Salute 15 settembre 2015

Vaccini, in Toscana dalla paura alla psicosi

L’emergenza meningite crea il caos, ma il traguardo di copertura vaccinale è ancora lontano

Immagine articolo

Fa più paura una malattia mortale o una diceria? Era questa la domanda che ci ponevamo nello scorso numero di Sanità informazione. Ebbene, a far tremare di più gli italiani pare sia un rischio concreto piuttosto che una superstizione. Almeno questa è la risposta che ci giunge dalla Versilia, in Toscana, dove l’ultimo caso di contagio da meningococco C, contratto il 3 settembre da una ragazzina in vacanza in Versilia ha dato il là alla psicosi meningite.


Il risultato? Le linee della Asl letteralmente intasate dalle richieste di vaccino, che erano già aumentate nelle scorse settimane forse a causa dell’imminente riapertura delle scuole, e che in questi ultimi giorni, a ridosso dell’ultimo caso, sono cresciute in modo esponenziale.

In Toscana, in realtà, l’incubo meningite imperversa da mesi. Ben trentuno i casi registrati nella Regione durante il 2015 (di cui 24 riferibili al meningococco C) che hanno portato a sei decessi. Un picco assoluto di contagi rispetto alle statistiche degli ultimi dieci anni ma, soprattutto, una rapidità di diffusione della malattia mai vista prima, e in una zona relativamente circoscritta. Un mistero che neppure l’Istituto superiore della Sanità riesce a spiegarsi: «Sulla provenienza si fanno alcune ipotesi – dichiara Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità -. Potrebbe essere, ad esempio, un focolaio epidemico attraccato in Toscana con una nave a Livorno. Ma più che l’origine, in questo momento, il vero interrogativo è un altro: dobbiamo capire perché il ceppo, virulento, si è messo a correre così velocemente».

Ma torniamo alla recente corsa al vaccino. Oltre 6mila chiamate al giorno per prenotare il tetravalente, che protegge contro quattro tipi di meningite ed è garantito per alcune fasce di popolazione:  i bambini fino a 10 anni  e i ragazzi dall’11° anno fino al compimento del 20° anno; i soggetti sottoposti a profilassi in quanto “contatti” di un caso di meningococco C; le persone fra 21 e 45 anni che hanno frequentato comunità in cui, nel 2015,si è verificato un caso di sepsi/meningite da meningococco C; infine, per tutto il 2015 alle persone fra 21 e 45 anni (ma solo su richiesta) nelle Asl nelle quali si è verificato un caso di meningite del ceppo C. Tutti gli altri dovranno pagare di tasca loro e, soprattutto, aspettare i tempi spesso biblici delle liste d’attesa della Asl.

Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che nonostante questo picco di richieste, si è ancora lontani dagli standard di copertura vaccinali (quasi un milione di dosi) in cui la Regione aveva sperato e investito. In pratica, l’aumento di richieste sarebbe frutto non di un’unanime presa di coscienza da parte della popolazione, quanto piuttosto di una paura momentanea. «Forse una parte della ritrosia è dovuta anche all’alone di sospetto che in modo ingiustificato si è gettato sui vaccini – commenta l’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi -. Invece è importantissimo fare la profilassi. Sia gli esperti dell’Istituto superiore di Sanità del Ministero stanno studiando il ceppo toscano, che appare molto aggressivo, ma fare il vaccino è fondamentale. Per questo chiederemo a medici e Asl di tornare a sensibilizzare i cittadini».

Se a tutto questo si aggiunge l’imminente stagione influenzale, che secondo le previsioni metterà a letto 5 milioni di italiani, le parole del ministro Beatrice Lorenzin («Ho vaccinato i miei figli, è andato tutto benissimo. Penso che nessuno più di me abbia dati, la casistica degli effetti collaterali, sia informata da tutti i punti di vista. Non bisogna aver paura delle vaccinazioni») suonano come un monito da cogliere, e un invito a rompere gli indugi affinché sia il buon senso e la prevenzione a far scegliere di vaccinarsi, e non la psicosi a intermittenza di una malattia dal decorso imprevedibile.

Articoli correlati
Vaccini, obbligo o scelta? Lavra (OMCeO Roma): «Rischiamo ritorno della poliomielite»
Obbligo copertura vaccini, è scontro fra Regioni. Parla Giuseppe Lavra, Presidente dell’Ordine di Roma: «D’accordo con l’obbligo. Vergogna per i medici che mettono in dubbio la validità e l’efficacia della scienza. I genitori hanno la responsabilità di proteggere i propri figli ma anche la comunità intera»
Vaccini in gravidanza, quali rischi? Bianchi (Meyer): «Serve chiarezza…»
Le donne in dolce attesa sono considerate soggetti a rischio di complicazioni. Cosa fare con i vaccini? La pediatra del Meyer: «Il tema è molto dibattuto e non tutti i medici sanno come muoversi nel consigliare, occorre una formazione specifica…»
Omceo Roma. Lavra: «Professione sotto attacco». Sirchia: «Vaccini, bene obbligo»
In occasione del Convegno ‘In scienza e coscienza’ organizzato dall’OMCeO di Roma, medici a confronto sull’evoluzione della professione. Presidente OMCeO: «I medici rivendichino la loro autonomia e attendibilità». L’ex Ministro della Salute sulla polemica vaccini: «Tutta la popolazione è a rischio»
Vaccini obbligatori: il caso dell’Emilia Romagna. Si scatena la guerra fra le Regioni
Emilia, profilassi imposta dalle autorità. Lorenzin: «Regione virtuosa, seguire l’esempio». Il Lazio con Zingaretti approva: «Un passo avanti per la civiltà». Lombardia e Liguria protestano: «Vaccinazioni importanti ma anche la libertà di scelta»
Psicosi vaccini, la parola a Piero Angela: «Medici ecco quello che non sapete…»
Il popolare conduttore televisivo al convegno di FNOMCeO ed Eaci al Ministero della Salute: «Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli prive di consistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...