Salute 16 Giugno 2022 15:19

Carenza di Vitamina D e altri nutrienti, gli esperti AME: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»

Carenza di Vitamina D e altri nutrienti. Gli esperti AME avvertono: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»

di Fabiola Zaccardelli
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti, gli esperti AME: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»

«Sì agli alimenti fortificati per sopperire alla carenza di nutrienti, associandoli alla vita all’aria aperta e all’esercizio fisico». A dirlo è Fabio Vescini, medico endocrinologo, in occasione del “AME UpToDate sul metabolismo calcio-fosforo” svoltosi a Udine il 10 e 11 giugno 2022.

Un momento importante di aggiornamento e approfondimento attorno non solo all’osteoporosi – tematica da sempre centrale nel biennale corso teorico-pratico organizzato dall’Associazione Medici Endocrinologi – ma anche a tante altre malattie dell’osso connesse alla carenza di nutrienti come calcio, fosforo, sodio e vitamina D, vitali per la sua salute.

In Italia è stato il recente arrivo del “pomodoro fortificato” – il nuovo prodotto di laboratorio geneticamente modificato in grado di accumulare la provitamina D3 nelle foglie e nei frutti – a riportare l’attenzione proprio sulla “super vitamina” e sui rischi connessi ad una sua mancanza.

«Sembrerà strano sapere che nei Paesi del Nord Europa come Scandinavia, Olanda, Danimarca, la popolazione ha degli ottimi livelli di vitamina D, mentre proprio noi, i Paesi che “hanno il sole”, siamo quelli che soffrono di più della mancanza di questa», racconta Vescini.

«Questo perché, da almeno cinquant’anni la fortificazione del cibo è parte della politica sanitaria nazionale di molti Paesi nordici, che scelgono di arricchire di Vitamina D tutti gli alimenti».

Si parla di “fame nascosta”: una sottonutrizione che si verifica quando il corpo non assume (o non assorbe) abbastanza vitamine e minerali necessari.

La carenza di vitamina D

Tra le carenze più importanti, quella da Vitamina D che oggi vede circa 40% della popolazione europea è nella fascia di rischio e che può avere come conseguenze patologie legate per esempio al metabolismo osseo (come rachitismo, osteomalacia e osteoporosi), oltre a essere connesso ad altre condizioni, tra cui diabeteipertensione, patologie neurologiche e reumatiche.

Così, gli alimenti arricchiti – di vitamine, minerali o altri nutrienti – sono sempre più ricercati e al centro della ricerca scientifica, oltre ad essere già da molti considerati una possibile soluzione per la crescente e preoccupante malnutrizione che colpisce oggi 6,7 miliardi di persone e si stima sorpasserà i 9 miliardi entro il 2050.

«Se nei casi carenziali con sintomi gravi, come può essere l’osteomalacia nell’adulto, causa di stanchezza, dolori diffusi, microfratture inspiegabili e dolorose, o di osteoporosi è assolutamente necessario intervenire con degli integratori supplementari, nella maggioranza della popolazione la carenza non presenta alcun sintomo e la vita all’aria aperta, la qualità del cibo e una dieta equilibrata sono sufficienti a mantenere l’equilibrio organico – aggiunge Vescini – già questo, soprattutto per la popolazione più giovane, potrebbe bastare per avere notevoli benefici e rialzare i livelli di vitamina D».

La corsa agli integratori

Contro la corsa irrefrenabile all’uso di integratori, la raccomandazione che arriva dagli esperti è dunque quella di valutare attentamente, e con il proprio medico, la necessità dei supplementi «guardando proprio a tutte quelle altre abitudini che prima possono essere modificate. Inoltre – aggiunge il dottore – le etichette dei prodotti oggi ci dicono tutto su quello che stiamo ingerendo, permettendoci di privilegiare alimenti che abbiano una buona quantità di calcio e degli altri nutrienti».

Tra gli altri “hot topic” al centro della due giorni di evento anche l’osteopatia diabetica, su cui si è fatto il punto con esperti di fama nazionale sia in relazione alla sua epidemiologia, quindi sulle sue cause e al rischio di fratture ad essa legate, sia sulle ricadute che i farmaci al momento in uso per curare il diabete hanno sull’osso.

Un approfondimento importante considerando la “particolarità” di quella che possiamo definire una nuova forma di osteoporosi ad alto rischio di frattura.

