Salute 16 maggio 2016

Gli IFO si tingono di rosa per il benessere della donna. Papilloma virus: formazione fa rima con prevenzione

Parlano oncologi e ginecologi: «Una parte significativa del personale medico deve essere ancora pienamente formato su vaccini e fattori di rischio»

Una Giornata interamente dedicata alla Salute della Donna, quella organizzata nei giorni scorsi dagli IFO di Roma. Una giornata per parlare, ma soprattutto per ascoltare. Domande, dubbi, timori, sono tutti i nodi che questa iniziativa ha l’obiettivo di sciogliere relativamente alle patologie femminili, sui cui ancora tanto c’è da lavorare per arrivare a standard soddisfacenti di consapevolezza e prevenzione.

Le più forti necessità di informazione riguardano l’ambito l’oncologico, come nel caso del tumore al seno, una malattia che colpisce la donna anche nella sua femminilità, e che lascia segni sulla psiche almeno quanti ne lascia sul corpo.

«Mi sto occupando dei tumori femminili e degli aspetti genetici del tumore della mammella – esordisce la dottoressa Antonella Savarese, del reparto Oncologia Medica 1 presso il Regina Elena di Roma -. L’argomento sta prendendo piede anche per la possibilità di avere un test che riconosce il fattore di rischio  e permette di intervenire precocemente per evitare lo sviluppo di questi tumori. E’ un’iniziativa importante perché le donne chiedono informazioni e non sempre nei siti degli istituti trovano quello che vogliono sapere. Parlare direttamente con uno specialista è veramente un modo per scambiare anche piccole paure e dubbi che altrimenti non troverebbero la giusta attenzione».

Informare si conferma essere la maniera migliore per arrivare anche alla prevenzione, e anche la formazione.
«La formazione non basta mai – conclude Savarese – bisogna essere anche rassicuranti con le persone. La formazione è continua e noi la stiamo implementando».

Implementare l’informazione è la parola d’ordine anche per l’HPV, comunemente conosciuta come papilloma virus, causa della maggior parte dei tumori della cervice. Contratto indifferentemente da uomini e donne, sono però queste ultime a pagarne il prezzo più caro in termini di salute.
«La prevenzione è possibile – afferma il dottor Luciano Mariani, responsabile dell’Unità HPV dell’IFO -. Abbiamo degli strumenti di straordinaria efficacia e sicurezza come il vaccino contro il papilloma virus e l’utilizzo anche dei test per l’identificazione dei ceppi ad alto rischio. Dobbiamo quindi estendere il concetto della prevenzione dal singolo alla comunità».

Il concetto di informazione davvero aiuta a fare questo percorso di prevenzione. Così come la formazione del personale sanitario…
«Una parte significativa del personale medico deve essere ancora pienamente formato su come si comunicano le possibilità preventive e su quali sono i risultati che abbiamo già ottenuto con le campagne di vaccinazione. Al momento c’è una quantità di disinformazione che riguarda soprattutto la vaccinazione, con notizie del tutto infondate, che il personale medico deve essere pronto a rintuzzare ogni volta».

E soprattutto sulle vaccinazioni la formazione obbligatoria del personale sanitario assume una rilevanza particolare…
«La formazione del personale medico diventa sempre più importante. L’HPV non è legato solo agli organi genitali femminili e maschili, ma anche, ad esempio, all’orofaringe, e di conseguenza il loro trattamento spetta a igienisti, poi ginecologi, poi ai dermatologi. E’ tutto il mondo della medicina che entra in gioco nella prevenzione di questo virus».

Articoli correlati
Il 2 e il 3 settembre ad Aosta prevenzione in piazza gratuita per tutti
Un ospedale da campo nel centro di Aosta. Il 2 e il 3 settembre, dalle 10 alle 13.30 e dalle 15 alle 18 in piazza Chanoux sarà possibile sottoporsi gratuitamente a visite specialistiche, screening e indagini strumentali. La Onlus Campus Salute Valle d’Aosta, con il patrocinio del Consiglio regionale della Valle d’Aosta, dell’Assessorato regionale della […]
Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia
Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione
L’epilessia tumorale si combatte nei centri multidisciplinari e con i farmaci di nuova generazione
Nuovo studio su Plos One coordinato dall'Istituto Regina Elena di Roma e l’Ospedale S.S. Pietro e Paolo di Venezia. Maschio: «Abbiamo seguito oltre 800 pazienti provenienti da 26 centri su tutto il territorio nazionale». Ciliberto: «Lo studio ha valutato effetti collaterali e qualità di vita nella scelta dei farmaci antiepilettici»
La rete dei 21 IRCCS associati ha istituito il working group «Immunoterapia»
L’immunoterapia oncologica e i suoi efficaci sviluppi applicativi stanno modificando la gestione dei tumori: lo testimoniano, tra l’altro, i promettenti esiti pubblicati dalla rivista Nature (Sahin et al, Ott et al, 2017) sull’utilizzo di tecnologie alternative o aggiuntive agli inibitori dei checkpoint tramite un approccio terapeutico vaccinale personalizzato, diretto miratamente contro i neoantigeni specifici di […]
Dalla Martines a Dolcenera gli appelli per giornata salute donna su vaccini e prevenzione
Una maratona giornaliera dedicata alla salute al femminile che si aprirà con la presentazione, da parte del Ministro Beatrice Lorenzin, del calendario della salute della donna – un vero e proprio vademecum tascabile con i consigli più importanti di prevenzione. Poi gli interventi di tante donne del mondo dello spettacolo, dello sport, youtubers che hanno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...