Salute 13 maggio 2015

Ebola, «A tre ore dall’annuncio malato in sicurezza»

Intervista al tenente colonnello Marco Lastilla dell’Aeronautica Militare

Immagine articolo

In sicurezza in tre ore. È stato eseguito con grande tempestività dall’Aeronautica Militare il trasporto – da Sassari a Roma – dell’infermiere sardo 37enne contagiato dall’Ebola.

La notizia della conferma della positività delle analisi del volontario di Emergency è stata ufficializzata attorno alle 18 di lunedì pomeriggio. Pur in allerta dal suo ricovero di domenica, i militari sono stati costretti a muoversi in tempi strettissimi e con procedure blindate. Poco prima delle 21 erano già in Sardegna. Subito hanno avviato le delicate operazioni previste. Con mezzi speciali e attrezzature di alta protezione, il secondo italiano colpito dal virus è stato portato all’esterno dell’ospedale di Sassari e trasportato via terra all’aeroporto di Alghero. Imbarcato in bio-contenimento a bordo di un C130, il “paziente 2” è arrivato a Pratica di Mare alle 2,50 e dunque è giunto all’Istituto nazionale per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di-Roma in piena notte. Come già avvenuto, nel novembre scorso, per Fabrizio Pulvirenti, le operazioni – organizzate d’intesa con il ministero della Salute e quello della Difesa –  sono state coordinate dal tenente colonnello Marco Lastilla, che le ha raccontate ai microfoni di Sanità Informazione.

L’Aereonautica Militare, chiamata di nuovo in causa, per fronteggiare l’emergenza Ebola ha confermato la sua professionalità, la competenza e la capacità di compiere rapidamente un trasferimento di tale complessità.

«Rispetto il caso del dottor Pulvirenti, che abbiamo rimpatriato dalla Sierra Leone, stavolta abbiamo agito in ambito nazionale. Le modalità erano comunque le stesse, compreso il doppio trasporto: via terra e via aerea. Il trasferimento è avvenuto in totale isolamento ed è stato compiuto da personale altamente addestrato. Tutto si è svolto nella massima sicurezza per il paziente che è stato monitorato, gestito e assistito nel corso di tutte le varie fasi senza alcuna criticità».

Ha parlato di personale altamente addestrato. La formazione gioca un ruolo fondamentale?

«Assolutamente sì. Nel caso specifico del trattamento dell’emergenza Ebola uno dei fattori decisivi è anche la tempestività del ricovero in un ambiente ed in una struttura adeguata. Il team è preparato per agire in qualsiasi situazione ed in qualsiasi posto del mondo con una reperibilità di otto ore».

Per quella che è un’eccellenza del nostro Paese, con un sistema di trasporto in bio-contenimento con strumentazioni all’avanguardia, non sarà stato un problema dover agire in piena notte oltre che in tempi stretti.

«Al contrario. Siamo stati agevolati nella gestione della mobilità. I trasferimenti, soprattutto via terra, hanno beneficiato della possibilità di potersi muovere sul territorio senza particolari intralci».

Articoli correlati
Terni, ritorna dal Madagascar con febbre e cefalea: nessuna malattia infettiva
Sta bene il ternano con sintomi di febbre, diarrea e cefalea – presenti da quando era rientrato da un soggiorno in un’isola del Madagascar –  che l’avevano spinto a recarsi il 24 dicembre al pronto soccorso dell’Ospedale di Terni. Esclusa fin da subito l’ipotesi della peste (preoccupazione nata dal fatto che in alcune città del […]
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...