Politica 1 marzo 2018

Lorenzin: «Il mio futuro? Continuerò ad occuparmi di sanità a prescindere dal ruolo che ricoprirò»

Il Ministro della Salute, rieletta alla Camera, presenta il suo libro “Per salute e per giustizia” e confida a Sanità Informazione: «Non si può lavorare per cinque anni per la salute e il SSN e poi non occuparsene più»

Immagine articolo

Solo la politica e la scienza possono salvare il Servizio Sanitario Nazionale, recita il sottotitolo del libro del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, appena rieletta alla Camera dei Deputati, “Per salute e per giustizia”. «È una testimonianza delle cose fatte e traccia una linea per il futuro», ha dichiarato a margine della presentazione del libro al Grand Hotel Parco dei Principi di Roma. Incontro interrotto dalla contestazione di un gruppo di no-Vax, capeggiati dall’ex generale Pappalardo, che urlando hanno rivolto al Ministro domande del genere «Quanto vi danno per ammazzare i bambini?». Il Ministro, tra gli applausi della platea, ha posto fine alle provocazioni annunciando querele per diffamazione e sottolineando come «in Italia la scienza sia diventata non un qualcosa di normale ma una provocazione». L’episodio si è poi concluso con il grido proveniente dal pubblico: «Viva la scienza».

TUTTE LE INTERVISTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SANITÀ

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE ELEZIONI 2018

Tanti, infatti, gli esponenti del mondo scientifico presenti in sala, proprio a testimoniare quel connubio tra politica e scienza già evidenziato sulla copertina del volume presentato e che ben descrive l’esperienza ministeriale della Lorenzin: dai Presidenti delle Federazioni nazionali degli ordini dei medici e degli infermieri, quest’ultimo nato proprio grazie ad una legge a firma Lorenzin, al Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e al Direttore dell’Agenzia del Farmaco, passando per sindacati, associazioni civili, mondo delle farmacie, presidenti di società scientifiche ed esponenti del neo-partito fondato dalla Lorenzin.

Un’iniziativa che chiude la sua esperienza di Ministro della Salute? «Da un punto di vista logico sì – risponde ai microfoni di Sanità Informazione Beatrice Lorenzin – però non si può mai sapere nella vita. Sarò Ministro fino a quando il governo sarà in carica e poi vedremo. Quel che è certo – prosegue – è che la salute e il Sistema sanitario mi rimarranno nel cuore».

L’impegno della Lorenzin per il mondo sanitario non si esaurisce con la fine del governo, quindi, anche nel caso in cui non ricoprisse più il ruolo di Ministro: «Non si può lavorare per una cosa così per cinque anni e poi non occuparsene più. Almeno per me sarebbe impossibile».

Intanto con questo libro lascia una traccia da seguire a chiunque sarà il suo successore, un elenco di problemi ancora da affrontare e un riassunto delle iniziative portate avanti in questi anni, «una serie di riforme estremamente importanti che vedranno la luce e dovranno essere implementate nel prossimo futuro», specifica.

Il Ministro identifica dieci azioni da intraprendere per «uscire dalla tempesta perfetta»: più risorse per mettere in sicurezza il SSN, sostegno alle nascite, lotta alle inefficienze, un fondo speciale per l’innovazione, la riforma dei ticket, un’alleanza globale per calmierare il prezzo dei super-farmaci, un’assicurazione pubblica per le cure odontoiatriche, un nuovo piano sulle liste d’attesa, un nuovo modello di welfare per l’assistenza agli anziani e valorizzare la ricerca.

«Sono dieci piani d’azione – si legge nelle ultime righe del libro –  che per avere successo devono essere accompagnati da un maggior coinvolgimento del personale sanitario nelle scelte delle Aziende sanitarie. Personale che profonde un impegno che non è mai venuto meno e che va nei limiti del possibile incentivato. Perché sono loro i veri protagonisti di questo bistrattato da alcuni, amato da molti, Servizio sanitario nazionale. La cui sopravvivenza è un fatto di Giustizia. È un fatto di Salute».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, Grillo incontra i dipendenti del Ministero: «Merito ed efficienza capisaldi del mio mandato»
Il Ministro ha ribadito l’importanza del lavoro di squadra. Poi ha aggiunto: «Sono certa che con le tante, qualificate, risorse che il dicastero ha a disposizione sarà fatto un ottimo lavoro»
Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute
L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte. Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, […]
Legge Lorenzin: approvati i decreti attuativi per Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
«Questo è un momento di svolta storico nella nostra professione perché arriva alla fine di un iter lungo che ha permesso di dare il giusto valore e riconoscimento a una professione con un ruolo sempre più fondamentale e centrale nella tutela della salute pubblica» così Nausicaa Orlandi, Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici
La Sanità nelle parole di Conte e Grillo: «Mai più cittadini di serie A e B. Vaccini? Si decide su basi scientifiche»
Il neoministro delinea la sua visione della sanità: «Cittadini hanno diritto a un Servizio sanitario davvero efficiente e universale. Ci sono milioni di miei concittadini che ogni anno rinunciano alle cure, o le posticipano, per ragioni economiche e questo non deve più accadere». Sui vaccini: «Decisioni saranno collegiali». Le parole di Conte nel discorso per la fiducia
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...