«Un argomento sicuramente rilevante ma che necessita di ulteriore ricerca per essere compreso. Basti pensare che la densità minerale ossea, nel diabete di tipo 2, che è la forma più frequente, è normale o ridotta di poco, eppure il rischio di frattura che presentano i pazienti affetti da questa patologia è pari a quello di coloro che soffrono di osteoporosi più avanzate», spiega il dottore. «Guardiamo con interesse ai nuovi farmaci che verranno commercializzati a breve e ai loro importanti effetti sull’osso, e chissà se già al prossimo UpToDate avremo qualcosa da poter condividere a riguardo con gli altri professionisti».

UpTodate

Come da tradizione, durante l’evento un intero pomeriggio è stato inoltre dedicato “all’incontro con gli esperti”: 4 sessioni per piccoli gruppi di partecipanti che hanno visto coppie di specialisti discutere e confrontarsi, anche con visioni completamente opposte, sulle tematiche più dibattute del momento: dall’osteoporosi secondaria, alle terapie sequenziali fino all’ipotesi di terapie di combinazione, passando per la cosiddetta “drug holiday”, ossia «la sospensione del trattamento dell’osteoporosi che è auspicata ma sulla quale si fa ancora spesso confusione», aggiunge Vescini. Infine, si è discusso sull’uso ragionato delle indagini radiologiche espandendo l’approfondimento oltre la densitometria.

Tra gli argomenti protagonisti del secondo giorno di incontri anche le osteoporosi secondarie a malattie endocrine (ossia quelle provocate da altre patologie), con l’approfondimento in particolar modo della sindrome di Cushing (ipercortisolismo), dell’acromegalia (legata all’eccesso dell’ormone della crescita GH) e le osteoporosi secondarie legate all’ipertiroidismo.

Ad intervenire con una lettura magistrale, novità dell’edizione 2022, è stato Alberto Falchetti, Responsabile del Laboratorio Sperimentale Ricerche sul Metabolismo Osseo dell’Auxologico di Milano, che partendo da tre malattie rare, quali il rachitismo ipofosfatemico legato al cromosoma X, il danno osseo nella distrofia muscolare di Duchenne, e la DADA 2 Syndrome, ha approfondito il danno osseo nelle malattie rare.

Il prossimo incontro

Il 2° AME UpToDate si è quindi concluso con un simposio frequentatissimo attorno alle ghiandole paratiroidi: in particolare, due relazioni hanno riguardato l’iperparatiroidismo e due l’ipoparatiroidismo, sulle cui nuove linee guida, ci fa sapere Vescini, sta attualmente lavorando un board internazionale, le cui conclusioni sono attese a breve.

«Le ultime direttive per il trattamento dell’iperparatiroidismo sono ormai del 2015 e diversi aspetti necessitano di essere rivisti. Ci auguriamo tutti che vengano pubblicate quanto prima, magari entro la fine di questo anno», aggiunge l’endocrinologo.

«Possiamo ipotizzare che tra gli aspetti che verranno aggiornati ci saranno i criteri per inviare i pazienti all’intervento chirurgico. Personalmente ritengo che al momento diversi, tra coloro che ne avrebbero bisogno, “sfuggano” all’intervento perché non incontrano alcuni dei criteri precedentemente definiti», conclude il dottore.

Mentre si attendono le nuove linee guida, prosegue il ricco calendario di eventi AME che dà appuntamento ai professionisti della salute al prossimo “Obesity Update 2022”, in programma a Roma il 2 Luglio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete: influenza triplica il rischio di ricoveri. L’appello degli esperti AME: «Il vaccino salva la vita»
In occasione della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra lunedì 14 novembre 2022 gli specialisti dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS) invitano le persone con diabete a sottoporsi tempestivamente alla vaccinazione antinfluenzale
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
Noduli alla tiroide, AME: «La diagnosi provoca ansia e preoccupazione, fondamentale corretta informazione»
Settimana della Tiroide, parte il progetto “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Le nuove Linee Guida redatte da AME in collaborazione con tutte le principali Società Scientifiche italiane
Endocrinologi a congresso, tutte le novità più recenti della ricerca clinica e di base
Franco Grimaldi, presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): "Il Congresso Europeo di Endocrinologia, che si terrà da sabato 21 maggio a Milano, sarà un'occasione importante di confronto tra gli endocrinologi italiani ed europei"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa