompere definitivamente i pagamenti. In quest’ultimo caso il beneficio sulla pensione sarà limitato alle somme versate (fa eccezione il riscatto dei periodi liquidati).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Storia, valori e sguardo sul futuro, a Bologna il XLIII Congresso Nazionale SIFO
Attese oltre 2500 presenze. Il presidente Arturo Cavaliere: «Il Congresso sarà per tutti noi farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali l'occasione privilegiata per condividere strategie, progetti e best practice con tutti gli stakeholder della sanità»
Task shifting da medici a personale sanitario? I sindacati: «Rischio contenziosi»
ANAAO-ASSOMED e CIMO-FESMED scrivono alla Corte dei Conti. I due sindacati della dirigenza medica intendono chiedere un interpello all’ARAN
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni