Mondo 26 agosto 2014

Quando il cuore grande della solidarietà batte per i più piccoli 

Da oltre dieci anni il prof. Giovanni Stellin cura le malformazioni cardiache dei bimbi eritrei

Un intervento chirurgico, anche complesso, se eseguito in strutture adeguate e da mani competenti, può salvare una vita. Ma quel che a noi sembra quasi ordinario, in tante, troppe zone del mondo è ancora straordinario: veri e propri miracoli

E, a volte, si tratta di miracoli in carne e ossa… e camice bianco. E’ il caso del prof. Giovanni Stellin, cardiochirurgo pediatrico, che, insieme alla sua equipe, da anni regala la speranza di una vita migliore ai bambini dell’Eritrea.

La sua è una materia molto delicata, e lo è ancora di più nei casi di popolazioni meno fortunate…
Sicuramente sì: quasi un neonato su cento nasce con malformazioni cardiache congenite. Il nostro obiettivo è permettere a questi bimbi di crescere, diventare adulti e condurre una vita normale. Il servizio sanitario italiano, per fortuna, include il trattamento di questi bambini, ma pensiamo ai Paesi meno sviluppati o in via di sviluppo – come l’Eritrea – dove le risorse sono minime: i bambini eritrei cardiopatici andrebbero incontro al loro destino se non ci fossero team stranieri che operano lì per correggerne le malformazioni.

Lei, insieme ad alcuni suoi colleghi, ormai da dieci anni è protagonista di missioni umanitarie per aiutare questi bambini…
In autunno saremo alla nostra decima missione: siamo contenti di poter fare qualcosa per chi ha meno di noi. Il nostro impegno in questi dieci anni è stato molto forte: svolgiamo 1 o 2 missioni all’anno, e abbiamo creato un team locale composto da personale medico e paramedico con l’obiettivo di renderlo, nel giro di poco tempo, in grado di operare autonomamente sul territorio. A mancare sono le risorse: ogni volta, dall’Italia dobbiamo portare lì tutto il materiale necessario , che però, fortunatamente, spesso viene donato dalle aziende.

Quali sono le realtà che vi sostengono in queste missioni?
Sicuramente l’associazione “Un cuore un mondo Padova Onlus”, nata più di vent’anni fa dai genitori di bambini operati a Padova. Questo ente, che tra i suoi scopi annovera la ricerca e l’assistenza delle famiglie che arrivano a Padova per l’intervento, si è dedicata molto anche alle missioni in Eritrea, e spero che continuerà a farlo.

Come diceva, la prossima missione sarà in autunno…
Sì, a novembre, e la stiamo già preparando nel dettaglio. Queste missioni hanno alle spalle un’organizzazione capillare: ogni 2 settimane ci confrontiamo per fare il punto sulle risorse raccolte, per preparare il cargo, spedire il materiale, e coordinarci con l’equipe locale.

Tags

Articoli correlati
Expo, si comincia: con l’alimentazione protagonista la salute
Prova del nove per le strutture sanitarie milanesi, si prevede affluenza record
Il “Jet Set” della sanità europea a Milano
Le telecamere di Sanità Informazione all'atteso summit: protagonisti tutti i ministri della Salute della Ue e le grandi organizzazioni internazionali in ambito sanitario
La Svizzera “fa leva” sull’Italia per arginare la Sanità pubblica
Le assicurazioni private prendono di mira il Ssn del Belpaese in vista del referendum del 28 settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione