Lavoro 2 Gennaio 2018

Aggressioni medici, la mozione FNOMCeO per garantire sicurezza e incolumità del personale SSN

Il Consiglio Nazionale impegna la Federazione a stipulare accordi con i Ministeri della Salute e degli Interni ed esprime preoccupazione per i provvedimenti di alcune Regioni che mettono in discussione l’indennità di rischio dei medici di Continuità Assistenziale

Immagine articolo

Strumenti per regolare l’accesso alle strutture, braccialetti con allarmi collegati con le Forze dell’Ordine per ogni medico che effettui visite a domicilio in continuità assistenziale, campagne di informazione per ricordare che il medico di Continuità Assistenziale svolge la propria attività in qualità di pubblico ufficiale. Sono le proposte presentate dal Consiglio Nazionale della FNOMCeO in una mozione volta a garantire la tutela, la sicurezza e l’incolumità dei medici del Servizio Sanitario Nazionale, a partire dai Medici dei Servizi di Urgenza ed Emergenza e dei Servizi di Continuità Assistenziale. Le aggressioni ai medici salgono infatti troppo spesso agli onori della cronaca, senza tener conto delle tante che avvengono all’oscuro e che i camici bianchi subiscono esercitando la propria professione: è stato recentemente calcolato che circa il 66% dei medici ha, almeno una volta nel corso della propria carriera, subito un’aggressione, che sia essa di tipo verbale, psicologica, o addirittura fisica.

LEGGI ANCHE: LO STUDIO DELL’OMCEO DI ROMA: 66% DEI MEDICI HA SUBITO AGGRESSIONI. LAVRA: «VERGOGNOSO PER SISTEMA PAESE»

Dinanzi ad un fenomeno che non sembra svanire, le misure proposte dalla mozione intendono essere il punto di partenza da cui stipulare degli accordi con il Ministero della Salute di concerto con il Ministero dell’Interno ed essere normate da una apposita legislazione nazionale o quantomeno da una direttiva applicativa di riferimento per tutte le Regioni, così da costituire standard minimi di sicurezza per i Presìdi di Urgenza/Emergenza e di Continuità Assistenziale.

Come è possibile leggere dalla mozione adottata, il Consiglio Nazionale propone, nello specifico, che le Aziende Socio Sanitarie:

  • «dotino le Sedi di strumenti atti ad impedire l’accesso non controllato degli utenti e sistemi tecnologici di segnalazione degli eventi che pongano a rischio l’incolumità dei medici»;
  • «dotino ciascun Medico di turno, in continuità assistenziale, di un braccialetto con incorporato allarme direttamente collegato con le Forze dell’Ordine o sistema similare che lo protegga nella effettuazione delle visite domiciliari, in particolare durante le ore notturne»;
  • «attivino una campagna di informazione per ricordare e sottolineare che il medico di Continuità Assistenziale svolge la propria attività in qualità di pubblico ufficiale, con conseguente applicazione della disciplina penale in particolare verso forme di minaccia o violenza fisica e verbale».

Il Consiglio Nazionale «esprime altresì viva preoccupazione – prosegue la mozione – per i provvedimenti adottati da alcune Regioni a seguito di osservazioni della Corte dei Conti e che mettono in discussione la legittima corresponsione dell’indennità di rischio riconosciuta ai colleghi di Continuità Assistenziale fin dal 2005/2006.  Il congelamento di detta indennità, con avvio di azioni di recupero decennale di quanto già corrisposto, pone i medici della continuità assistenziale in una condizione di disagio insostenibile sia economico che psicologico. Il Consiglio Nazionale impegna il Comitato Centrale a porre in campo ogni iniziativa utile alla tutela dei colleghi», conclude.

LEGGI LA MOZIONE

Articoli correlati
Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»
«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
13 mila nuovi posti a Medicina. Fnomceo pronta al ricorso: «Ingiusto illudere giovani, cifra troppo alta»
Il presidente Anelli preoccupato per l'imbuto formativo: «Tutto questo deve essere legato a una riforma che porti a uno a uno il rapporto tra le lauree e le specializzazioni. Di questa riforma, però, attualmente non si vede traccia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 14 luglio, sono 13.106.569 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 573.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 13 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»