Salute 30 Giugno 2022 10:18

Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute

In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D

Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute

C’è chi soffre di osteoporosi, chi di sarcopenia e chi di osteosarcopenia, una sindrome di recente definizione che vede la manifestazione concomitante di entrambe le patologie. L’osteoporosi aumenta il rischio di fratture a vertebre, polso, femore, e non solo. Il suo impatto può essere molto rilevante, tanto che in caso di frattura del femore il tasso di mortalità nell’arco di un anno è di circa il 20%, a cui si aggiunge, nonostante il miglioramento delle tecniche ortopediche, una disabilità nel 40% dei casi. Per arrivare ad una diagnosi di sarcopenia si valutano la forza, la quantità di tessuto muscolare e la prestazione fisica con l’analisi di una serie di performance con strumenti come il dinamometro e il test del cammino che valuta la velocità di camminata. Questi parametri integrati mostrano l’incremento della fragilità del soggetto che si può fratturare e ammalare.

Osteoporosi e sarcopenia in cifre

L’osteoporosi, dal 1993 classificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come malattia sociale, vede numeri crescenti in Italia e nel mondo, con notevole impatto clinico, economico e sociale. I dati del Ministero della Salute rilevano che in Italia le persone affette da questa patologia siano circa 5 milioni (dato forse sottostimato), di cui l’80% sono donne, spesso in post menopausa. Ne sono colpite il 23% delle donne oltre i 40 anni e il 14% degli uomini con più di 60 anni. La sarcopenia è una sindrome che si caratterizza per la progressiva e generalizzata perdita di massa, forza muscolare e/o performance che porta ad aumentato rischio di disabilità fisica, scarsa qualità di vita, cadute, numerose complicanze e decesso.

L’importanza di calcio e vitamina D

«La comunità scientifica rivolge crescente attenzione a questi due aspetti spesso visti come separati: da una parte, la perdita di massa ossea e di resistenza dell’osso, ossia l’osteoporosi. Dall’altra, la perdita di massa, forza e performance muscolare, la sarcopenia – dice il professore Stefano Lello, Consulente Scientifico del dipartimento Salute Donna e Bambino Fondazione Policlinico Gemelli -. Osso e muscolo si influenzano vicendevolmente e allo stesso modo la salute di ossa e muscoli viaggia insieme: fare movimento, avere una dieta corretta con un introito adeguato di calcio, mantenere un buon livello di vitamina D sono aspetti di cui si giovano sia l’osso che il muscolo. L’interdipendenza è acuita dal fatto che l’età media della popolazione è in crescita, con riduzione complessiva della massa ossea e di quella muscolare. Entrambe determinano un aumento della fragilità e del rischio di cadute e di fratture. Uno studio del 2011, ad esempio, dimostra che nelle donne che si fratturano il femore, il 58% soffre anche di sarcopenia».

Il ruolo del Medico di Medicina Generale

La perdita di massa ossea e muscolare rappresentano due processi inevitabili nella fase matura della vita. La massa ossea si costruisce fino a 25-30 anni, poi si inizia a perdere progressivamente nel tempo, con un’accelerazione nelle donne in menopausa. Seppure con un’ampia variabilità, circa l’1-2% della massa muscolare viene persa ogni anno dopo i 50 anni, per una riduzione totale compresa tra il 30 e il 50% all’età di 80 anni. La prevenzione può iniziare sin da giovani con uno stile di vita sano, acquisendo sempre più rilievo con il passare del tempo. Per valutare l’efficacia dello stile di vita e il monitoraggio dell’invecchiamento di ossa e muscoli è fondamentale il ruolo del Medico di Medicina Generale, che ha la possibilità di conoscere la storia clinica del paziente e di comprendere la sua evoluzione. «Anche nel soggetto anziano 20-30 minuti di attività fisica 3 volte a settimana possono migliorare la condizione di ossa e muscoli – evidenzia Lello -. Diventa poi necessario migliorare l’introito proteico: 1-1,5 grammi di proteine per chilo ogni giorno possono essere d’aiuto. Bisogna poi integrare la dieta con un efficiente apporto di calcio, senza dimenticare l’impatto sul sistema cardiovascolare. La supplementazione di vitamina D è fondamentale, come in tutte le fasi della vita: negli adolescenti con carenza di vitamina D c’è il rischio di non raggiungere il picco di massa ossea, ossia il massimo di quantità ossea che ognuno di noi raggiunge nella vita, che è geneticamente determinato e influenzato da fattori ormonali, dietetici, dall’attività fisica, dalla vitamina D stessa», conclude il professore.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»
Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale