Lavoro 29 Novembre 2017

Lo studio dell’OMCeO di Roma: 66% dei medici ha subito aggressioni. Lavra: «Vergognoso per Sistema Paese»

Lo studio, condotto dall’Università Sapienza, accende i riflettori sulle conseguenze psico-fisiche delle aggressioni, fisiche e verbali, agli operatori sanitari. Cappellano (Tesoriere OMCeO Roma): «Importanti i corsi per riconoscere aggressività latente»

Immagine articolo

Il 66% dei medici ha subito, almeno una volta nel corso della propria vita lavorativa, un’aggressione. Le donne sono più colpite rispetto agli uomini (71% contro 63,2%), i giovani più degli anziani. Sono i risultati della ricerca “Il fenomeno aggressioni al personale sanitario: uno studio osservazionale dei medici dell’Ordine di Roma”, argomento della tesi di laurea di Mattia Marte, condotta insieme al Professore dell’Università Sapienza di Roma Giuseppe La Torre. Lo studio, commissionato dall’Ordine dei Medici di Roma, ha coinvolto mille medici ed è stato presentato nei giorni scorsi nella sede dell’OMCeO alla presenza del Presidente Giuseppe Lavra e del Tesoriere dell’Ordine Ernesto Cappellano.

Nella maggior parte dei casi si tratta di aggressioni di natura verbale, ma sono state denunciate anche molestie, aggressioni fisiche e con rapina, che hanno come conseguenza forti depressioni, ansia e disturbi del sonno, con conseguenti assenze dal lavoro e necessità di cure e sostegno psicologico. «È vergognoso per il Sistema Paese che i medici, che già svolgono un lavoro molto difficile e oneroso, siano esposti ad aggressioni di questa natura e alle violenze che hanno patito le colleghe in alcune situazioni». Il Presidente dell’Ordine di Roma Giuseppe Lavra commenta così a Sanità Informazione i risultati della ricerca.

«Abbiamo iniziato questo studio ancor prima che i casi di aggressione agli operatori sanitari salissero agli onori della cronaca, anche prima del caso di Catania, che ha creato più scalpore». Si tratta di un attacco avvenuto lo scorso Capodanno ai danni di un medico del pronto soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele che ha portato a sette arresti. «Dopo questi fatti – prosegue il Presidente Lavra – ho anche richiesto l’intervento del Ministro dell’Interno Marco Minniti, che mi sembra la personalità più adatta in questo momento per assicurare un po’ di ordine pubblico in questo Paese. Mi rendo conto che fosse un’iniziativa abbastanza irrituale, che poi è caduta nel dimenticatoio e nell’indifferenza generale. Ma spero che i risultati di questa ricerca, di particolare pregio e che danno la misura dell’entità dell’esposizione al rischio della nostra professione, non facciano la stessa fine».

«È tempo di capire – continua Lavra – che chi fa il medico già fa un lavoro molto difficile e molto oneroso; vive in una cappa di paura per le ragioni più svariate, a cui non possiamo aggiungere anche l’esposizione a violenze da parte dei più disadattati, dei più disagiati, di chi vive nelle zone più marginali di questa società. Quindi l’allarme è forte e speriamo che si raccolga il risultato di questo studio serio e corretto, fatto da gente competente e con grande buona volontà, e che poi si lavori affinché finalmente i medici italiani possano raggiungere quella serenità che è indispensabile per poter curare i propri concittadini», conclude.

Alla presentazione della ricerca ha partecipato anche il Tesoriere dell’Ordine dei Medici di Roma, Ernesto Cappellano: «Per prima cosa, insieme alla Commissione medicina e sicurezza del lavoro, abbiamo preparato un questionario che è stato sottoposto ai colleghi di tutto l’Ordine di Roma ed è venuto fuori un fenomeno preoccupante e sicuramente inquietante. Abbiamo scoperto, per esempio, che la violenza non c’è solamente dove possiamo aspettarcela: noi pensavamo di ricevere risposte che denunciavano aggressioni in pronto soccorso, in guardia medica, nei servizi di emergenza; in realtà abbiamo scoperto che è un fenomeno molto diffuso anche negli ambienti dove non immaginavamo che ci fosse. Tra l’altro – prosegue Cappellano – non si parla solamente di aggressioni dell’utenza, ma abbiamo avuto notizie anche di aggressioni in ambito lavorativo che sono molto frequenti e su cui l’Ordine è molto attento».

«È logico che l’Ordine debba intervenire nelle situazioni in cui i colleghi si trovano in difficoltà, e sono varie le iniziative che possono essere messe in atto in questo senso – spiega il Tesoriere -. Nel campo delle strutture pubbliche noi possiamo chiaramente interfacciarci con le organizzazioni, cosa che il nostro Presidente sta già facendo quotidianamente, per valutare le criticità e per dare indicazioni. Poi ci sono anche dei corsi, per esempio, per imparare a riconoscere e prevenire questi fenomeni di aggressione. In questo senso so di esperienze che hanno avuto esiti molto positivi anni fa al San Filippo Neri, dove sono stati fatti dei corsi ai medici del pronto soccorso per capire subito, in base al colloquio con il paziente, se ci si trovasse di fronte al rischio di aggressioni, riconoscendo anche dei sintomi psicologici che potessero mettere in evidenza un’aggressività latente», conclude Cappellano.

Articoli correlati
Fase 2, Lazio osservato speciale. Magi (OMCeO Roma): «Regione in ‘zona arancione’, fare attenzione». Ma stop ai controlli a Termini
Nella regione leggero ma costante aumento di casi, colpa anche di un funerale che ha generato un cluster. Il presidente dell’Ordine dei Medici lancia l’allarme sulle liste d'attesa: «Rischiano di esplodere, serve un aumento dell’assistenza specialistica o a rimetterci saranno i più fragili»
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Aggressioni in sanità, donna il 60% delle vittime. Zocchi (OMCeO Milano): «Necessario cambiamento culturale per aumentare denunce»
Vademecum dell’Ordine dei Medici di Milano: conoscere le situazioni a rischio, rivolgersi al numero verde dedicato e massima collaborazione con le forze dell’Ordine
di Federica Bosco
La guerra a senso unico contro medici e infermieri
Gentile Direttore, auguri al nuovo prefetto di Napoli, dr. Marco Valentini che incontrando i giornalisti durante la conferenza stampa di insediamento ha dichiarato che è al vaglio l’implementazione delle misure di sicurezza sul fenomeno delle aggressioni ai medici e agli altri operatori della sanità. L’indimenticabile Renato Carosone cantava “Vuó’ ‘o cuppetto o vuó’ ‘o spumone? Chello ca costa ‘e cchiù“. […]
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Coronavirus, 150 medici reclutati in poche ore. Il ringraziamento dell’OMCeO Roma
Contribuiranno al rafforzamento dei controlli negli aeroporti e integreranno lo staff della sala operativa del numero verde 1500. Attivata casella di posta dedicata per chi volesse offrire la propria disponibilità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA     Bollettino delle ore 18:00 de...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...