Salute 28 Giugno 2022 15:32

Fare prevenzione cardiaca con l’intelligenza artificiale, l’ultima sfida del Cardiologico Monzino

Vincitore di un bando europeo promosso dalla Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica, il progetto, diretto dal professor Claudio Tondo, in collaborazione con il Politecnico di Milano metterà a punto, grazie all’intelligenza artificiale, dei parametri in grado di studiare i rischi cardiovascolari e personalizzare le cure

Fare prevenzione cardiaca con l’intelligenza artificiale, l’ultima sfida del Cardiologico Monzino

“L’intelligenza artificiale ci salverà la vita”. Quello che potrebbe sembrare uno slogan, in realtà è l’ultima sfida dell’Ospedale Monzino. Vincitore di un bando europeo promosso dalla Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica, il team di medici e ricercatori diretti dal professor Claudio Tondo sta lavorando su un progetto ambizioso al fine di individuare i parametri di rischio cardiovascolare di ciascun paziente e personalizzare le cure attraverso l’intelligenza artificiale. «Il lavoro, realizzato in cooperazione con scienziati finlandesi e tedeschi, prende in considerazione i fattori di rischio noti come diabete, ipertensione, familiarità e li elabora sulla base di informazioni cliniche raccolte negli anni al fine di attivare un calcolatore del rischio vascolare attraverso l’intelligenza artificiale».

Lo studio dei dati

I dati clinici raccolti negli ultimi vent’anni vengono inseriti in una intelligenza artificiale che li confronta con gli stessi raccolti in altri paesi e li trasforma in valori numerici «In pratica grazie alla matematica vengono studiati i dati raccolti in diversi anni e applicati in maniera prospettica – spiega Tondo -. In questo modo si formulano dei valori di rischio che permettono di capire quali soggetti nel tempo possano sviluppare una patologia cardiovascolare». Il progetto, che si svilupperà contemporaneamente in tre paesi: Italia, Finlandia e Germania coinvolgerà oltre 3000 persone, uomini e donne in una fascia di età compresa tra i 25 e i 60 e avrà una durata di24 mesi.  «Alcuni fattori di rischio sono noti, come diabete, ipertensione, familiarità, altri ancora no. Noi grazie ai dati raccolti e all’intelligenza artificiale saremo in grado di individuare i soggetti a rischio anche in assenza di familiarità».

L’ambiente sviluppa fattori di rischio diversi

Tre aree geografiche e tre popoli differenti: finlandesi, tedeschi e italiani saranno studiati e messi a confronto dall’intelligenza artificiale per capire se l’ambiente incide nello sviluppo di patologie cardiovascolari. «Questo sarà lo spunto per verificare se ci sono elementi distintivi che differenziano le tre popolazioni e capire se il nostro calcolo matematico scientifico è in grado di riconoscere quei fattori di rischio altrimenti difficili da intercettare. Una corretta elaborazione dei dati sarà utile e avrà una ricaduta anche nella gestione della sanità pubblica facendo prevenzione».

Le conseguenze del Covid

Il progetto, pensato prima della pandemia, dovrà comunque fare i conti anche con il Covid. «In realtà gli ultimi due anni possono essere utili per capire se il virus ha una ricaduta sul sistema cardiovascolare perché trattandosi di un virus che scatena una infiammazione, col tempo potrebbe incidere sui vasi e sulle coronarie, generando ad esempio delle vasculiti», conclude Tondo.

27,6 milioni di euro per la Fondazione Regionale di Ricerca Biomedica

L’intelligenza artificiale è solo uno dei tanti ambiti di sviluppo su cui punta la Fondazione Regionale di Ricerca Biomedica che con i 27,6 milioni ricevuti da Regione Lombardia sostiene progetti per la ricerca e l’innovazione del sistema sanitario regionale. «In particolare, lavoriamo sulla medicina personalizzata come strumento per mettere l’individuo e i suoi fabbisogni al centro delle cure – commenta Luigi Cajazzo, direttore della Fondazione Regionale di Ricerca Biomedica – inoltre siamo impegnati nella ricerca sulle malattie rare, sul cancro, la lotta ai virus e sui big data in health».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde
Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari
Ge Healthcare nominata “2020 Global company of the year” per i suoi centri di comando basati sull’intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, con i Command Center GE Healthcare aiuta gli ospedali a migliorare l’efficienza e ottimizzare le risorse per offrire cure migliori ai pazienti
Accordo Ministero Salute-Cineca su intelligenza artificiale e Big Data
Zampa: «Il primo ambito nel quale si esplicita la collaborazione è la popolazione over 65 e 0-18 anni». Vannozzi (Cineca): «Una svolta nella gestione dei dati per la salute degli italiani»
Al via il premio Artificial Intelligence Research Award per prevenire il tumore al colon retto in Europa
Una partnership tra Medtronic, azienda leader di tecnologie e soluzioni mediche e ESGE, Società Europea di Endoscopia Gastrointestinale per supportare la ricerca sull’intelligenza artificiale nella colonscopia e aiutare a prevenire quasi 100 mila casi di tumore al colon retto in Europa, grazie al premio Artificial Intelligence Award. Un’iniziativa che consentirà ai migliori ricercatori e ospedali […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale