Formazione 2 dicembre 2014

Forum Ecm: riflettori accesi su nuove tecnologie e sanzioni

La VI edizione della Conferenza Nazionale sulla Formazione Continua in Medicina ha evidenziato anche la necessità di rendere più omogeneo l’accreditamento

Immagine articolo

Uniformare le modalità di accreditamento ECM a livello nazionale ed evolvere il metodo di insegnamento puntando su nuove tecnologie e Formazione sul Campo. Sono queste le nuove linee guida emerse dalla sesta Conferenza Nazionale sulla Formazione Continua in Medicina, che ha avuto luogo lo scorso 24 e 25 novembre nel Palazzo dei Congressi di Roma.

L’evento è andato in scena in un momento in cui il Sistema Sanitario italiano va incontro ad un nuovo Patto della Salute e ad importanti cambiamenti in ambito medico-sanitario. In questo contesto, la Conferenza si è proposta, nell’ambito della formazione dei professionisti sanitari, come momento di confronto in cui tutti i principali attori del Sistema sono stati chiamati ad apportare il proprio contributo di esperienze, idee e progetti da condividere e confrontare per un sistema sempre più all’avanguardia.

Organizzata sotto la direzione scientifica della Commissione Nazionale per la Formazione Continua e del Ministero della Salute, in collaborazione con Age.Na.S. (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali), quest’anno la Conferenza ha avuto uno spessore particolare perché inserita nella cornice del Semestre italiano a guida dell’Unione europea. Motivo, questo, per cui l’evento ha rappresentato un’occasione unica per trattare il tema dell’aggiornamento professionale e della necessaria armonizzazione delle regole non soltanto nel quadro nazionale, ma in quello – molto più ampio – europeo.

Dalla due giorni è emerso che il 53% circa di tutti i professionisti che operano nella sanità non risulta in regola con il conseguimento dei crediti necessari. Su questo argomento il presidente della FNOMCeO, Amedeo Bianco, si è detto sicuro che “con un piccolo sforzo” si potrebbe riuscire a far scendere questa percentuale “almeno fino al 50, il che non è poco”. Le strade praticabili in questo senso sono due: far crescere una “cultura dell’aggiornamento” tra i professionisti italiani e introdurre, possibilmente per l’inizio del 2016, una serie di sanzioni per chi non si aggiorna.

Largo spazio è stato poi dato alle nuove frontiere della formazione ECM, ovvero quelle relative alle nuove tecnologie: Webinar, realtà aumentata, chirurgia robotica sono soltanto alcune delle tipologie di metodo di aggiornamento che si imporranno nel corso dei prossimi anni. Per il momento, resta la necessità per il medico di formarsi attraverso i “classici” corsi Residenziali, FSC e FAD, con quest’ultimo in rapida e importante ascesa anche grazie allo sviluppo e alla sempre più capillare diffusione di smartphone e tablet.

Articoli correlati
Emergenza Sorrisi festeggia il decennale e parte per il Senegal. Il Presidente Abenavoli: «Altra grande sfida»
Formare i medici locali e operare i bambini affetti da palatoschisi: ecco gli obiettivi di Emergenza Sorrisi. La ONG, guidata dal chirurgo plastico Fabio Massimo Abenavoli, festeggia dieci anni di attività con una mostra fotografica che raccoglie tutte le missioni umanitarie fatte finora
ECM e medici del lavoro, cosa dice la normativa?
E’ il Decreto 81/2008 che fissa il limite minimo del 70% dell’obbligo formativo nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di lavoro”. Pertanto, se ad esempio l’obbligo formativo standard è di 150 crediti nel triennio, il Decreto 81 impone ai medici del lavoro di conseguire almeno 105 crediti (pari al 70%) nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di […]
Cos’è il dossier formativo?
Sempre sul sito COGEAPS (www.cogeaps.it ) ogni medico può volontariamente attivare il proprio Dossier Formativo, cioè dichiarare gli obiettivi formativi che si prefigge di raggiungere, che poi andrà riscontrato con gli eventi effettivamente frequentati. Al termine del periodo di osservazione, sarà quindi possibile verificare da un lato i fabbisogni formativi attesi e dall’altro la formazione effettivamente […]
Emergenza Sorrisi, il decennale dell’organizzazione. Abenavoli: «Ci auguriamo altri dieci anni di sorrisi»
Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo "10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati
Stefano De Lillo si candida all’Omceo Roma: «Superare le divisioni per lavorare uniti per il meglio dei medici»
«Superare le divisioni e lavorare insieme per rilanciare l’immagine del medico nella società». Così Stefano De Lillo ha presentato la sua candidatura alla presidenza dell’OMCeO di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...