Salute 17 Aprile 2023 11:33

I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa

I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d’età o più

I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa

I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d’età o più. In questa fascia di età più avanzata, il primo richiamo ha salvato il 64% delle vite salvate.

Oltre la metà delle vite salvate fanno riferimento all’ondata di Omicron

Complessivamente si stima che i vaccini abbiano salvato il maggior numero di vite durante l’ondata di Omicron, in tutti i gruppi di età e in tutti i paesi, con almeno 568.064 decessi evitati. Questo rappresenta oltre la metà (57%) delle vite salvate. Lo studio non ha considerato gli effetti indiretti delle vaccinazioni, le diverse capacità sanitarie tra i paesi e gli interventi non farmaceutici. «Dalla nostra ricerca vediamo il gran numero di vite salvate dai vaccini Covid-19 in tutta Europa durante la pandemia», afferma Richard Pebody, capo del team della divisione Agenti patogeni ad alta minaccia presso l’OMS/Europa. «Tuttavia, troppe persone appartenenti a gruppi vulnerabili nella regione europea dell’OMS – aggiunge – rimangono non vaccinate o parzialmente vaccinate. Invitiamo le persone idonee e che non hanno ancora assunto il vaccino a farlo».

Le vite salvate dai vaccini potrebbero essere molte di più

Il conteggio delle vite salvate tiene conto solo delle morti per Covid direttamente evitate e non, ad esempio, dell’impatto sui sistemi sanitari duramente colpiti da successive ondate pandemiche, né dei rischi legati ad altre patologie croniche e al Long Covid. Dalla sua comparsa nel dicembre 2019 in Cina, il Covid ha ucciso almeno 6,9 milioni di persone in tutto il mondo, secondo l’OMS, ma il bilancio è molto probabilmente più pesante perché il conteggio ufficiale tiene conto solo dei casi dichiarati. E le conseguenze di Sars-Cov-2 sarebbero potuto essere molto peggiori senza i vaccini.

In Europa oltre 975 milioni di dosi somministrate

Secondo i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) , nei paesi europei sono state somministrate più di 975 milioni di dosi di vaccino. Il Regno Unito è stato il primo paese a vaccinare la popolazione all’inizio di dicembre 2020, mentre il resto d’Europa ha dovuto attendere la prima autorizzazione all’immissione in commercio, rilasciata a Pfizer/BioNTech il 21 dicembre 2020. In totale, quasi l’85% dei la popolazione con più di 18 anni ha ricevuto due dosi di vaccino e oltre il 91% di quella con più di 60 anni. Questi ultimi sono anche quasi l’85% ad aver ricevuto una terza iniezione, rispetto a solo il 65% della popolazione adulta nel suo complesso, e più di un terzo degli anziani ha ricevuto una quarta dose rispetto al 17% della popolazione adulta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...