Salute 15 maggio 2015

Ebola, il primo medico contagiato. Pulvirenti: «Ci aspettano 10 giorni decisivi»

Intervista al medico catanese guarito dall’Ebola allo Spallanzani

Immagine articolo

Quando ho sentito la notizia ho rivissuto in pieno tutta l’angoscia di quei momenti: dal trasferimento all’isolamento alla terapia intensiva. Capisco perfettamente il collega che in questo momento sta vivendo le stesse cose. L’augurio che gli faccio è di uscirne al più presto, e che magari non debba subire il mio stesso isolamento che è durato ben 38 giorni».

Ora che è scoppiato il secondo caso in Italia, Fabrizio Pulvirenti sta rivivendo il suo incubo. Il medico catanese, il primo italiano ad essere stato contagiato dall’Ebola, dà però forza all’infermiere sardo. Gli suggerisce di non mollare, confidando nell’alta levatura professionale dell’Istituto di ricerca per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani”, dove anche lui ha condotto e vinto la sua battaglia.

Dottor Pulvirenti, i primi bollettini mostrano una situazione abbastanza critica. Quali sono le fasi del decorso? Si parla di una carica virale piuttosto alta…
«Ogni caso è a sé. Si può partire con una carica virale bassa e poi il virus inizia a replicare perché trova le condizioni per farlo o viceversa partire con una carica virale alta e poi il sistema immunitario controlla bene l’infezione e la debella rapidamente. È difficile fare un pronostico prima che siano passati i 10 giorni di osservazione».

Lei ha detto che il paziente “è in buone mani” allo Spallanzani. Si è subito parlato di utilizzare, oltre alla sua esperienza, anche il suo plasma. Può dirci qualcosa in più?
«Ho già donato il plasma più volte e sono quindi a disposizione, ma la decisione di utilizzarlo o meno, o se infondere un altro plasma – magari più compatibile – spetta a chi ha in cura il collega».

Lei aveva già sottolineato l’importanza della formazione e dell’informazione per gli operatori sanitari, in prima linea a combattere Ebola e a cercare di salvare tante vite umane.
«Che la formazione e l’informazione siano le carte vincenti quando si affronta una malattia grave come Ebola è stato ampiamente dimostrato. Credo inoltre che il sistema della rete infettivologica abbia funzionato benissimo, a prova ulteriore di come un meccanismo ben rodato e ben informato dia sempre ottimi risultati».

Ebola resta una minaccia.
«Ritengo che per i nostri connazionali non ci siano problemi, perché sono stati osservati tutti i protocolli di sicurezza. Il collega si è subito autoisolato non appena ha avuto i primi sintomi, comportandosi secondo le procedure e con grande professionalità. Lo stesso vale per gli operatori sanitari che lo hanno gestito a Sassari, oltre che naturalmente all’istituto Spallanzani. Ritengo non ci si debba preoccupare, tuttavia il verdetto finale lo avremo fra qualche settimana, alla fine del periodo di osservazione».

Articoli correlati
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
Medici Senza Frontiere, parla la neo Presidente Lodesani: «Non associateci solo ai migranti, siamo in campo su guerre e disastri naturali»
Eletta alla guida di MSF Italia da un mese, la dottoressa ricorda il suo impegno sul campo, elenca le aree più calde del mondo e pone dei paletti ben chiari: «Non dobbiamo diventare un movimento troppo grande, altrimenti diventa ingestibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»