Salute 4 aprile 2017

Allarme morbillo, casi in aumento anche tra i medici. Scattano controlli su pediatri che non vaccinano

Lombardia, Piemonte, Lazio e Toscana sono in testa alla classifica nazionale per numero di contagi. A contrarre la malattia anche gli operatori sanitari. Allarme al Meyer per un radiologo che ha contratto il morbillo

Allarme morbillo, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, dall’inizio del 2017, si sono registrati in Italia più di mille casi. Di questi, nel 33% dei casi si è avuta almeno una complicazione, nel 41% un ricovero e nel 14% un accesso al Pronto Soccorso. La stima è decisamente allarmante se si pensa che in tutto il 2016, i casi segnalati, sono stati poco meno di 900. Profetici gli esperti del Ministero della Salute che in tempi non sospetti, avevano anticipato un’annata da primato per la diffusione della malattia infettiva. A confermare l’allarme il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha ribadito l’importanza di seguire le linee del nuovo Piano Vaccini.

Lombardia, Piemonte, Lazio e Toscana sono in testa alla classifica nazionale per numero di contagi, l’assessorato al Welfare procederà con un controllo per individuare quei pediatri i cui piccoli pazienti non sono vaccinati. In particolare è la Lombardia la Regione più in difficoltà: circa 5 mila bambini risultano scoperti dalle vaccinazioni chiave per l’età infantile (esavalente e trivalente) e quasi 8 pediatri su 10 (79%) registrano proprio sull’iniezione anti morbillo-parotite-rosolia livelli di adesione fra i piccoli assistiti inferiori al 95%, la soglia di sicurezza. Alla luce di questi numeri Palazzo Lombardia ha deciso un nuovo intervento. Entro il 20 aprile 1.300 camici bianchi dei bimbi «riceveranno dalle Ats l’elenco con il nominativo dei circa 5 mila bambini su 86.503 coorte 2014 – ha annunciato l’Assessore Regionale al Welfare, Giulio Gallera – che risultano ancora scoperti dai due momenti vaccinali di riferimento per l’infanzia, ovvero l’adesione a 3 dosi di vaccino esavalente e alla prima dose di trivalente, affinché attivino un confronto o una riflessione con i genitori per capire le motivazioni che hanno impedito la vaccinazione e favoriscano il recupero della copertura» comunica l’assessore. «L’impegno della Regione per sensibilizzare le famiglie lombarde a tutelare la salute dei propri figli sottoponendoli alle vaccinazioni previste dal piano regionale continua», evidenzia Gallera.

Ma non sono solo i bambini ad ammalarsi, anche una buona media di adulti rientra nella casistica e, dato ancora più allarmante, a contrarre la malattia anche un numero discreto di operatori sanitari. È di questi giorni la notizia della dottoressa radiologo, in servizio all’ospedale pediatrico fiorentino Meyer, che ha contratto il morbillo. La direzione dell’ospedale fa sapere che sono stati presi provvedimenti a tutela sia dei bambini che sono potenzialmente entrati in contatto con il medico, che degli operatori. Il Meyer già nei mesi scorsi aveva attivato un programma di prevenzione del morbillo con la ricerca attiva dell’immunità per il personale che effettua controlli periodici presso il medico del lavoro del Meyer.

Per approfondire:

Epidemia di morbillo in Galles, vaccini per i giovani tra i 10 e i 16 anni

Piano Vaccini, Ricciardi (ISS) conferma: «I medici che li sconsigliano saranno rimossi»

Può interessare:

Come scegliere il pediatra giusto

Articoli correlati
Lecce, grave una 29enne per complicanze da morbillo
Una ragazza di 29 anni, non vaccinata, è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Vito Fazzi di Lecce per encefalite da morbillo.  L’encefalite, è una grave complicanza del morbillo; nel nostro Paese, dal 1 gennaio al 31 marzo 2018 si sono registrati 805 casi di morbillo di cui il 92% in pazienti non vaccinati. Quattro, secondo […]
Morbillo, impennata di casi a marzo. Ricciardi (Iss): «Non è una sorpresa, colpiti i non vaccinati»
Il totale del mese come la somma di gennaio e febbraio. La Sicilia la regione più colpita, poi Lazio e Calabria. Dati in calo rispetto al 2017 quando nei primi tre mesi i colpiti erano stati 1755. Record in Francia, con 1900 infetti da inizio anno
Allarme morbillo, OMCeO Catania: «Noi da sempre in prima linea per corretta informazione, anche sul web»
Il caso del bambino morto a Catania perché troppo piccolo per essere vaccinato ha riacceso i riflettori sull’importanza dell’immunità di gregge per tutelare la salute pubblica. L’OMCeO Catania sottolinea: «Su vaccini necessaria sinergia tra formazione medica e corretta informazione ai cittadini»
Sicilia, continua l’emergenza morbillo: in 15 ricoverati a Catania. Si muove la Regione
Due pazienti in condizioni più serie. Oltre la metà delle infezioni registrate in Italia si sono avute sull’isola. A breve decreto regionale per fronteggiare la situazione: tra le misure riduzione delle liste d’attesa per le vaccinazioni e uno screening del personale sanitario
Che cos’ha Cicciobello? Il morbillo. Ed è subito polemica
«Il morbillo non è un gioco» così Walter Ricciardi, Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità e Roberto Burioni, noto medico pro-vax, prendono le distanze dal nuovo prodotto da 'Giochi Preziosi' che ha lanciato sul mercato il famoso bambolotto coperto da bollicine rosse. «Da sempre i bambini giocano al medico e al dottore», si difende l'azienda italiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»