Salute 1 Agosto 2022 17:48

Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»

Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna

di Francesco Torre

Tra le criticità del nuovo Piano oncologico, all’esame della Conferenza delle Regioni, c’è il ruolo che dovrà giocare l’assistenza sanitaria territoriale nella presa in carico dei malati di tumore. Un tema che sta molto a cuore al Cipomo, il Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri, guidato da Luigi Cavanna, pioniere delle cure domiciliari Covid durante la prima ondata. Tra le richieste che Cipomo aveva fatto nell’ultimo Congresso c’era proprio quella di creare una vera e propria “oncologia del territorio” con servizi che integrino quelli previsti dal sistema ospedaliero evitando di sovraccaricare l’oncologia ospedaliera. «L’importante è che ci sia un unicum e che siano gli stessi medici che hanno il paziente in cura a spostarsi sul territorio. Non ci deve essere una oncologia di serie A e di serie B ma la stessa modalità di gestione», spiega Cavanna a Sanità Informazione.

Professore, c’è un nuovo Piano oncologico all’esame della conferenza delle Regioni. Le associazioni sono un po’ preoccupate. Secondo lei come si può rispondere a queste preoccupazioni?

«Le preoccupazioni sono legittime. Bisogna sempre stare molto attenti. Per quanto riguarda il discorso delle cure oncologiche di prossimità o vicino alla residenza del paziente, sono un obiettivo da perseguire perché il malato oncologico deve affrontare moltissimi problemi, tra cui quello dello spostamento, del viaggio, delle attese che può essere irrisorio se viene fatto una volta, al massimo due volte, come nel caso degli interventi chirurgici. Ma una terapia medica per un malato che ha una patologia metastatica, cioè presente nel corpo, spesso continua per mesi o per anni e quindi la distanza dal luogo di cura pesa. L’importante è che ci sia un unicum e che siano gli stessi medici che hanno il paziente in cura a spostarsi sul territorio. Non ci deve essere una oncologia di serie A e di serie B ma la stessa modalità di gestione. Se il paziente trova lo stesso medico vicino a casa e risparmia 50 km all’andata e al ritorno allora va bene. Se trovo un’altra modalità diventa più complicato. Di questo hanno paura i pazienti, dobbiamo togliere questa paura dimostrando che se abbiamo un unicum gestionale sarà tutto molto positivo per i malati».

La nuova ondata Covid rischia di complicare il processo di recupero delle liste di attesa…

«Come Cipomo siamo intervenuti alcuni mesi fa proprio per chiedere un intervento in materia: non si può sempre far pagare il prezzo ad ammalati che hanno una malattia tempo dipendente come il tumore. Se la diagnosi la faccio due/tre mesi dopo rischio di trovare una malattia non più guaribile. Sono fondamentali due cose: che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami. Credo che in questo momento molti pazienti per fare un esame spesso devono pagare. Ma così non è più una scelta: se una persona deve aspettare mesi per fare un esame e va a pagamento non è più una scelta ma diventa un obbligo e questo non va bene».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni