Formazione 16 Luglio 2019

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà di area sanitaria e poi selezione in base agli esami e a un test

Immagine articolo

La riforma dell’accesso universitario inizia a prendere forma. Il lavoro effettuato nei mesi scorsi dalla Commissione Cultura della Camera dei deputati si concretizzerà in un testo che il deputato Cinque Stelle Manuel Tuzi, medico specializzando e relatore del provvedimento, depositerà nei prossimi giorni e che da settembre sarà base di discussione per l’esame di Montecitorio. Il numero chiuso (o numero programmato come qualcuno preferisce chiamarlo) non sarà abrogato, ma subirà una profonda rivisitazione: ci sarà un anno comune aperto per alcune professioni sanitarie (Medicina, farmacia, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, Biologia e Biotecnologie). Poi una selezione alla fine del primo anno in base agli esami sostenuti e a un test. L’obiettivo è partire con questo sistema dal 2021. «Ci sarà accesso libero al primo anno in maniera tale di offrire a tutti i ragazzi la possibilità di sperimentarsi e di capire se quello può essere il loro percorso. Ovviamente dopo ci sarà una selezione in itinere fatta in funzione degli esami, una condizione necessaria per poter accedere al test a soglia che ci immaginiamo alla fine del primo anno», sottolinea a Sanità Informazione Manuel Tuzi.

Resta da vedere se questo schema piacerà ai rettori, che lo scorso autunno hanno manifestato tutta la loro contrarietà all’abolizione del numero chiuso, caldeggiato tra gli altri da Matteo Salvini, e che sembrava imminente dopo un comunicato (poi ridimensionato) di Palazzo Chigi. La riforma pensata da Tuzi prevede però anche due riforme collegate: da una parte un nuovo percorso per la laurea abilitante, e dall’altra un potenziamento dell’orientamento scolastico: «Se noi arriviamo ad avere 67mila candidati al test di medicina è segno che l’orientamento a monte non funziona», aggiunge Tuzi.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO E IMBUTO FORMATIVO, SEMPRE PIU’ DIFFICILE DIVENTARE MEDICO. IN 10 ANNI 10MILA MEDICI VIA DALL’ITALIA

Onorevole, lei ha il compito di redigere il testo sulla riforma dell’accesso universitario e su cui state lavorando da molto tempo. Quali saranno i punti da cui si partirà?

«L’obiettivo di questa riforma è cercare di andare a individuare tutte quelle che erano le criticità esistenti ma soprattutto andare a tamponare quella che è una emergenza. Ovviamente parliamo di una riforma strutturale attesa da molto tempo. Anche perché il prossimo anno noi avremo 24mila possibili candidati nell’ambito del settore delle specializzazioni mediche, segno che il sistema così non regge. Non è possibile così immaginare di mettere soldi in più. Va cambiato il meccanismo, questo è l’augurio, attraverso il contratto di formazione lavoro. L’obiettivo è cercare di cambiare totalmente il paradigma».

Si parlava di esami comuni alle professioni sanitarie e poi di un test. È così?

«Noi immaginiamo un percorso che parta dalla scuola, dall’orientamento scolastico. Soprattutto per dare maggiori indicazioni ai ragazzi che escono dal liceo. Se noi arriviamo ad avere 67mila candidati al test di medicina è segno che l’orientamento a monte non funziona. Va strutturato meglio, va perfezionato. Pensiamo di creare una piattaforma MOOC che sarà fatta dalle principali università attualmente pronte per erogare dei corsi di orientamento. La riforma, che immaginiamo possa partire dal 2021, prevede un’area comune sanitaria all’interno del quale ci sarà Medicina e Odontoiatria. Attualmente in discussione ci sono Farmacia, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, biologia e biotecnologie ma se ne stanno valutando diversi in funzione dell’attinenza e delle similitudini del percorso dei primi due anni. Le professioni sanitarie, avendo tirocini il primo anno, non possono essere inserite in questo contesto. Noi immaginiamo di far sperimentare i ragazzi dopo un percorso fortemente selettivo e di orientamento negli ultimi tre anni delle scuole, successivamente ci sarà questo accesso libero al primo anno in maniera tale da dare a tutti i ragazzi la possibilità di sperimentarsi e di capire se quello può essere il loro percorso. Ovviamente dopo ci sarà una selezione in itinere fatta in funzione degli esami, quindi sulla capacità di portare a casa dei risultati, una condizione necessaria per poter accedere al test a soglia che ci immaginiamo alla fine del primo anno».

Dunque il numero chiuso resta ma dopo il primo anno e profondamento modificato…

«Penso sia follia abolire il numero chiuso anche perché non c’è né l’infrastruttura né la necessità organica da parte del sistema sanitario. Sicuramente c’è una carenza forte di medici e questo deriva da una mancanza di investimento negli ultimi dieci anni. Se noi ci troviamo al collasso e al rischio chiusura dei Pronto soccorso, soprattutto con una carenza così generalizzata, è dovuto al mancato investimento nella specializzazione: quella è l’emergenza vera e propria. Ovviamente noi con questa riforma ci immaginiamo di andare a rivedere la riforma della legge 264 del 1999 che parla dell’accesso universitario ma anche la 368 del 1999 che è la riforma cardine del settore delle specializzazioni».

Voi avete ascoltato anche esponenti del mondo dell’università. Siete d’accordo con questo meccanismo?

«È un meccanismo all’avanguardia, da tanti ci sono arrivati opportune segnalazioni e suggerimenti importanti relativi al finanziamento all’università. Il problema degli ultimi anni è stato che si è teso a chiudere sempre di più l’accesso all’università costringendo gli stessi professori a portare avanti persone che non avevano magari le possibilità o le condizioni formative per essere portati alla laurea. Questo ha comportato un ampliamento del numero di medici ma allo stesso tempo ha creato una distorsione di quello che era il sistema di erogazione del finanziamento aggiuntivo per le università. Quindi si aveva questo paradigma, tante più persone mi porti alla laurea e tanti più finanziamenti riceve l’università. Dobbiamo cambiare questo meccanismo, puntando a incentivare le infrastrutture, puntando ad incentivare l’innovazione digitale ma nello stesso tempo per tutte quelle università che decidono di ampliare la platea delle persone da formare, quindi degli stessi studenti».

Il bando di specializzazione è arrivato ma dopo il test. Gli aspiranti specializzandi erano un po’ contrariato per questo. IN futuro si riuscirà a evitare questo problema?

«Devo dire che da persona che ha fatto quel test so benissimo che per molti aspetti è vergognoso far uscire il numero di posti successivamente all’effettuazione dello stesso test. Al di là di questo, è bene che siano usciti, sono comunque aumentati. Quest’anno si è ridotto l’imbuto formativo grazie all’investimento fatto da questo governo. Non è sufficiente e ne siamo consapevoli. Per questo va rivisto il meccanismo. Noi accanto a questa riforma immaginiamo di introdurre il percorso della laurea abilitante. Io ho lavorato quest’anno per abbattere la vecchia e finta laurea abilitante fatta dal Pd la scorsa legislatura perché portava ad effettuare il tirocinio all’interno dell’università ma il test a spostarlo dopo la sessione di laurea. Invece noi immaginiamo in questo percorso di riforma di portare il test teorico all’interno del percorso di laurea. Quindi di dare la facoltà a tutte le persone di accorciare il loro percorso e quindi di laurearsi e abilitarsi allo stesso tempo».

Articoli correlati
Crisi di governo, Tuzi (M5S): «Abbiamo lavorato per migliorare la formazione medica e la sanità, chi verrà dopo porti avanti riforme»
Il deputato, relatore del ddl di riforma dell’accesso all’università, sottolinea: «Questo è un momento delicatissimo per il nostro Paese – sottolinea - Rischia di aumentare l’IVA al 25%, sono a rischio i consumi, con l’Italia che è in recessione. Sono a rischio anche i provvedimenti sul sociale, la sanità, il reddito di cittadinanza e quota 100»
Si avvicina il test di Medicina 2019: «Per i ricorsi la soluzione è numerochiuso.info»
Con l’avvicinarsi del quiz tornano anche alla ribalta le irregolarità che spesso hanno dato seguito a numerosi ricorsi al TAR. In soccorso degli studenti arriva lo sportello gratuito di Consulcesi
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
Finita l’esperienza del governo Conte e del ministro Grillo. Nuovo esecutivo o elezioni anticipate i due scenari possibili: rischiano lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e il provvedimento sulla sanità trasparente. Ecco le iniziative di Lungotevere Ripa che si bloccano
Numero chiuso, il Consiglio di Stato riammette cento studenti esclusi per mancanza di posti
La sentenza mette in discussione la capacità ricettiva degli Atenei. Il Presidente Consulcesi, Massimo Tortorella: «A questo punto non si può credere neanche dell’esattezza del numero dei posti stabiliti per l’anno accademico 2019/2020. Di fronte a queste continue irregolarità Consulcesi è pronta a scendere in campo per tutelare il diritto allo studio dei futuri camici bianchi»
Numero chiuso, a Ferrara record di posti. Il Rettore Zauli: «Test d’accesso da rivedere, ecco come funzionerà nostra sperimentazione»
Quattro esami del primo anno stabiliranno chi entra a Medicina e chi no. Dal 2020, se il Miur darà l’assenso, a Ferrara ci sarà un semestre propedeutico ad accesso libero e poi, in base alla media degli esami, l’accesso alla Facoltà. Il Rettore a Sanità informazione: «C’è un gran bisogno di metter mano all’accesso a Medicina»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone