Salute 5 giugno 2017

Mal di testa? «Non dipende dalla vista» lo spiega (e conferma) il dottor Valeriani (Bambino Gesù)

Sollecitato dalle domande dei medici nostri lettori, lo specialista chiarisce: «Dall’oculista solo per la valutazione del fondo dell’occhio, fondamentale per cause gravi di mal di testa». E se un bambino lamenta mal di testa dietro la nuca è meglio rivolgersi a uno specialista: potrebbe essere una cefalea sintomatica

E’ uno dei disturbi più comuni, spesso è ricorrente e invalidante. Ne soffrono più di 25 milioni di italiani, e colpisce soprattutto le donne. Parliamo di mal di testa e, in particolare, del presunto legame tra cefalea e difetti della vista. Se si ha mal di testa, si deve andare dall’oculista? Lo abbiamo chiesto al Dottor Massimiliano Valeriani, responsabile del Centro Cefalee dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: «La letteratura scientifica sul tema è chiara: non è il difetto di vista che causa il mal di testa. Quando un bambino ha mal di testa non bisogna portarlo dall’oculista per misurare la vista. L’oculista è estremamente utile per la valutazione del fondo dell’occhio, fondamentale per escludere cause del mal di testa legate a un’ipertensione endocranica, quindi mi riferisco sia a situazioni di tumori intracerebrali che di quella che si chiama ipertensione endocranica benigna. Ma al di là di questo la misurazione dell’acuità visiva è assolutamente inutile nel bambino che soffre di mal di testa».

Il dottor Valeriani conferma quindi quanto era stato detto qualche giorno fa in una nota diffusa dal Bambino Gesù e pubblicata da Sanità Informazione, Mal di testa dei bambini? Gli esperti del Bambino Gesù sfatano 10 falsi miti, in cui venivano elencate dieci credenze sul mal di testa dei bambini, commentati e smentiti dai medici del centro cefalee dell’ospedale pediatrico con un vero e proprio decalogo, che ha stimolato l’attenzione e la curiosità di numerosi lettori, molti dei quali hanno chiesto approfondimenti sul tema che abbiamo, appunto, girato allo specialista pediatrico.

«Neanche sforzare la vista per molto tempo davanti al computer, tablet o cellulari causa cefalea, se non si ha una predisposizione genetica – continua il dottor Valeriani -. Gli emicranici poi possono avere mal di testa se si affaticano quando leggono, ma non c’è assolutamente un legame diretto».

Per quanto riguarda poi le differenze tra le zone interessate dal dolore, il dottor Valeriani specifica come, nella stragrande maggioranza dei casi, i bambini e gli adolescenti riferiscano un mal di testa nella zona frontale o fronto-temporale. «Più rara è la localizzazione occipitale, quindi posteriore, del mal di testa. Prendendo in considerazione i bambini che arrivano nel nostro pronto soccorso, abbiamo osservato che la localizzazione occipitale della cefalea sia più spesso associata a cefalee sintomatiche, secondarie, quindi a cause potenzialmente più gravi di mal di testa. Bisogna tuttavia sottolineare che non tutti i bambini che hanno dolori localizzati in sede occipitale debbano avere un tumore cerebrale o qualche altra causa grave di mal di testa».

Articoli correlati
Pediatria Aou Sassari, donato monitor e kit per intolleranze alimentari
Un monitor con relativo kit per valutare le intolleranze alimentari nei bambini: è quanto l’associazione sportiva no profit “Gianni Fresu” ha donato ieri sera all’unità operativa complessa di Pediatria dell’Aou di Sassari. L’apparecchio per il “breath test” consente di diagnosticare eventuali condizioni in cui l’organismo non è in grado di digerire il lattosio, zucchero presente […]
Dalle regine del dramma alle iper-connesse, 5 tipi di mamme raccontate (con il sorriso) dalla pediatra
Il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e la pediatra Lucilla Ricottini, in collaborazione con Consulcesi Club, lanciano una guida ai 5 tipi di mamme di oggi: “drama queen”, leonesse ma anche realiste, ecco come riconoscerle (e come il pediatra può relazionarsi con loro)
Simpef, il sindacato medici pediatri di famiglia cresce al sud
Si è concluso nel weekend il Consiglio nazionale Simpef (Sindacato medici pediatri di famiglia), il secondo più importante sindacato italiano dei pediatri di libera scelta, che ha deciso di convocare nella prossima primavera un congresso elettivo anticipato per meglio rispecchiare i nuovi equilibri interni dell’organizzazione. «Simpef è nato nel 2010 in Lombardia e si è […]
Pediatria, Congresso SIP. Il Presidente Villani: «Tasso mortalità infantile in Italia tra i più bassi al mondo»
Infanzia e adolescenza sotto osservazione per 6 giorni e a 360 gradi. Il Presidente della Società di Pediatria: «Una festa per ricordare quanto sia importante fare rete per poter vincere le sfide»
Vaccini e autismo, Vicari (Bambino Gesù): «L’unica correlazione è temporale, non esiste un nesso causale»
Per creare una cultura dei vaccini «dobbiamo accogliere le paure dei genitori e non etichettarle come ‘mancanza di civiltà’» così Stefano Vicari, Responsabile Neuropsichiatria Infantile, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...