Formazione 31 ottobre 2016

«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”

Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.

Risorse, sostenibilità, innovazione, aggiornamento Ecm. Sono le parole chiave su cui ragiona la chirurgia italiana, proiettandosi verso il futuro della professione. Un futuro al momento pieno di incognite soprattutto per i giovani medici. Proprio per questo le principali iniziative continuano ad essere concentrate sull’assecondare il naturale ricambio generazionale studiando nuove forme di tutela e formazione, come spiega, in questa intervista, il dottor Luciano Landa, Segretario Tesoriere di SIC, la Società Italiana di Chirurgia.

 Segretario, quali sono le principali sfide che attendono la chirurgia?

«Sono quelle legate alla scarsità di risorse economiche che ci vedono in lotta tutti i giorni per cercare di dare miglior servizio possibile alla gente che si rivolge a noi. Ci rendiamo perfettamente conto chi queste risorse le genera, le Regioni nella fattispecie, ha bisogno, nell’interesse dei cittadini, che vengano allocate nel miglior posto possibile per il miglior uso possibile. Questo può scontentare qualcuno perché c’è sempre una lotta per accaparrarsi il maggior numero di risorse. Ma bisogna capire che le risorse vanno impiegate dove servono. Quindi determinate patologie e complessità chirurgiche vanno allocate in determinati centri e non altrove perché altrimenti queste risorse potrebbero essere sprecate. Per cui chi decide dovrà per forza allocare le risorse lì dove l’esperienza è maggiore e i risultati sono migliori. È per forza così, la direzione è univoca».

 Davanti a risorse esigue spesso la soluzione è rappresentata dai processi innovativi. Le nuove tecnologie possono venire in soccorso alla vostra categoria?

 «È relativo che innovazione significhi risparmio perché in effetti l’innovazione tecnologica è una risorsa ad alto costo. Quindi è chiaro che la direzione generale del Ministero che si occupa della programmazione a livello nazionale vuole vederci chiaro per capire dove allocare queste risorse ad alto costo».

 Invece un altro aspetto molto importante, anche per la vostra categoria è l’aggiornamento, in particolare quello obbligatorio ECM. Qual è la situazione, considerando anche che la scadenza del triennio formativo è veramente ravvicinata?

«La situazione è pessima perché ci sono molti provider in giro non qualificati né accreditati come occorrerebbe. Mi riferisco alle caratteristiche che dovrebbe avere non l’agenzia di viaggi che si improvvisa provider e sul sito pubblicizza i crediti comunque presi. Non parlo di quello. Le scuole di specialità, quelle ufficiali gestite dalle università, purtroppo per una serie di circostanze non garantiscono agli specializzandi un adeguato curriculum tecnico operatorio come in effetti avviene negli altri Paesi. Quindi dal punto di vista della formazione siamo fortemente carenti ma ci stiamo lavorando. Le società scientifiche come la SIC e l’ACOI hanno promosso, e continuano a farlo, una serie di iniziative anche legate al fundraising perché occorrono soldi per le iniziative formative».

 Sempre riguardo l’aggiornamento ECM, riguardo verifiche e controlli, si può già fare un punto della situazione?

«L’attuale sistema ECM garantisce in maniera approssimativa che i professionisti abbiano molti crediti annuali di una certa caratura. Al di là di questo questi controlli che vengono sempre promessi non vengono mai messi in pista. Io so che devo avere 50 crediti annuali però chi li verifica e come sono stati acquisiti non rientra nel sistema affidabile».

 Le nuove sfide della professione e l’aggiornamento ECM senza dimenticare la forte attenzione ai giovani, in particolare gli under 35 con diverse iniziative già messe in campo da parte vostra, a partire dal recente accordo stipulato con Consulcesi.

«Sì, il tema l’abbiamo sempre tenuto presente. È una delle nostre priorità fare cose efficaci per le generazioni successive alla nostra è molto importante. È importante per evitare che questi ragazzi migrino verso altre nazioni. Proprio una nostra giovane collega è appena partita per gli Emirati Arabi. È un sacrificio notevole per la famiglia e per il clima, solo per fare qualche esempio. Mi ha raccontato che appena arrivata le hanno chiesto di quali strumentazioni avesse bisogno, mettendolo davanti un catalogo. E poi c’è la questione stipendi: si può arrivare a guadagnare cifre altissime ad appena 30 anni».

 Quindi ben vengano iniziative dove si permetta ai giovani di avviarsi alla professione con tutele gratuite aggiornamento ECM come le ultime messe in campo.

«Stiamo facendo tutto quello che è possibile di concerto con la formazione istituzionale legata alle scuole di specialità, alle scuole speciali per esempio di chirurgia laparoscopica dell’ACOI, le scuole speciali della SIC che operano in vari campi, dalla robotica alla chirurgia bariatrica, sia la SIC che l’ACOI questo stanno facendo le società scientifiche. Certo ogni situazione è migliorabile però ci stiamo muovendo in quella direzione».

Articoli correlati
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano