Salute 1 Agosto 2022 17:48

Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»

Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna

di Francesco Torre

Tra le criticità del nuovo Piano oncologico, all’esame della Conferenza delle Regioni, c’è il ruolo che dovrà giocare l’assistenza sanitaria territoriale nella presa in carico dei malati di tumore. Un tema che sta molto a cuore al Cipomo, il Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri, guidato da Luigi Cavanna, pioniere delle cure domiciliari Covid durante la prima ondata. Tra le richieste che Cipomo aveva fatto nell’ultimo Congresso c’era proprio quella di creare una vera e propria “oncologia del territorio” con servizi che integrino quelli previsti dal sistema ospedaliero evitando di sovraccaricare l’oncologia ospedaliera. «L’importante è che ci sia un unicum e che siano gli stessi medici che hanno il paziente in cura a spostarsi sul territorio. Non ci deve essere una oncologia di serie A e di serie B ma la stessa modalità di gestione», spiega Cavanna a Sanità Informazione.

Professore, c’è un nuovo Piano oncologico all’esame della conferenza delle Regioni. Le associazioni sono un po’ preoccupate. Secondo lei come si può rispondere a queste preoccupazioni?

«Le preoccupazioni sono legittime. Bisogna sempre stare molto attenti. Per quanto riguarda il discorso delle cure oncologiche di prossimità o vicino alla residenza del paziente, sono un obiettivo da perseguire perché il malato oncologico deve affrontare moltissimi problemi, tra cui quello dello spostamento, del viaggio, delle attese che può essere irrisorio se viene fatto una volta, al massimo due volte, come nel caso degli interventi chirurgici. Ma una terapia medica per un malato che ha una patologia metastatica, cioè presente nel corpo, spesso continua per mesi o per anni e quindi la distanza dal luogo di cura pesa. L’importante è che ci sia un unicum e che siano gli stessi medici che hanno il paziente in cura a spostarsi sul territorio. Non ci deve essere una oncologia di serie A e di serie B ma la stessa modalità di gestione. Se il paziente trova lo stesso medico vicino a casa e risparmia 50 km all’andata e al ritorno allora va bene. Se trovo un’altra modalità diventa più complicato. Di questo hanno paura i pazienti, dobbiamo togliere questa paura dimostrando che se abbiamo un unicum gestionale sarà tutto molto positivo per i malati».

La nuova ondata Covid rischia di complicare il processo di recupero delle liste di attesa…

«Come Cipomo siamo intervenuti alcuni mesi fa proprio per chiedere un intervento in materia: non si può sempre far pagare il prezzo ad ammalati che hanno una malattia tempo dipendente come il tumore. Se la diagnosi la faccio due/tre mesi dopo rischio di trovare una malattia non più guaribile. Sono fondamentali due cose: che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami. Credo che in questo momento molti pazienti per fare un esame spesso devono pagare. Ma così non è più una scelta: se una persona deve aspettare mesi per fare un esame e va a pagamento non è più una scelta ma diventa un obbligo e questo non va bene».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete
Investiti da Regione Veneto un milione e 296 mila euro. Il centro unico nel nord est permette di eseguire su pazienti affetti da diabete di tipo 1 il trapianto di insule pancreatiche in modo da rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...