Salute 13 febbraio 2017

Vitamine musicali, cambiare paesaggi mentali dei pazienti. Il progetto di Fondazione Medicina a Misura Donna

Musica in corsia per i pazienti dell’Ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino. Chiara Benedetto, Presidente della Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus che promuove il progetto: «La musica dal vivo generi un valore aggiunto nell’empatia tra musicista e paziente: vera meraviglia, quasi una primavera»

Musica in corsia per accompagnare i pazienti nei loro difficili percorsi di cura. Questo il progetto ‘Vitamine musicali’ realizzato dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna Onlus all’Ospedale Sant’Anna della Città della Salute di Torino. «La musica eseguita dal vivo in reparto nasce da una specifica richiesta del personale che da tempo utilizza radio e cd per ‘cambiare i paesaggi mentali‘ delle pazienti» spiega la Presidente della Fondazione Chiara Benedetto.

Il progetto ha visto una fase sperimentale, iniziata nel 2016 che ha visto come protagonisti i cantautori dell’Associazione Ars Nova – Magica Torino, i Maestri della Filarmonica del Regio, studenti e docenti del Conservatorio Giuseppe Verdi, Xenia Ensemble e l’Accademia di S. Pelagia che si sono alternati nel corso delle settimane per allietare i pazienti con violini, flauti e pianoforti. L’esperimento ha ottenuto un enorme successo testimoniato dalle espressioni che le donne, terminata la chemio, hanno affidato al ‘libro del cuore’ del reparto. Dopo questo tentativo terminato con un felice esito, ‘Vitamine musicali’ si consolida e prosegue il suo viaggio nei corridoi dell’ospedale.

«La Fondazione Medicina a Misura di Donna, coinvolta per il percorso ‘Cultura e Salute‘ che sta contribuendo al miglioramento del clima nel luogo di cura, è partita dall’analisi dei bisogni per progettare un percorso creando partnership con le istituzioni culturali del territorio – prosegue la Presidente Benedetto -. Dopo una fase pilota durata tre mesi è stata organizzata una vera e propria programmazione con sei istituzioni culturali musicali, al momento completamente autofinanziata. Nel corso del progetto pilota abbiamo potuto verificare come la musica dal vivo generi un valore aggiunto nell’empatia tra musicista e paziente: vera meraviglia, quasi una primavera soprattutto con giovani esecutori».

La musica dal vivo migliora l’umore e il tono emozionale dei pazienti, dei loro parenti e del personale. L’obiettivo primario è umanizzare i luoghi di cura rendendoli più confortevoli e accoglienti. «Dai focus group condotti dal team del Prof. Pier Luigi Sacco, – prosegue la Presidente – economista della cultura, senior researcher del Metalab di Harvard interessato alla progettualità della nostra Fondazione, sono emerse solo due richieste: musica ogni giorno e di maggior durata.  Sono stati sperimentati più generi, linguaggi, target di esecutori: musica classica, jazz, celtica, d’autore. Gli strumenti ad arco, arpa, chitarra, violino, viola sono con la voce umana femminile, i più vicini al sentire delle donne. La progettualità è realizzata sia per le pazienti sia per il personale che ogni giorno è a contatto con le tensioni della lotta alla malattia e con la sofferenza».

Articoli correlati
Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»
«Biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi, minuscole piattaforme che si assemblano e si separano al variare della temperatura o del ph del tessuto, nano vettori per il rilascio sito specifico di farmaci». Con Agnese Molinari, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, le innovazioni presentate a “Nanomedicine Roma 2018”
di Isabella Faggiano
Roma, Gemelli: nasce il giardino terapeutico per le pazienti oncologiche
Fare le cure, meditare, stare a contatto con la natura, ascoltare il rumore dell’acqua. Tutto questo è il nuovo giardino pensile terapeutico, unico in Italia, inaugurato oggi alla Fondazione Universitaria Policlinico Gemelli IRCCS di Roma. Il giardino, al servizio delle pazienti oncologiche dei percorsi clinico-assistenziali del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino guidato […]
Ricerca oncologica, Federica Mazzuca vince il premio Roma: «Ci vuole tanta energia, determinazione ed entusiasmo»
«All’estero ricerca al top anche grazie a fondi e supporti che in Italia mancano. Difficile restare qui: ottime capacità e buone idee non bastano». L’intervista alla dottoressa Mazzuca a margine della cerimonia di premiazione alla Sapienza
Oncologia, Bayer: con rivaroxaban tassi significativamente più bassi di recidiva di TEV
Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia […]
Oncologia, Freddi (MSD): «Millenovecento molecole allo studio. Fondamentale la partnership pubblico-privato»
Parla l’Executive Director Policy & Communication di MSD: «Immuno-oncologia sta cambiando paradigmi di cura. Ma c’è il problema della sostenibilità». L’azienda sta portando avanti la ricerca sul pembrolizumab con settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...