Salute 15 maggio 2015

Ebola, il primo medico contagiato. Pulvirenti: «Ci aspettano 10 giorni decisivi»

Intervista al medico catanese guarito dall’Ebola allo Spallanzani

Immagine articolo

Quando ho sentito la notizia ho rivissuto in pieno tutta l’angoscia di quei momenti: dal trasferimento all’isolamento alla terapia intensiva. Capisco perfettamente il collega che in questo momento sta vivendo le stesse cose. L’augurio che gli faccio è di uscirne al più presto, e che magari non debba subire il mio stesso isolamento che è durato ben 38 giorni».

Ora che è scoppiato il secondo caso in Italia, Fabrizio Pulvirenti sta rivivendo il suo incubo. Il medico catanese, il primo italiano ad essere stato contagiato dall’Ebola, dà però forza all’infermiere sardo. Gli suggerisce di non mollare, confidando nell’alta levatura professionale dell’Istituto di ricerca per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”, dove anche lui ha condotto e vinto la sua battaglia.

Dottor Pulvirenti, i primi bollettini mostrano una situazione abbastanza critica. Quali sono le fasi del decorso? Si parla di una carica virale piuttosto alta…
«Ogni caso è a sé. Si può partire con una carica virale bassa e poi il virus inizia a replicare perché trova le condizioni per farlo o viceversa partire con una carica virale alta e poi il sistema immunitario controlla bene l’infezione e la debella rapidamente. È difficile fare un pronostico prima che siano passati i 10 giorni di osservazione».

Lei ha detto che il paziente “è in buone mani” allo Spallanzani. Si è subito parlato di utilizzare, oltre alla sua esperienza, anche il suo plasma. Può dirci qualcosa in più?
«Ho già donato il plasma più volte e sono quindi a disposizione, ma la decisione di utilizzarlo o meno, o se infondere un altro plasma – magari più compatibile – spetta a chi ha in cura il collega».

Lei aveva già sottolineato l’importanza della formazione e dell’informazione per gli operatori sanitari, in prima linea a combattere Ebola e a cercare di salvare tante vite umane.
«Che la formazione e l’informazione siano le carte vincenti quando si affronta una malattia grave come Ebola è stato ampiamente dimostrato. Credo inoltre che il sistema della rete infettivologica abbia funzionato benissimo, a prova ulteriore di come un meccanismo ben rodato e ben informato dia sempre ottimi risultati».

Ebola resta una minaccia.
«Ritengo che per i nostri connazionali non ci siano problemi, perché sono stati osservati tutti i protocolli di sicurezza. Il collega si è subito autoisolato non appena ha avuto i primi sintomi, comportandosi secondo le procedure e con grande professionalità. Lo stesso vale per gli operatori sanitari che lo hanno gestito a Sassari, oltre che naturalmente all’istituto Spallanzani. Ritengo non ci si debba preoccupare, tuttavia il verdetto finale lo avremo fra qualche settimana, alla fine del periodo di osservazione».

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fon...