Salute 5 aprile 2017

Nutrizione e prevenzione, solo 14% dei bambini segue dieta mediterranea. Lena (Regione Lazio): «Serve formazione»

«Diffondere una corretta educazione alimentare è compito di medici e istituzioni, in questa ottica è giusto essere ben preparati per fornire risposte corrette». Lo dichiara il Presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute, Rodolfo Lena, a margine del convengo “Valutazione delle criticità nazionali in ambito nutrizionale e strategie d’intervento 2016-2019” alla Regione Lazio

Immagine articolo

Uno stile di vita corretto e una sana alimentazione possono aiutare a prevenire le malattie. Una rete capillare che colleghi grande distribuzione, ristorazione collettiva, farmacie, università, professionisti sanitari, istituzioni, fino ad arrivare a studenti e singoli cittadini, può aiutare ad intraprendere un percorso alimentare idoneo alla profilassi delle patologie.  Su questo tema, il Consiglio Regionale del Lazio ha organizzato pochi giorni fa, un convegno alla luce dell’accordo siglato da Governo e Regioni sul documento “Valutazione delle criticità nazionali in ambito nutrizionale e strategie d’intervento 2016-2019”.

«Ci rendiamo conto di dover dare risposte importanti rispetto alla qualità della vita che vogliamo offrire ai cittadini» spiega il Presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute, Rodolfo Lena intervenuto al convegno. «Sappiamo ormai con certezza che tante patologie possono essere prevenute a tavola e per questo è un obbligo per tutta la classe dirigente favorire un serio ragionamento su come mangiamo e su quali siano le emergenze più impellenti da affrontare, se serve anche con un’apposita legislazione regionale». Il Presidente ha guidato il progetto “Okkio alla Ristorazione”, (partito nel 2012) che ha costituito la base di partenza del documento firmato dalla Stato-Regioni e che ha visto sei Regioni (Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Sicilia, Veneto), protagoniste di una fattiva collaborazione per promuovere la diffusione di corrette informazioni nutrizionali.

«Tutte queste iniziative sono utili per sensibilizzare l’opinione pubblica, soprattutto i bambini – spiega il Presidente -. Si parla di obesità, si parla di qualità della vita, si parla di mangiar bene, si parla di nutrizione, si parla di stile di vita: questi progetti possono effettivamente migliorare la qualità della vita, e soprattutto possono essere utili a evitare le cure, evitare tante spese. Tutto questo serve di fatto a far sì che un sistema sanitario che sta cambiando, cambi anche rispetto a quella che è la prevenzione. ‘Prevenire è meglio che curare’, uno slogan conosciuto e già detto ma assolutamente vero. La qualità della vita è fondamentale, non soltanto perché la vita va vissuta al meglio ma perché riuscire ad evitare malattie, può aiutare anche il Sistema Sanitario e quindi la comunità. Prevenire vuol dire migliorare la qualità della vita delle persone della nostra Regione».

In quest’ottica, è fondamentale il ruolo del medico, in tal senso l’operatore sanitario deve essere assolutamente preparato per poter guidare il paziente nel modo più corretto. «L’aspetto della conoscenza è fondamentale, non c’è dubbio – spiega il presidente Lena -. Il sistema deve puntare di più sulla formazione di coloro che devono fornire risposte, mi riferisco ai medici, ai pediatri, alle istituzioni, perché le istituzioni possono e devono svolgere questo ruolo attivo. Diffondere una corretta educazione alimentare è importante anche nelle scuole – prosegue – nelle comunità dove c’è una presenza massiccia, di differenti figure: dai genitori, agli insegnanti, a tutti quegli attori che entrano nelle dinamiche di vita per cui è utile sapere che un sistema di vita differente parte proprio dall’alimentazione. Quindi è bene promuovere una dieta mediterranea corretta. Sempre in riferimento alla formazione, tantissime volte si sente la parola ‘dieta mediterranea’, purtroppo molto spesso se ne parla ignorando le effettive caratteristiche. Soltanto il 14% dei bambini italiani segue una vera e propria dieta mediterranea. Questo è un dato strettamente legato alla conoscenza, ai prodotti, al costo dei prodotti e ad un’informazione da migliorare».

Articoli correlati
Pescara capitale dell’udito: parte l’edizione 2018 di “Nonno Ascoltami!”
È partita la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. L’evento toccherà 33 città, in tutta Italia e si svolgerà per sei domeniche consecutive, dal 23 settembre fino al 28 ottobre. […]
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
Giornata mondiale della malattia di Alzheimer: nuove speranze per la prevenzione della patologia
La diagnosi della malattia di Alzheimer cambia la vita delle persone, non solo di quelle colpite ma anche dei loro cari. In tutto il mondo, più di 44 milioni di persone soffrono di demenza: la Malattia di Alzheimer ne rappresenta la forma più comune e costituisce una delle sfide sanitarie più grandi da affrontare. Ogni […]
Prevenzione, al via la nona edizione di “Nonno Ascoltami” con Lino Banfi testimonial d’eccezione
Al via in tutta Italia la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. Ad aprire l’edizione 2018 un testimonial d’eccezione: l’attore Lino Banfi, già promotore al fianco della Onlus “Nonno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...