Lavoro 2 Gennaio 2018 13:32

Aggressioni medici, la mozione FNOMCeO per garantire sicurezza e incolumità del personale SSN

Il Consiglio Nazionale impegna la Federazione a stipulare accordi con i Ministeri della Salute e degli Interni ed esprime preoccupazione per i provvedimenti di alcune Regioni che mettono in discussione l’indennità di rischio dei medici di Continuità Assistenziale

Aggressioni medici, la mozione FNOMCeO per garantire sicurezza e incolumità del personale SSN

Strumenti per regolare l’accesso alle strutture, braccialetti con allarmi collegati con le Forze dell’Ordine per ogni medico che effettui visite a domicilio in continuità assistenziale, campagne di informazione per ricordare che il medico di Continuità Assistenziale svolge la propria attività in qualità di pubblico ufficiale. Sono le proposte presentate dal Consiglio Nazionale della FNOMCeO in una mozione volta a garantire la tutela, la sicurezza e l’incolumità dei medici del Servizio Sanitario Nazionale, a partire dai Medici dei Servizi di Urgenza ed Emergenza e dei Servizi di Continuità Assistenziale. Le aggressioni ai medici salgono infatti troppo spesso agli onori della cronaca, senza tener conto delle tante che avvengono all’oscuro e che i camici bianchi subiscono esercitando la propria professione: è stato recentemente calcolato che circa il 66% dei medici ha, almeno una volta nel corso della propria carriera, subito un’aggressione, che sia essa di tipo verbale, psicologica, o addirittura fisica.

LEGGI ANCHE: LO STUDIO DELL’OMCEO DI ROMA: 66% DEI MEDICI HA SUBITO AGGRESSIONI. LAVRA: «VERGOGNOSO PER SISTEMA PAESE»

Dinanzi ad un fenomeno che non sembra svanire, le misure proposte dalla mozione intendono essere il punto di partenza da cui stipulare degli accordi con il Ministero della Salute di concerto con il Ministero dell’Interno ed essere normate da una apposita legislazione nazionale o quantomeno da una direttiva applicativa di riferimento per tutte le Regioni, così da costituire standard minimi di sicurezza per i Presìdi di Urgenza/Emergenza e di Continuità Assistenziale.

Come è possibile leggere dalla mozione adottata, il Consiglio Nazionale propone, nello specifico, che le Aziende Socio Sanitarie:

  • «dotino le Sedi di strumenti atti ad impedire l’accesso non controllato degli utenti e sistemi tecnologici di segnalazione degli eventi che pongano a rischio l’incolumità dei medici»;
  • «dotino ciascun Medico di turno, in continuità assistenziale, di un braccialetto con incorporato allarme direttamente collegato con le Forze dell’Ordine o sistema similare che lo protegga nella effettuazione delle visite domiciliari, in particolare durante le ore notturne»;
  • «attivino una campagna di informazione per ricordare e sottolineare che il medico di Continuità Assistenziale svolge la propria attività in qualità di pubblico ufficiale, con conseguente applicazione della disciplina penale in particolare verso forme di minaccia o violenza fisica e verbale».

Il Consiglio Nazionale «esprime altresì viva preoccupazione – prosegue la mozione – per i provvedimenti adottati da alcune Regioni a seguito di osservazioni della Corte dei Conti e che mettono in discussione la legittima corresponsione dell’indennità di rischio riconosciuta ai colleghi di Continuità Assistenziale fin dal 2005/2006.  Il congelamento di detta indennità, con avvio di azioni di recupero decennale di quanto già corrisposto, pone i medici della continuità assistenziale in una condizione di disagio insostenibile sia economico che psicologico. Il Consiglio Nazionale impegna il Comitato Centrale a porre in campo ogni iniziativa utile alla tutela dei colleghi», conclude.

LEGGI LA MOZIONE

Articoli correlati
Bufera su Burioni per un tweet. Codacons lo denuncia, Anelli (FNOMCeO) lo difende
La Federazione: «Invitiamo tutte le parti ad abbassare i toni e a riportarli all'interno di un dibattito civile e democratico». Bassetti: «Polemica sterile». Gismondo: «Considerare peso delle parole usate». E intanto lui fa marcia indietro
Medici e PNNR, mozione al Consiglio nazionale FNOMCeO: «Coinvolgere i professionisti»
Bocciato, o meglio rimandato a settembre, il Documento “Agenas” sulle Case di Comunità, previste dalla Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»
Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM
Fp Cgil precisa: «Documento Fnomceo non sottoscritto dai sindacati»
Il segretario nazionale della la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn Andrea Filippi specifica in relazione al documento Fnomceo sul rilancio della professione: «Recuperare il valore troppo spesso marginalizzato delle relazioni sindacali con le istituzioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 agosto, sono 199.570.445 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.246.242 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva