Salute 8 Settembre 2022 13:52

ONU: il Covid ha riportato il pianeta indietro di 5 anni

Una serie di crisi senza precedenti, tra cui principalmente il Covid, ha riportato indietro il progresso umano di 5 anni e ha alimentato un’ondata globale di incertezza. Lo rivela un nuovo rapporto dell’ONU

ONU: il Covid ha riportato il pianeta indietro di 5 anni

Una serie di crisi senza precedenti, tra cui principalmente il Covid, ha riportato indietro il progresso umano di 5 anni e ha alimentato un’ondata globale di incertezza. Il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) ha annunciato che, per la prima volta da quando è stato creato oltre 30 anni fa, l’Indice di Sviluppo Umano – una misura delle aspettative di vita, dei livelli di istruzione e degli standard di vita dei Paesi – è diminuito per due anni di fila, nel 2020 e nel 2021, «cancellando i guadagni dei cinque anni precedenti».

Il declino riguarda il 90% dei paesi del mondo

«L’inversione di tendenza è quasi universale: oltre il 90% dei Paesi ha registrato un calo nel punteggio dell’Indice di sviluppo umano nel 2020 o nel 2021 e più del 40% è diminuito in entrambi gli anni, a dimostrazione del fatto che per molti la crisi si sta ancora aggravando», ha dichiarato l’ONU. «Significa che moriamo prima, siamo meno istruiti e che i nostri redditi stanno scendendo», ha precisato Achim Steiner, alla guida dell’UNPD. «Sono tre parametri che possono aiutare a farci un idea del motivo per cui così tante persone stanno iniziando a sentirsi disperate, frustrate e preoccupate per il futuro», ha aggiunto.

ONU, la pandemia è il principale responsabile

Secondo l’ONU, l’Indice di sviluppo umano è aumentato costantemente per decenni, ma ha iniziato a calare nel 2020 e ha continuato a diminuire nel 2021, cancellando i passi in avanti fatti nei cinque anni precedenti. Inoltre, il rapporto indica la pandemia come il principale responsabile di questa inversione globale. Tuttavia, afferma anche che un numero crescente di crisi – politiche, finanziarie e legate al clima – non hanno dato ai paesi il tempo di riprendersi. «Abbiamo avuto disastri in precedenza. Abbiamo avuto conflitti in precedenza. Ma la confluenza di ciò che stiamo affrontando in questo momento è una grave battuta d’arresto per lo sviluppo umano», ha affermato Steiner.

Onu: «Le prospettive per il 2022 sono cupe»

Svizzera, Norvegia e Islanda hanno mantenuto tutte il loro posto in cima alla lista. Mentre Sud Sudan, Ciad e Niger sono in fondo. E mentre alcuni paesi avevano iniziato a riprendersi dalla pandemia, molti altri in America Latina, Africa Subsahariana, Asia Meridionale e Caraibi non erano ancora riuscite a superare la crisi del Covid che è subito esploda la guerra in Ucraina. Sebbene le ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina sulla sicurezza alimentare ed energetica non siano ancora state calcolate nell’indice di quest’anno, «senza alcun dubbio, le prospettive per il 2022 sono cupe», ha affermato Steiner.

L’aspettativa di vita è diminuita di quasi 2 anni

Un grande contributo al recente calo dell’Indice di sviluppo umano è il calo globale dell’aspettativa di vita, passata da 73 anni nel 2019 a 71,4 anni nel 2021. L’autore principale del rapporto, Pedro Conceicao, ha descritto la diminuzione come uno «shock senza precedenti», osservando che alcuni paesi, inclusi gli Stati Uniti, hanno registrato cali di due anni o più. Il rapporto descrive anche come il cambiamento climatico, la globalizzazione e la polarizzazione politica presentino all’umanità un complesso livello di incertezza «mai visto nella storia umana”, portando a crescenti sentimenti di insicurezza. «Le persone hanno perso la fiducia l’una nell’altra», ha detto Steiner. Infine, l’ONU indica tre trasformazioni urgenti necessarie per il futuro: una riduzione delle emissioni di CO2, meno disuguaglianza e maggiore sostenibilità.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, allarme Oms: «Oltre 2,2 milioni di morti in Europa entro primavera»
La previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulla base delle tendenze attuali
Covid-19, Silvestri: «Variante sudafricana sei volte meno sensibile ai vaccini a Rna. Ma non è detto che sia del tutto resistente»
Il Professore della Emory University, animatore del blog ‘Pillole di Ottimismo’, ha illustrato in Commissione Sanità i dati dei paesi più avanti con le vaccinazioni: «Negli USA casi in calo in 46 Stati su 50 senza particolari misure di restrizione. E in Israele la curva dei casi fra gli over 60 sta calando rapidamente»
Il vaccino fa risalire la speranza. Ma il mondo è in piena seconda ondata
Nelle lista dei 10 paesi più colpiti dalla seconda ondata il primo posto è ancora degli Usa, ma l'Italia si trova al terzo. In Francia plateau raggiunto secondo il ministro della Salute, mentre il Regno Unito valuta la distribuzione della vitamina D
Coronavirus, Spallanzani: «Ecco gli ultimi aggiornamenti sull’epidemia»
Tutte le informazioni disponibili ed aggiornate sulla diffusione del coronavirus dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma
Giornata mondiale contro il cancro: in Italia +53% di pazienti vivi dopo la diagnosi in 10 anni
Il monito dell’Aiom: «Il nostro Paese ai vertici in Europa nell’assistenza oncologica - dichiara il presidente Giordano Beretta - ma ci sono ancora differenze territoriali nell’accesso alle cure. Seguire l’esempio delle regioni virtuose nel favorire l’accesso a farmaci innovativi e agli esami in grado di predire l’efficacia della chemioterapia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi