Covid-19, che fare se...? 12 Ottobre 2021 12:15

Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?

Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta

Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?

Esiste un legame tra vaccino anti-Covid e infertilità? Una domanda che rappresenta una delle tante preoccupazioni di chi nutre dubbi nei confronti dei vaccini attualmente usati per combattere il Sars-CoV-2. Ma c’è qualcosa di vero sotto o si tratta semplicemente, più che di una fake news, di un sospetto non corroborato da prove? Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine pubblicato sulla prestigiosa rivista JAMA (Journal of the American Medical Association) prova a dare una risposta.

Il vaccino anti-Covid può causare infertilità maschile?

Secondo lo studio (che ha preso in considerazione i parametri spermatici prima e dopo due dosi di un vaccino ad mRNA), non ci sono state diminuzioni significative in nessun parametro. «Poiché i vaccini contengono mRNA e non il virus vivo – spiegano dall’Università di Miami –, è improbabile che il vaccino influisca sui parametri dello sperma. Sebbene questi risultati abbiano mostrato aumenti statisticamente significativi in tutti i parametri spermatici, l’entità del cambiamento rientra nella normale variazione individuale». Inoltre, la variazione può essere dovuta «all’aumento del tempo di astinenza prima del secondo campione». Gli uomini con oligospermia (ovvero con una bassa concentrazione di sperma) non hanno subito un ulteriore declino.

Lo studio

Per questo studio l’Università di Miami ha reclutato volontari sani di età compresa tra 18 e 50 anni in attesa di vaccinazione. Gli autori dello studio hanno sottoposto gli uomini ad una preselezione per assicurarsi che non avessero problemi di fertilità. Sono poi stati esclusi quelli con sintomi da Covid-19 o chi fosse risultato positivo al tampone entro 90 giorni. I partecipanti hanno fornito un campione di sperma dopo 2-7 giorni di astinenza prima di ricevere la prima dose di vaccino e circa 70 giorni dopo la seconda.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale