Salute 13 febbraio 2017

Vitamine musicali, cambiare paesaggi mentali dei pazienti. Il progetto di Fondazione Medicina a Misura Donna

Musica in corsia per i pazienti dell’Ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino. Chiara Benedetto, Presidente della Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus che promuove il progetto: «La musica dal vivo generi un valore aggiunto nell’empatia tra musicista e paziente: vera meraviglia, quasi una primavera»

Musica in corsia per accompagnare i pazienti nei loro difficili percorsi di cura. Questo il progetto ‘Vitamine musicali’ realizzato dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus all’Ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino. «La musica eseguita dal vivo in reparto nasce da una specifica richiesta del personale che da tempo utilizza radio e cd per ‘cambiare i paesaggi mentali‘ delle pazienti» spiega la Presidente della Fondazione Chiara Benedetto.

Il progetto ha visto una fase sperimentale, iniziata nel 2016 che ha visto come protagonisti i cantautori dell’Associazione Ars Nova – Magica Torino, i Maestri della Filarmonica del Regio, studenti e docenti del Conservatorio Giuseppe Verdi, Xenia Ensemble e l’Accademia di S. Pelagia che si sono alternati nel corso delle settimane per allietare i pazienti con violini, flauti e pianoforti. L’esperimento ha ottenuto un enorme successo testimoniato dalle espressioni che le donne, terminata la chemio, hanno affidato al ‘libro del cuore’ del reparto. Dopo questo tentativo terminato con un felice esito, ‘Vitamine musicali’ si consolida e prosegue il suo viaggio nei corridoi dell’ospedale.

«La Fondazione Medicina a Misura di Donna, coinvolta per il percorso ‘Cultura e Salute‘ che sta contribuendo al miglioramento del clima nel luogo di cura, è partita dall’analisi dei bisogni per progettare un percorso creando partnership con le istituzioni culturali del territorio – prosegue la Presidente Benedetto -. Dopo una fase pilota durata tre mesi è stata organizzata una vera e propria programmazione con sei istituzioni culturali musicali, al momento completamente autofinanziata. Nel corso del progetto pilota abbiamo potuto verificare come la musica dal vivo generi un valore aggiunto nell’empatia tra musicista e paziente: vera meraviglia, quasi una primavera soprattutto con giovani esecutori».

La musica dal vivo migliora l’umore e il tono emozionale dei pazienti, dei loro parenti e del personale. L’obiettivo primario è umanizzare i luoghi di cura rendendoli più confortevoli e accoglienti. «Dai focus group condotti dal team del Prof. Pier Luigi Sacco, – prosegue la Presidente – economista della cultura, senior researcher del Metalab di Harvard interessato alla progettualità della nostra Fondazione, sono emerse solo due richieste: musica ogni giorno e di maggior durata.  Sono stati sperimentati più generi, linguaggi, target di esecutori: musica classica, jazz, celtica, d’autore. Gli strumenti ad arco, arpa, chitarra, violino, viola sono con la voce umana femminile, i più vicini al sentire delle donne. La progettualità è realizzata sia per le pazienti sia per il personale che ogni giorno è a contatto con le tensioni della lotta alla malattia e con la sofferenza».

Articoli correlati
Oncologia e radioterapia: Roberto Giacobbo presenta a Milano “La Notte della Scienza”
Il giornalista terrà una lectio magistralis toccando i momenti chiave che hanno caratterizzato l’evoluzione scientifica e tracciando il futuro della medicina oncologica attraverso le cure all'avanguardia offerte dalla radioterapia
Malnutrizione in oncologia, per combatterla ‘call to action’. Muscaritoli (Sinuc): «Nessuna evidenza che digiuno diminuisca masse tumorali»
Tra i promotori dell’iniziativa anche l’oncologo Paolo Marchetti. Il 65% dei pazienti che si sottopongono a prima visita medico oncologica hanno già perso peso. Il Presidente Sinuc: «Il 20% dei malati oncologici muore per il deterioramento nutrizionale»
Sanità, l’ex Ministro De Lorenzo: «Regionalismo ha creato diseguaglianze. Occorre intervenire con poteri sostitutivi»
L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa, oggi Presidente della FAVO, chiede a Giulia Grillo interventi sulle reti oncologiche: «Bisogna attivarle in tutte le Regioni per garantire a tutti cure adeguate»
Test BRCA e tumori femminili: si chiude il ciclo di incontri organizzati da Salute Donna
Il test BRCA individua una specifica mutazione genetica – cosiddetta “mutazione Jolie” – che aumenta sensibilmente il rischio di tumore al seno e di tumore ovarico. Il ciclo di incontri organizzato da Salute Donna Onlus – che ha fatto tappa in diverse città italiane per sensibilizzare il pubblico sull’importanza del test BRCA nella diagnosi di tumori […]
Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»
«Biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi, minuscole piattaforme che si assemblano e si separano al variare della temperatura o del ph del tessuto, nano vettori per il rilascio sito specifico di farmaci». Con Agnese Molinari, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, le innovazioni presentate a “Nanomedicine Roma 2018”
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...