Formazione 26 Settembre 2019

«Scuole di specializzazione non accreditate negano nulla osta al trasferimento». La denuncia di Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, relatore della proposta di legge sulla revisione delle modalità di accesso ai corsi universitari, denuncia il comportamento di alcune università che così penalizzano gli specializzandi. «Sottoporremo problematica al Miur» aggiunge

«Secondo la disciplina vigente, se una Scuola di specializzazione perde l’accreditamento è tenuta a rilasciare il nulla osta, ove richiesto, e consentire agli specializzandi il trasferimento presso un’altra scuola della stessa tipologia che potrà dunque accogliere gli studenti in sovrannumero. Tuttavia questo nella realtà non sempre avviene». La denuncia arriva da Manuel Tuzi, deputato M5S e relatore della proposta di legge sulla revisione delle modalità di accesso ai corsi universitari. «Ci sono, infatti, due categorie di scuole non accreditate, quelle che hanno richiesto l’accreditamento e non lo hanno ottenuto per mancanza dei requisiti previsti e quelle che non lo hanno richiesto. Anche in questo secondo caso quindi, le scuole non hanno ricevuto un formale accreditamento e pertanto sono comunque tenute al rilascio dell’autorizzazione al trasferimento, come tra l’altro confermato dalla stessa CRUI in una mozione del 25/07/2019, decisa all’unanimità. È quindi assurdo leggere di scuole che ancora negano questi trasferimenti: L’università dell’Aquila (Ginecologia, Neurochirurgia, Oncologia, Chirurgia Vascolare, Pediatria), Chieti (Urologia), Catanzaro (Ginecologia e Pediatria)».

LEGGI ANCHE: «NUMERO CHIUSO NON SARA’ ABOLITO, MA DAL 2021 IL TEST SARA’ DOPO IL PRIMO ANNO». PARLA IL RELATORE DELLA RIFORMA MANUEL TUZI

«Proprio il Rettore dell’università di Catanzaro inoltre, nonostante la mozione della CRUI, decisa all’unanimità, ha presentato ricorso al Tar per eliminare l’obbligo di concedere il trasferimento in caso di mancato accreditamento (inteso anche come mancata richiesta) – prosegue Tuzi  – Come Movimento Cinque Stelle non consentiremo altri comportamenti illegittimi, ci impegneremo affinché venga rispettata la Nota Direttoriale del 16/10/2017 e soprattutto affinchè venga assicurata la pubblicazione dei decreti direttoriali di accreditamento. Io stesso mi impegnerò a portare questa problematica in Parlamento ed a sottoporla al MIUR».

Articoli correlati
Specializzazioni, interrogazione di Tuzi (M5S) a Manfredi: «Perchè commissione di esperti e non nomina Osservatorio?»
«Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio» sottolinea IL deputato e medico del M5S Manuel Tuzi
Specializzazioni mediche, Tuzi (M5S): «Più trasparenza sulla nomina della Commissione per esperti»
Il deputato Manuel Tuzi (M5S) ha presentato una interrogazione al Ministero dell’Università e della Ricerca allo scopo di conoscere le ragioni per cui «si è preferito istituire una Commissione di esperti piuttosto che procedere alla nomina dei nuovi membri dell’Osservatorio nazionale»
Specializzazione medica, Tuzi (M5S): «Mio emendamento a Dl Rilancio per 2mila contratti strutturali in più»
«La riforma della laurea abilitante portata avanti dal M5S prevedeva una riforma strutturale che ancora non è avvenuta» sottolinea il deputato medico del M5S Manuel Tuzi
Scuole di specializzazione, pubblicata la data in cui si svolgerà il concorso di ammissione
Domani i giovani medici in piazza Monte Citorio per richiedere la riforma del sistema formativo
Test accesso scuole specializzazione, il ministro Manfredi: «Probabilmente slitteranno a settembre»
Formazione e ricerca post Covid-19, il ministro dell'Università: «Pionieri della didattica telematica, il futuro è nell’integrazione tra digitale e presenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...