Salute 19 aprile 2018

Giornata Nazionale della Salute della Donna, Fabi (oncologa): «Prevenire significa guarire. Curare una donna vuol dire tutelare la società»

Iniziative in programma fino al 22 aprile. «Il tumore della mammella, primo per incidenza tra le neoplasie femminili, può insorgere a qualsiasi età». Alessandra Fabi, oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma, invita tutta la popolazione femminile a partecipare alla giornata di prevenzione

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Tutelare la salute della donna significa tutelare la salute di un’intera comunità». Sono chiare le parole dello slogan scelto per promuovere la Giornata nazionale della Salute della Donna che, quest’anno, giunge alla sua terza edizione.

Che “la donna sia il fulcro della vita quotidiana” ne è convinta anche Alessandra Fabi, oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma che, insieme al San Gallicano e a tutti gli ospedali con il Bollino Rosa, offre gratuitamente servizi clinici, diagnostici e informativi nell’ambito della senologia, neurofisiologia, psichiatria, fisioterapia riabilitativa e alimentazione nelle donne con tumore al seno. Le iniziative di diagnosi e prevenzione continueranno fino al 22 aprile, data scelta per celebrare l’edizione 2018 dell’iniziativa nazionale.

«Si è deciso di dedicare un’intera giornata alla salute della donna – ha spiegato la dottoressa Fabi – per due fondamentali motivi. Innanzitutto perché il tumore della mammella, primo per incidenza tra le neoplasie femminili, può insorgere a qualsiasi età. Secondo, perché la donna ha un ruolo fondamentale non solo all’interno del suo nucleo familiare, ma anche a livello sociale».

La settimana è ricca di appuntamenti, dal nord al sud della penisola (tutti consultabili sul sito http://www.giornatasalutedonna.it/), incontri che culmineranno il 21 aprile, a Roma, con il Villaggio della Salute della Donna, allestito al Ministero della Salute (sede di Viale Giorgio Ribotta, 5), dalle 9.30 alle 17.

«Questa iniziativa – ha aggiunto l’oncologa dell’Istituto Tumori Regina Elena di Roma – vuole sottolineare l’importanza di un approccio multidisciplinare, soprattutto per il trattamento delle patologie oncologiche. Per affrontare un percorso di cura l’intervento dell’oncologo e dello psicologo non sono sufficienti. Ci vuole il supporto anche di un’altra figura che sia addetta alle cure supplementari. Uno specialista che sostenga il paziente durante il follow-up, quando cioè non è più malato ma è considerato un “paziente oncologico sano”, guarito.  Ed è proprio a tale scopo che indirizziamo i nostri pazienti verso dei centri specializzati in terapie complementari. Oggi, una donna che riceve una diagnosi di tumore fa delle richieste specifiche: vuole continuare a vivere e vuole farlo con dignità, mantenendo una certa qualità del quotidiano, non trascurando né i rapporti interpersonali, né quelli sociali».
Ma la Giornata nazionale della Salute della Donna non è nata solo per sostenere coloro che stanno già lottando contro la propria malattia. È dedicata anche alla prevenzione, a quelle donne che ancora non sanno di avere un male da sconfiggere. «Prevenire, sottoponendosi agli screening radiologi e sierologici, che vanno dall’ecografia, alla mammografia, fino al pap test – ha sottolineato Alessandra Fabi – significa guarire la paziente, precocizzare un processo tumorale. Con la prevenzione primaria, poi, che comprende l’adozione di stili di vita adeguati, si può addirittura evitare la comparsa della neoplasia. Sane abitudini – come smettere di fumare, seguire un’alimentazione corretta, fare attività fisica adeguata – che non vanno mai perse di vista». Nessuno deve abbassare la guardia, nemmeno chi la sua battaglia l’ha già vinta da tempo: «Una donna che ce l’ha fatta perché è guarita da un tumore, anche dopo 10 anni – ha concluso l’oncologa – deve continuare a volersi bene».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
Giornata mondiale della malattia di Alzheimer: nuove speranze per la prevenzione della patologia
La diagnosi della malattia di Alzheimer cambia la vita delle persone, non solo di quelle colpite ma anche dei loro cari. In tutto il mondo, più di 44 milioni di persone soffrono di demenza: la Malattia di Alzheimer ne rappresenta la forma più comune e costituisce una delle sfide sanitarie più grandi da affrontare. Ogni […]
Prevenzione, al via la nona edizione di “Nonno Ascoltami” con Lino Banfi testimonial d’eccezione
Al via in tutta Italia la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. Ad aprire l’edizione 2018 un testimonial d’eccezione: l’attore Lino Banfi, già promotore al fianco della Onlus “Nonno […]
Vaccini, SIPPS: «Non aspettare focolaio di epidemia per procedere a vaccinazioni»
Un osservatore esterno che volesse cercare di comprendere le motivazioni che stanno spingendo la politica italiana a sostituire, a distanza di poco più di un anno dalla sua approvazione da parte del Parlamento, una legge che aveva aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10 ed esteso l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...