Salute 16 maggio 2016

Gli IFO si tingono di rosa per il benessere della donna. Papilloma virus: formazione fa rima con prevenzione

Parlano oncologi e ginecologi: «Una parte significativa del personale medico deve essere ancora pienamente formato su vaccini e fattori di rischio»

Una Giornata interamente dedicata alla Salute della Donna, quella organizzata nei giorni scorsi dagli IFO di Roma. Una giornata per parlare, ma soprattutto per ascoltare. Domande, dubbi, timori, sono tutti i nodi che questa iniziativa ha l’obiettivo di sciogliere relativamente alle patologie femminili, sui cui ancora tanto c’è da lavorare per arrivare a standard soddisfacenti di consapevolezza e prevenzione.

Le più forti necessità di informazione riguardano l’ambito l’oncologico, come nel caso del tumore al seno, una malattia che colpisce la donna anche nella sua femminilità, e che lascia segni sulla psiche almeno quanti ne lascia sul corpo.

«Mi sto occupando dei tumori femminili e degli aspetti genetici del tumore della mammella – esordisce la dottoressa Antonella Savarese, del reparto Oncologia Medica 1 presso il Regina Elena di Roma -. L’argomento sta prendendo piede anche per la possibilità di avere un test che riconosce il fattore di rischio  e permette di intervenire precocemente per evitare lo sviluppo di questi tumori. E’ un’iniziativa importante perché le donne chiedono informazioni e non sempre nei siti degli istituti trovano quello che vogliono sapere. Parlare direttamente con uno specialista è veramente un modo per scambiare anche piccole paure e dubbi che altrimenti non troverebbero la giusta attenzione».

Informare si conferma essere la maniera migliore per arrivare anche alla prevenzione, e anche la formazione.
«La formazione non basta mai – conclude Savarese – bisogna essere anche rassicuranti con le persone. La formazione è continua e noi la stiamo implementando».

Implementare l’informazione è la parola d’ordine anche per l’HPV, comunemente conosciuta come papilloma virus, causa della maggior parte dei tumori della cervice. Contratto indifferentemente da uomini e donne, sono però queste ultime a pagarne il prezzo più caro in termini di salute.
«La prevenzione è possibile – afferma il dottor Luciano Mariani, responsabile dell’Unità HPV dell’IFO -. Abbiamo degli strumenti di straordinaria efficacia e sicurezza come il vaccino contro il papilloma virus e l’utilizzo anche dei test per l’identificazione dei ceppi ad alto rischio. Dobbiamo quindi estendere il concetto della prevenzione dal singolo alla comunità».

Il concetto di informazione davvero aiuta a fare questo percorso di prevenzione. Così come la formazione del personale sanitario…
«Una parte significativa del personale medico deve essere ancora pienamente formato su come si comunicano le possibilità preventive e su quali sono i risultati che abbiamo già ottenuto con le campagne di vaccinazione. Al momento c’è una quantità di disinformazione che riguarda soprattutto la vaccinazione, con notizie del tutto infondate, che il personale medico deve essere pronto a rintuzzare ogni volta».

E soprattutto sulle vaccinazioni la formazione obbligatoria del personale sanitario assume una rilevanza particolare…
«La formazione del personale medico diventa sempre più importante. L’HPV non è legato solo agli organi genitali femminili e maschili, ma anche, ad esempio, all’orofaringe, e di conseguenza il loro trattamento spetta a igienisti, poi ginecologi, poi ai dermatologi. E’ tutto il mondo della medicina che entra in gioco nella prevenzione di questo virus».

Articoli correlati
Regione Lazio: oltre 200mila accessi in ambulatori aperti nel weekend
Da novità di successo a punto di riferimento per la popolazione: gli ambulatori di Medicina Generale operativi durante i weekend e i giorni festivi nel Lazio hanno raggiunto le 200 mila visite. Dal 2014 la Regione Lazio  ha aperto precisamente 29 ambulatori di Medicina Generale: 17 a Roma, 1 a Frosinone (1 a Cassino, 1 a Sora), 1 a Rieti, a […]
Diabete, per l’Istat uno tsunami che avanza nelle città
In Italia, secondo ISTAT, le persone con diabete sono 3,27 milioni; secondo alcune proiezioni, se la crescita della malattia continuerà ai ritmi attuali, entro 20 anni potrebbero diventare oltre 6 milioni. Nasce, in occasione della Giornata mondiale del diabete 2017, una forte alleanza pubblico-privato destinata ad affrontare la drammatica crescita della malattia. Ѐ stato firmato oggi a […]
Arezzo, la Onlus Calcit Valdarno regala la tomosintesi per la senologia clinica
Un nuovo apparecchio per la prevenzione dei tumori al seno. Questo il regalo della Onlus Calcit del Valdarno all’Ospedale della Gruccia e destinato alla Radiognostica per la Senologia clinica. L’apparecchio, costato quasi 100.000 euro, permette un risultato diagnostico più efficace rispetto alla mammografia convenzionale. Per combattere il cancro al seno, la prevenzione e la diagnosi precoce restano […]
Lilt di Monza: Arriva il nuovo mammografo digitale con Tomosintesi
È stato inaugurato il primo mammografo digitale con Tomosintesi della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori nello Spazio Prevenzione LILT di Monza. Al taglio del nastro erano presenti il Presidente di LILT Milano Marco Alloisio, il Sindaco di Monza Dario Allevi, e l’Assessore alla Famiglia, Politiche Sociali Desirée Chiara Merlini. «Siamo orgogliosi di […]
Terza edizione di Sanit Cardio Race: corri per il cuore a Roma
Domenica 22 ottobre corri per la salute del cuore. Questo lo slogan di Sanit Cardio Race, giunta quest’anno alla terza edizione: la maratona competitiva – e non – dedicata alla lotta alle malattie cardiovascolari che si svolgerà a Roma presso il Guido Reni District a partire dalle ore 8:00. Come si legge sul sito di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...