Politica 28 febbraio 2014

Rimborsi ex specializzandi: restituiti a Torino altri 4 milioni ai camici bianchi

Il dottor Massimo Leporati: “Dopo tutti questi anni non ci credevo più, un risultato straordinario”

Immagine articolo

Al dottor Massimo Leporati non erano stati corrisposti i rimborsi degli anni di specializzazione. Migliaia e migliaia di euro che lo Stato italiano era obbligato a dargli in virtù di una normativa europea entrata in vigore nel nostro Paese con largo e colpevole ritardo. Il medico ha dato il via all’iter processuale per prendere quel che gli spettava di diritto nel 2002, supportato dal team di Consulcesi, la più grande associazione italiana e tra le maggiori in Europa nell’ambito della tutela dei professionisti sanitari.

Dopo quasi dodici anni di battaglie legali, il giudice gli ha dato ragione. Ma non era da solo. Insieme a lui tantissimi colleghi che si trovavano nella stessa situazione hanno ottenuto il medesimo risultato. Tutti questi hanno ricevuto, in totale, più di quattro milioni di euro, consegnati ufficialmente venerdì 24 gennaio a Torino. “Per me sabati, domeniche e capodanni non esistevano – ha spiegato il dottor Leporati, specializzato in Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – perché per pagarmi gli studi lavoravo come cameriere. Dopo tutti questi anni cominciavo a non crederci più, ma finalmente il diritto è stato riconosciuto”.

“Non ci fermeremo finché l’ultimo medico il cui diritto sia stato leso non verrà risarcito”

La vicenda risale al 1983, quando gli Stati del vecchio continente vennero obbligati da alcune direttive europee a corrispondere un giusto compenso ai medici che frequentavano (o che lo avrebbero fatto in futuro) un corso di specializzazione. In Italia, purtroppo, queste direttive rimasero lettera morta e i medici specializzandi non ricevettero nulla di quel che era loro dovuto. Tutto questo è avvenuto fino a quando l’Italia non ha finalmente recepito le indicazioni UE. Ma da quel momento si sono aperti vari fronti processuali in cui i professionisti sanitari chiedevano allo Stato quanto gli spettava. I medici interessati sono quelli immatricolati tra gli anni 1982 e 1991 e tra il 1994 e il 2006.

È questo il momento in cui scende in campo Consulcesi, prendendo a cuore il destino di questi medici e supportandoli  al fine di ottenere i rimborsi negati:  “Come Associazione – ha dichiarato il vicepresidente Edoardo Pantano – abbiamo avuto un 2013 straordinario che ci ha fatto raggiungere la cifra record di 327 milioni di euro riconosciuti dai tribunali di tutta Italia, con cause sempre più brevi e una giurisprudenza ormai consolidata in favore dei medici. Questo 2014 inizia ancora meglio  con una nuova importante azione collettiva che partirà a breve. Non abbiamo alcuna intenzione di fermarci finché l’ultimo medico sul territorio nazionale il cui diritto sia stato leso non verrà adeguatamente risarcito“. Per informazioni sono disponibili il numero verde dell’Associazione: 800 122 777, ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Specializzazioni, SIGM: bene miglioramento scuole ma ora accelerare. Il 5 scatta il #GiovaniMediciDay
Segretariato Italiano dei Giovani Medici (SIGM): situazione andava affrontata, ci sono specializzandi di area chirurgica costretti a sola attività ambulatoriale perché iscritti a scuole mancanti di sale operatorie o sale parto
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...