Formazione 2 dicembre 2014

Forum Ecm: riflettori accesi su nuove tecnologie e sanzioni

La VI edizione della Conferenza Nazionale sulla Formazione Continua in Medicina ha evidenziato anche la necessità di rendere più omogeneo l’accreditamento

Immagine articolo

Uniformare le modalità di accreditamento ECM a livello nazionale ed evolvere il metodo di insegnamento puntando su nuove tecnologie e Formazione sul Campo. Sono queste le nuove linee guida emerse dalla sesta Conferenza Nazionale sulla Formazione Continua in Medicina, che ha avuto luogo lo scorso 24 e 25 novembre nel Palazzo dei Congressi di Roma.

L’evento è andato in scena in un momento in cui il Sistema Sanitario italiano va incontro ad un nuovo Patto della Salute e ad importanti cambiamenti in ambito medico-sanitario. In questo contesto, la Conferenza si è proposta, nell’ambito della formazione dei professionisti sanitari, come momento di confronto in cui tutti i principali attori del Sistema sono stati chiamati ad apportare il proprio contributo di esperienze, idee e progetti da condividere e confrontare per un sistema sempre più all’avanguardia.

Organizzata sotto la direzione scientifica della Commissione Nazionale per la Formazione Continua e del Ministero della Salute, in collaborazione con Age.Na.S. (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali), quest’anno la Conferenza ha avuto uno spessore particolare perché inserita nella cornice del Semestre italiano a guida dell’Unione europea. Motivo, questo, per cui l’evento ha rappresentato un’occasione unica per trattare il tema dell’aggiornamento professionale e della necessaria armonizzazione delle regole non soltanto nel quadro nazionale, ma in quello – molto più ampio – europeo.

Dalla due giorni è emerso che il 53% circa di tutti i professionisti che operano nella sanità non risulta in regola con il conseguimento dei crediti necessari. Su questo argomento il presidente della FNOMCeO, Amedeo Bianco, si è detto sicuro che “con un piccolo sforzo” si potrebbe riuscire a far scendere questa percentuale “almeno fino al 50, il che non è poco”. Le strade praticabili in questo senso sono due: far crescere una “cultura dell’aggiornamento” tra i professionisti italiani e introdurre, possibilmente per l’inizio del 2016, una serie di sanzioni per chi non si aggiorna.

Largo spazio è stato poi dato alle nuove frontiere della formazione ECM, ovvero quelle relative alle nuove tecnologie: Webinar, realtà aumentata, chirurgia robotica sono soltanto alcune delle tipologie di metodo di aggiornamento che si imporranno nel corso dei prossimi anni. Per il momento, resta la necessità per il medico di formarsi attraverso i “classici” corsi Residenziali, FSC e FAD, con quest’ultimo in rapida e importante ascesa anche grazie allo sviluppo e alla sempre più capillare diffusione di smartphone e tablet.

Articoli correlati
OMCeO, Panti (Firenze) lascia e si sfoga: «La politica ha smesso di ascoltare i medici. Ritroviamo la nostra voce…»
«Giovani medici e futuro del SSN. Ritrovare l'unità dei medici». Intervista al Presidente uscente dell'OMCeO Firenze a margine del XXXI Congresso Nazionale CIMO. Elezioni dell'Ordine 19-21 novembre: in corsa Piero Tosi, Teresita Mazzei e Pasquale Morano
Formazione ECM, Chiriatti (FIMMG Roma): «Scadenza si avvicina, FAD soluzione utile e semplice per ottemperare obbligo»
Il Vicesegretario Provinciale Vicario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale parla ai nostri microfoni dell’imminente fine della proroga: «Abbiamo visto tutti cosa è successo ai medici competenti. Spero non si ripeta un caso simile»
Robot in corsia: il Careggi già in pista. La tecnologia ruberà lavoro ai medici? L’intervista al Direttore dell’AOU di Firenze
Sempre più ospedali tecnologicamente virtuosi si dotano di macchinari all’avanguardia che sostituiscono l’operato dell’uomo. Saranno spazzati via milioni di posti di lavoro? La risposta di Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze...
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...