Lavoro 2 Gennaio 2018 13:32

Aggressioni medici, la mozione FNOMCeO per garantire sicurezza e incolumità del personale SSN

Il Consiglio Nazionale impegna la Federazione a stipulare accordi con i Ministeri della Salute e degli Interni ed esprime preoccupazione per i provvedimenti di alcune Regioni che mettono in discussione l’indennità di rischio dei medici di Continuità Assistenziale

Aggressioni medici, la mozione FNOMCeO per garantire sicurezza e incolumità del personale SSN

Strumenti per regolare l’accesso alle strutture, braccialetti con allarmi collegati con le Forze dell’Ordine per ogni medico che effettui visite a domicilio in continuità assistenziale, campagne di informazione per ricordare che il medico di Continuità Assistenziale svolge la propria attività in qualità di pubblico ufficiale. Sono le proposte presentate dal Consiglio Nazionale della FNOMCeO in una mozione volta a garantire la tutela, la sicurezza e l’incolumità dei medici del Servizio Sanitario Nazionale, a partire dai Medici dei Servizi di Urgenza ed Emergenza e dei Servizi di Continuità Assistenziale. Le aggressioni ai medici salgono infatti troppo spesso agli onori della cronaca, senza tener conto delle tante che avvengono all’oscuro e che i camici bianchi subiscono esercitando la propria professione: è stato recentemente calcolato che circa il 66% dei medici ha, almeno una volta nel corso della propria carriera, subito un’aggressione, che sia essa di tipo verbale, psicologica, o addirittura fisica.

LEGGI ANCHE: LO STUDIO DELL’OMCEO DI ROMA: 66% DEI MEDICI HA SUBITO AGGRESSIONI. LAVRA: «VERGOGNOSO PER SISTEMA PAESE»

Dinanzi ad un fenomeno che non sembra svanire, le misure proposte dalla mozione intendono essere il punto di partenza da cui stipulare degli accordi con il Ministero della Salute di concerto con il Ministero dell’Interno ed essere normate da una apposita legislazione nazionale o quantomeno da una direttiva applicativa di riferimento per tutte le Regioni, così da costituire standard minimi di sicurezza per i Presìdi di Urgenza/Emergenza e di Continuità Assistenziale.

Come è possibile leggere dalla mozione adottata, il Consiglio Nazionale propone, nello specifico, che le Aziende Socio Sanitarie:

  • «dotino le Sedi di strumenti atti ad impedire l’accesso non controllato degli utenti e sistemi tecnologici di segnalazione degli eventi che pongano a rischio l’incolumità dei medici»;
  • «dotino ciascun Medico di turno, in continuità assistenziale, di un braccialetto con incorporato allarme direttamente collegato con le Forze dell’Ordine o sistema similare che lo protegga nella effettuazione delle visite domiciliari, in particolare durante le ore notturne»;
  • «attivino una campagna di informazione per ricordare e sottolineare che il medico di Continuità Assistenziale svolge la propria attività in qualità di pubblico ufficiale, con conseguente applicazione della disciplina penale in particolare verso forme di minaccia o violenza fisica e verbale».

Il Consiglio Nazionale «esprime altresì viva preoccupazione – prosegue la mozione – per i provvedimenti adottati da alcune Regioni a seguito di osservazioni della Corte dei Conti e che mettono in discussione la legittima corresponsione dell’indennità di rischio riconosciuta ai colleghi di Continuità Assistenziale fin dal 2005/2006.  Il congelamento di detta indennità, con avvio di azioni di recupero decennale di quanto già corrisposto, pone i medici della continuità assistenziale in una condizione di disagio insostenibile sia economico che psicologico. Il Consiglio Nazionale impegna il Comitato Centrale a porre in campo ogni iniziativa utile alla tutela dei colleghi», conclude.

LEGGI LA MOZIONE

Articoli correlati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
«Il decreto specializzandi è una soluzione tampone. No al task shifting». Intervista a Filippo Anelli
Il presidente della FNOMCeO: «Chiediamo una ristrutturazione della formazione specialistica: va esercitata all’interno degli ospedali. Il task shifting può essere adottato solo nei Paesi del terzo mondo o nei teatri di guerra. Il tempo della comunicazione fra il medico e paziente, così come per legge, è tempo di cura»
Nasce tavolo permanente FNO TSRM e PSTRP-FNOMCeO, Anelli: «Confronto progettuale tra Federazioni»
Un luogo di confronto, un percorso condiviso per garantire e tutelare la salute pubblica, gli assistiti e i professionisti sanitari
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Ci lascia Enrico De Pascale, direttore generale FNOMCeO e presidente Co.Ge.APS
De Pascale era nato a Bari, aveva 59 anni e combatteva da qualche mese una malattia molto grave e di rapida evoluzione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto