Salute 1 Agosto 2022 17:48

Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»

Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna

di Francesco Torre

Tra le criticità del nuovo Piano oncologico, all’esame della Conferenza delle Regioni, c’è il ruolo che dovrà giocare l’assistenza sanitaria territoriale nella presa in carico dei malati di tumore. Un tema che sta molto a cuore al Cipomo, il Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri, guidato da Luigi Cavanna, pioniere delle cure domiciliari Covid durante la prima ondata. Tra le richieste che Cipomo aveva fatto nell’ultimo Congresso c’era proprio quella di creare una vera e propria “oncologia del territorio” con servizi che integrino quelli previsti dal sistema ospedaliero evitando di sovraccaricare l’oncologia ospedaliera. «L’importante è che ci sia un unicum e che siano gli stessi medici che hanno il paziente in cura a spostarsi sul territorio. Non ci deve essere una oncologia di serie A e di serie B ma la stessa modalità di gestione», spiega Cavanna a Sanità Informazione.

Professore, c’è un nuovo Piano oncologico all’esame della conferenza delle Regioni. Le associazioni sono un po’ preoccupate. Secondo lei come si può rispondere a queste preoccupazioni?

«Le preoccupazioni sono legittime. Bisogna sempre stare molto attenti. Per quanto riguarda il discorso delle cure oncologiche di prossimità o vicino alla residenza del paziente, sono un obiettivo da perseguire perché il malato oncologico deve affrontare moltissimi problemi, tra cui quello dello spostamento, del viaggio, delle attese che può essere irrisorio se viene fatto una volta, al massimo due volte, come nel caso degli interventi chirurgici. Ma una terapia medica per un malato che ha una patologia metastatica, cioè presente nel corpo, spesso continua per mesi o per anni e quindi la distanza dal luogo di cura pesa. L’importante è che ci sia un unicum e che siano gli stessi medici che hanno il paziente in cura a spostarsi sul territorio. Non ci deve essere una oncologia di serie A e di serie B ma la stessa modalità di gestione. Se il paziente trova lo stesso medico vicino a casa e risparmia 50 km all’andata e al ritorno allora va bene. Se trovo un’altra modalità diventa più complicato. Di questo hanno paura i pazienti, dobbiamo togliere questa paura dimostrando che se abbiamo un unicum gestionale sarà tutto molto positivo per i malati».

La nuova ondata Covid rischia di complicare il processo di recupero delle liste di attesa…

«Come Cipomo siamo intervenuti alcuni mesi fa proprio per chiedere un intervento in materia: non si può sempre far pagare il prezzo ad ammalati che hanno una malattia tempo dipendente come il tumore. Se la diagnosi la faccio due/tre mesi dopo rischio di trovare una malattia non più guaribile. Sono fondamentali due cose: che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami. Credo che in questo momento molti pazienti per fare un esame spesso devono pagare. Ma così non è più una scelta: se una persona deve aspettare mesi per fare un esame e va a pagamento non è più una scelta ma diventa un obbligo e questo non va bene».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...